FobiaSociale.com  
     

Home Messaggi odierni Registrazione Cerca FAQ Messaggi odierni Segna i forum come letti
 
Vai indietro   FobiaSociale.com > Fobia Sociale > SocioFobia Forum Generale
Rispondi
 
Vecchio 02-04-2021, 18:00   #1
Intermedio
L'avatar di Rockson
 

Vorrei un parere, solo oggi nella mia ignoranza ne ho sentito parlare per la prima volta, ma leggendo la descrizione io credo di essere stato da sempre afflitto dalla sindrome di Asperger, ma sicuramente qualcosa che entra nello spettro autistico. Tutto quello che ho letto sulla Asperger (ad esempio qui: https://www.doveecomemicuro.it/encic...drome-asperger ) corrisponde esattamente alla mia descrizione, da bambino fino ad adulto, cioè fino al fallimento di persona che sono diventato adesso, che non lavoro da 15 anni a causa dei miei problemi mentali, che comprendono anche DOC, ossessioni, ecc..
Quando è che ho cominciato a rendermi conto che qualcosa in me non andava? Sembra assurdo, non molto tempo fa. Mi sono sempre ritenuto uno strano, con troppe cose che non andavano, timidezza e introversione patologica anche da adulto, ma qualche anno fa quando andavo in un bar a prendere le sigarette mi rendevo conto che non riuscivo ad interagire con nessuno, nemmeno col barista. Poi cambiai bar ed è sucesso lo stesso, non riuscivo ad avere il minimo dialogo con nessuno, con qualunque barista. In quei momenti mi vedevo dall'esterno come una persona totalmente anormale. Anni ad entrare chiedere, senza mai avere uno straccio di dialogo, nemmeno una parola, mai. Non è normale, me ne rendo conto, penso ad ogni volta che questo o quel barista mi vedeva, immagino che pensasse di avere a che fare con uno che non era normale. A dire il vero uno ci provo ad attaccare bottone, e io replicai, ma credo in modo molto goffo e spicciativo, infatti fu l'ultima volta.
Ma tutto questo non è mai stato diagnosticato in me, forse i miei genitori temevano di avere un figlio anormale, adesso che ho 50 anni mi rendo conto di non avere avuto mai nessun tipo di supporto psicologico.
Ma se e quando usciremo da questa fase covid, voglio andare a fondo di questa cosa, casomai ci fosse la possibilità di ricevere qualche tipo di supporto che non ho mai ricevuto. Mi sembra tutto incredibile, può essere che esista qualcuno che ha da sempre avuto un problema simile e non gli sia mai stato diagnosticato perché una volta, quando ero piccolo io, non si dava peso a questi problemi?

EDIT: ho trovato questo articolo che in pretica descrive ESATTAMENTE il mio stato, ma non solo mentale, anche quello della vita quotidiana, che è così ormai da tantissimo tempo: https://www.istitutobeck.com/autismo...sperger-adulto
Se dovessi riassumere in poche parole la mia situazione è: assenza di lavoro e imposibilità di essere in condizioni psico fisiche per lavorare, e questo da molti anni, nonostante io abbia sempre lavorato dai 19 ai 35 anni (ma avevo problemi anche allora, anche se la situazione era molto migliore), mancanza di autonomia, dipendo ancora dai miei genitori, assenza totale di amicizie, isolamento assoluto, trascuratezza, non esco mai, anche prima del covid non uscivo quasi mai, quelle rare volte uscivo solo di notte, e solo per fare un giro con l'auto. Non credo che tutto questo mi porterà lontano, ne sono cosciente, ma tant'è questa è la realtà, sono certo che non ne uscirò più soprattutto vista l'età.

Ultima modifica di Rockson; 04-04-2021 a 08:26.
Vecchio 02-04-2021, 18:11   #2
Esperto
L'avatar di Equilibrium
 

Ti conviene andare da uno specialista che di queste cose se ne intende, anche 2 o 3 se puoi, giusto se vuoi essere strasicuro.
Vecchio 02-04-2021, 18:32   #3
Esperto
L'avatar di Silent Bob
 

Quote:
Originariamente inviata da Rockson Visualizza il messaggio
può essere che esista qualcuno che ha da sempre avuto un problema simile e non gli sia mai stato diagnosticato perché una volta, quando ero piccolo io, non si dava peso a questi problemi?
Una persona che conosco ha avuto la diagnosi a 70 anni, una mia amica a 58 anni, il giornalista Nicoletti a 63, io a 40 anni.
Ringraziamenti da
Brutton (03-04-2021)
Vecchio 02-04-2021, 19:01   #4
Avanzato
L'avatar di Iago
 

Quote:
Originariamente inviata da Rockson Visualizza il messaggio
Vorrei un parere, solo oggi nella mia ignoranza ne ho sentito parlare per la prima volta, ma leggendo la descrizione io credo di essere stato da sempre afflitto dalla sindrome di Asperger, ma sicuramente qualcosa che entra nello spettro autistico. Tutto quello che ho letto sulla Asperger (ad esempio qui: https://www.doveecomemicuro.it/encic...drome-asperger ) corrisponde esattamente alla mia descrizione, da bambino fino ad adulto, cioè fino al fallimento di persona che sono diventato adesso, che non lavoro da 15 anni a causa dei miei problemi mentali.
Quando è che ho cominciato a rendermi conto che qualcosa in me non andava? Sembra assurdo, non molto tempo fa. Mi sono sempre ritenuto uno strano, con troppe cose che non andavano, timidezza e introersione patologica anche da adulto, ma qualche anno fa quando andavo in un bara prendere la sigarette mi rendevo conto che non riuscivo ad interagire con nessuno, nemmeno col barista. Poi cambiai bar e successe lo stesso, nno riuscivo ad avere il minimo dialogo con nessuno, con qualunque barista, in quei momenti mi vedevo come dall'esterno come una persona anormale.
Ma tutto questo non è mai stato diagnosticato in me, forse i miei genitori temevano di avere un figlio anormale, adesso che ho 50 anni mi rendo conto di non avere avuto mai nessun tipo di supporto psicologico.
Ma se e quando usciremo da questa fase covid, voglio andare a fondo di questa cosa, casomai ci fosse la possibilità di ricevere qualche tipo di supporto che non ho mai ricevuto. Mi sembra tutto incredibile, può essere che esista qualcuno che ha da sempre avuto un problema simile e non gli sia mai stato diagnosticato perché una volta, quando ero piccolo io, non si dava peso a questi problemi?
Online trovi un test, sviluppato da psicologi che ti dice se lo sei o no!
Sono parecchie domande fatte in modo tale da non poter barare e fatte in modo tale che un "presunto Asperger" risponda in un determinato modo a delle domande specifiche.
Lo possono fare tutti, poi è ovvio che bisogna andare da un professionista.

Inviato dal mio ASUS_X00TD utilizzando Tapatalk
Vecchio 02-04-2021, 20:29   #5
Esperto
L'avatar di Surrounded
 

Quote:
Originariamente inviata da Iago Visualizza il messaggio
Online trovi un test
Mi manderesti gentilmente il link? Anche in privato se preferisci
Vecchio 02-04-2021, 21:20   #6
Intermedio
L'avatar di IljaIlic
 

Io eviterei di farlo. Vengo positivo a tutti i test online sull'asperger ma tutti i neurologi e psicologi che mi hanno visitato hanno detto che non rientro assolutamente nello spettro autistico. Ti creeresti una preoccupazione inutile.

Poi, ma questa è una mia opinione personale, quest'Asperger copre una tale varietà di disturbi differenti che nessuno ha capito cosa sia realmente, un po' come il borderline.
Vecchio 02-04-2021, 21:34   #7
Esperto
L'avatar di vikingo
 

A 33 anni a ottobre lo scoperto.sono risorto come laraba fenice che mi sono tatuato.anche perche ho capito come sono fatto lansia lemotjvita limpulsivita.gli stimoli sensoriali sviluppati il sentirsi sempre un pesce fuor dacqua spesso in mille contesti.la goffaggine e tutto il resto in italia siamo 300 mila non siamo pochi e 1 milione nello spettro autistico tutti insieme.col covid sembriamo tutti mezzi autistici.io lho sempre saputo che ero diverso la difficolta cronica ad attaccare bottone la rigidita.il contatto oculare quando lessi le caratteristiche le avevo tutte.e un disturbo che e venuto a galla nell ultimo quindicennio.chi e nato prima rischia di ricevere diagnosi dopo i 40 e a quel punto si rischia di essere tagliati fuori da tutto.si dovrebbe diagnosticare entro gli 11 anni in un bambino.non ci sono molti luminari 5 o 6 in italia questo e un altro problema.chi non guadagna in questo periodo poter prendere i soldi dell invalidita come faro io.se non ha un reddito alto e una manna dal cielo.
Vecchio 03-04-2021, 08:23   #8
Esperto
L'avatar di syd_77
 

Quote:
Originariamente inviata da Rockson Visualizza il messaggio
Mi sembra tutto incredibile, può essere che esista qualcuno che ha da sempre avuto un problema simile e non gli sia mai stato diagnosticato perché una volta, quando ero piccolo io, non si dava peso a questi problemi?
Si, certo, io sono quasi tuo coetaneo e quando eravamo ragazzini noi non ci si badava a queste cose. Ora ci sono dei test, insegnanti di sostegno e percorsi diversi per i bambini autistici e asperger. Non dico che si guarisca ma forse si migliora e quantomeno non si subisce la violenza di dover essere trattati per forza da normali.
Io non ho avuto una diagnosi ufficiale ma nei test online professionali che ho fatto sono emersi punteggi molto alti.. qualcosa significa, oltre al fatto che i tratti descritti li ho quasi tutti.
Vecchio 03-04-2021, 09:41   #9
Intermedio
L'avatar di Rockson
 

Vi ringrazio per le risposte. Nautralmente vi rispondo perché sto scrivendo, altrimenti non riuscirei a parlare con nessuno di voi, a causa della mia introversione.
Beh, era importante sapere che c'era questa possibilità, e in futuro proverò a sentire qualche medico. Ma non adesso, non col covid.
Devo però dire una cosa che per me è importante, non ci sono dubbi sulla mia condizione, so che è quasi una certezza, forse l'ho sempre saputo ma ho sempre fatto finta di niente, ho sempre saputo di avere questi problemi ma fingevo di non vederli, di essere come gli altri, ma non lo ero.
Ma a parte questo, quello che voglio dire, parlando più in generale quindi (non riferito a me), è che secondo me oggi forse si sta un po' esagerando, cioè quelli inclusi in un leggero spettro autistico non grave, nel momento stesso di rientrare in questa categoria sono automaticamente etichettati come anormali. Invece secondo me è sbagliato, per me questo nella maggior parte dei casi è un modo di essere che non può definirsi patologico. Ieri ho letto su un articolo che il 30% della popolazione rientrerebbe in un quadro di questo tipo, ovvero con un lieve "spettro autistico". Ma quando mai.... ma come si fa a sostenere una cosa del genere? Ritenere il 30% della popolazione per certi aspetti "anormale"? Se sei un po' timido o introverso sei automaticamente anormale quindi. Per me anormale è chi scrive castronerie di questo tipo.

Ultima modifica di Rockson; 03-04-2021 a 09:46.
Vecchio 03-04-2021, 09:59   #10
Esperto
L'avatar di Alakazam
 

Quote:
Originariamente inviata da Rockson Visualizza il messaggio
Vi ringrazio per le risposte. Nautralmente vi rispondo perché sto scrivendo, altrimenti non riuscirei a parlare con nessuno di voi, a causa della mia introversione.
Beh, era importante sapere che c'era questa possibilità, e in futuro proverò a sentire qualche medico. Ma non adesso, non col covid.
Devo però dire una cosa che per me è importante, non ci sono dubbi sulla mia condizione, so che è quasi una certezza, forse l'ho sempre saputo ma ho sempre fatto finta di niente, ho sempre saputo di avere questi problemi ma fingevo di non vederli, di essere come gli altri, ma non lo ero.
Ma a parte questo, quello che voglio dire, parlando più in generale quindi (non riferito a me), è che secondo me oggi forse si sta un po' esagerando, cioè quelli inclusi in un leggero spettro autistico non grave, nel momento stesso di rientrare in questa categoria sono automaticamente etichettati come anormali. Invece secondo me è sbagliato, per me questo nella maggior parte dei casi è un modo di essere che non può definirsi patologico. Ieri ho letto su un articolo che il 30% della popolazione rientrerebbe in un quadro di questo tipo, ovvero con un lieve "spettro autistico". Ma quando mai.... ma come si fa a sostenere una cosa del genere? Ritenere il 30% della popolazione per certi aspetti "anormale"? Se sei un po' timido o introverso sei automaticamente anormale quindi. Per me anormale è chi scrive castronerie di questo tipo.
Condivido.

Ultima modifica di Alakazam; 03-04-2021 a 10:22.
Vecchio 03-04-2021, 10:05   #11
Esperto
L'avatar di Silent Bob
 

Consiglio la lettura del libro "Eccentrico" di Fabrizio Acanfora.
E anche del suo illuminante blog: https://www.fabrizioacanfora.eu/blog/
Vecchio 03-04-2021, 10:11   #12
Intermedio
L'avatar di Rockson
 

Personalmente che ho dei problemi reali non ci sono dubbi, e non riguardano solo questo argomento, anzi sono decisamente la parte minore del problema.
Ma sul discorso generale, non mi trova per niente d'accordo quell'inserire un 30% di popolazione in un "lieve spettro autistico". No, secondo me questo è inesatto, una persona leggermente timida non rientra in un lieve spettro autistico, è una persona normalissima con tratti particolari del carattere. Altrimenti se andiamo a sviscerare tutti i lati psicologici di chiunque, anche nell'estroverso totale troveremmo un aspetto patologico anche su di lui, come su chiunque, ma non è affatto così.
Dico tutto questo perché se una persona è semplicemente un po' timida e si sente etichettare in questo modo, o prende atto di rientrare in una categoria affetta da patologie di questo tipo, è questo stesso fatto che può creargli problemi, questa specie di consapevolezza (sbagliata) che può cominciare a fargli perdere fiducia in se stesso, possono nascere problemi in lui che non hanno motivo di esistere. No, lui è una persona normalissima e non rientra affatto in un "leggero spettro autistico", non deve rientrarci mai in nessun caso, è un'etichetta che non deve esistere per un semplice timido o introverso. Altrimenti non vedo chi possa rappresentare ben 1/3 del totale delle persone.

Ultima modifica di Rockson; 03-04-2021 a 15:36.
Vecchio 03-04-2021, 10:13   #13
Esperto
 

Io ho scoperto il disturbo schizotipico e sono praticamente io

Ecco
Immagini allegate
Tipo di file: jpg IMG_20210403_111609.jpg‎ (61.3 KB, 4 visite)

Ultima modifica di hermit94; 03-04-2021 a 10:17.
Vecchio 03-04-2021, 10:38   #14
Esperto
L'avatar di JR_Reloaded
 

Io non sapevo di avere un disturbo dello spettro autistico (comunque lieve) mi è stato diagnosticato di recente, non mi spiego questa cosa, probabilmente è perchè nelle femmine l'autismo o comunque la sindrome di Asperger è più difficile da diagnosticare perchè è meno "marcata la sintomatologia" ed è più facile confonderla con altre patologie con sintomi simili. https://www.aspergerlazio.it/13-news...me-di-asperger

I disturbi dello spettro autistico comportano anche tutta una serie di stranezze "sensoriali", non solo problematiche sociali, io non mi ero mai accorta di tutte queste "stranezze sensoriali" che ho (per stranezze sensoriali intendo una diversità nel percepire il mondo esterno attraverso i sensi rispetto a chi non soffre di disturbi dello spettro autistico), non ci facevo caso perchè per me erano normali, era normale sentire di non avere molto contatto con il mio corpo, non amare molto lo stare fuori per il fastidio che mi crea l'ambiente esterno, i suoni, le luci troppo forti. Dovresti fartelo diagnosticare da uno specialista perchè noi non c'è ne possiamo accorgere, per noi il modo in cui siamo e percepiamo il mondo è normale.
Vecchio 03-04-2021, 16:37   #15
Intermedio
L'avatar di Rockson
 

Ho fatto un test e mi ha dato questo: https://i.postimg.cc/bNQxgzt2/Screen...-173358-01.png
Vecchio 03-04-2021, 17:05   #16
Avanzato
L'avatar di Texas
 

Ho letto i primi due link che hai messo e non ho fatto altro che toccarmi il volto nervosamente mentre li leggevo. Soprattutto il secondo.
Io non ho tutti i classici sintomi tipici di un Asperger, ma alcuni di essi li ho in maniera abbastanza netta.

Mi ha colpito molto la parte sulla difficoltà di essere indipendente e sulla frustrazione che subentra per l'impossibilità di esserlo.
È una cosa che mi calza a pennello.
Vecchio 03-04-2021, 17:11   #17
Avanzato
L'avatar di Texas
 

Quote:
Originariamente inviata da Rockson Visualizza il messaggio
Ho fatto un test e mi ha dato questo: https://i.postimg.cc/bNQxgzt2/Screen...-173358-01.png

Link pagina test?
Vecchio 03-04-2021, 17:17   #18
Esperto
L'avatar di Silent Bob
 

http://www.spazioasperger.it/index.p...=20-aspie-quiz
Vecchio 03-04-2021, 17:25   #19
Esperto
L'avatar di Silent Bob
 

Gli Asperger non sono tutti uguali, nessuno possiede tutti i criteri che in genere vengono ricordati (Q.I alto, interessi assorbenti, asocialità, difficoltà a cogliere il linguaggio non verbale e il sarcasmo, goffaggine, difficoltà a guardare negli occhi, amore per la routine, ipersensibilità agli stimoli sensoriali, ecc). Alcuni non sperimentano mai neppure un meltdown.
Se uno psicologo o psicoterapeuta vi dice: "Non puoi essere Aspie, perché capisci le battute." oppure "Non puoi essere Aspie perché non hai interessi assorbenti", ecco... diciamo che liquida la questione con troppa superficialità.
Vecchio 03-04-2021, 17:38   #20
Hor
Esperto
L'avatar di Hor
 

Quote:
Originariamente inviata da Silent Bob Visualizza il messaggio
Se uno psicologo o psicoterapeuta vi dice: "Non puoi essere Aspie, perché capisci le battute." oppure "Non puoi essere Aspie perché non hai interessi assorbenti", ecco... diciamo che liquida la questione con troppa superficialità.
La mia psichiatra, quando le suggerii che potessi avrei tratti dello spettro autistico, liquidò la cosa dicendomi: "Tu non hai avuto problemi con lo studio, sei riuscito a concludere anche l'università, quindi non puoi essere autistico".
Da quel poco che so, l'impressione che mi ha dato è di non essere lei a capire cosa significa spettro autistico.
Ringraziamenti da
ladyambra (03-04-2021)
Rispondi
Strumenti della discussione Cerca in questa discussione
Cerca in questa discussione:

Ricerca avanzata


Discussioni simili a Asperger o che altro?
Discussione Ha iniziato questa discussione Forum Risposte Ultimo messaggio
Asperger Eduno Altri disturbi di personalità 10 28-10-2019 14:05
Asperger Otago SocioFobia Forum Generale 12 14-04-2013 18:41
Sindrome D'Asperger. sheldom SocioFobia Forum Generale 8 15-01-2012 14:13
Asperger Nocturno83 Trattamenti e Terapie 6 20-02-2011 10:45
Sindrome di Asperger shade SocioFobia Forum Generale 42 10-04-2010 19:20



Tutti gli orari sono GMT +1. Attualmente sono le 04:46.
Powered by vBulletin versione 3.8.8
Copyright ©: 2000 - 2021, Jelsoft Enterprises Ltd.
Powered by vBadvanced CMPS v3.2.2