FobiaSociale.com  
     

Home Messaggi odierni Registrazione Cerca FAQ Messaggi odierni Segna i forum come letti
 
Vai indietro   FobiaSociale.com > Psico Forum > Disturbo evitante di personalità
Rispondi
 
Vecchio 19-11-2020, 07:04   #41
Esperto
L'avatar di claire
 

Non basta che "piaccia". Può piacerti, ma se hai problemi non è sufficiente che piaccia ; così funziona per chi non ha problemi, mi piace e mi prendono= a posto.
Se stai male diventa un incubo di attacchi di panico pianti e insonnia anche il lavoro più bello del mondo.
Beati quelli che possono ragionare a mi piace/non mi piace, io funziono da sempre che faccio quello che riesco e se riesco in qualcosa è già il massimo, cosa mi piace non lo so nemmeno.
Il lavoro che faccio so che mi piace.
Ma non è mai diventato il mio lavoro fisso e mai lo sarà e non perché non mi assumono loro.
Vecchio 19-11-2020, 09:38   #42
Esperto
 

Quote:
Originariamente inviata da Eracle Visualizza il messaggio
L'unica che vedi in questo momento forse
No no, l'unica e basta, a meno che non cambi il modo di lavorare comunemente inteso.
Vecchio 19-11-2020, 09:44   #43
Esperto
L'avatar di muttley
 

Difficilmente sarei potuto essere il tipo che fa carriere in un'azienda, e questo è il lascito di una famiglia che gestisce lo stile parentale secondo i dettami dell'ossessione compulsione per il controllo e l'unidirezionalità delle dinamiche interazionali. A casa mia, tutte le interazioni genitori figli, erano rigidamente strutturate secondo l'idea che tutto doveva essere controllato da loro, mentre il mondo del lavoro aziendale richiede dinamismo e una concezione fluida del rapporto con l'autorità. Devi stare alle regole ma al contempo ritagliarti spazi di autonomia...una situazione apparentemente contraddittoria per chi non ha interiorizzato un'idea dinamica dei termini di una relazione.
Quando entrai in azienda per me avrebbe dovuto funzionare che il capo mi diceva fai questo e quello e io lo facevo, ma non era esattamente così che andavano le cose...da lì capì che il mio possibile futuro come persona realizzata lavorativamente sarebbe stato quello di un'attività imprenditoriale: decido io e non devo rendere conto a chi sta sopra del mio operato.
Vecchio 19-11-2020, 10:20   #44
Intermedio
 

pensate che le cose possano andare meglio in una realtà diversa, come ad esempio un'agenzia di comunicazione? tecnicamente è un'azienda anch'essa, ma non so quanto possa essere simile come ambiente.
Vecchio 19-11-2020, 10:28   #45
Intermedio
L'avatar di Passero
 

Quote:
Originariamente inviata da Gendo Visualizza il messaggio
volevo parlare un po' di questa sensazione che provai durante la mia settimana lavorativa, in questa bella azienda attiva e prosperosa.

scappai sicuramente a causa del mio disturbo ansioso, però c'erano altre cose che mi hanno colpito.

per esempio, come da titolo, l'alienazione. il fatto di stare a contatto con persone "brillanti" mi faceva male. il fatto che fossero eleganti, dinamici, propositivi, sorridenti - mortacci loro -, come i personaggi di wall street (anche se michael douglas era simpatico, in quel film).

il fatto che dovessi indossare giacca e cravatta, ma se è per questo anche una banale camicia non sembrava darmi requie.

tutto quel mondo... mi fa male. non capisco il motivo; ero molto timoroso nei confronti dei capi, e va beh questo è tipico del disturbo evitante, ma era proprio quel mondo, dentro il quale ci stavo soffrendo.

e insomma... perché?
La vera domanda dovrebbe essere:

come c***o fanno quei bastardi dei normali ad essere a loro agio in quel mondo di m+++a, a non avere problemi?
Vecchio 19-11-2020, 10:43   #46
Intermedio
L'avatar di Passero
 

Quote:
Originariamente inviata da alien boy Visualizza il messaggio
Sto in smartwork per un'azienda che terrà a questi aspetti di immagine, non so fino a che punto perché appunto (gioco di parole non voluto) non ci ho mai messo piedi finora. La comunicazione è molto formale, non è incentrata molto sulla brillantezza, sul dover fare i "fighi", è più impostata; in un certo senso così mi va anche bene, perché non sono un tipo a cui conviene lasciarsi andare e a cui piace farsi coinvolgere dalle situazioni in cui sei comunque abbastanza giudicato. Non so se in sede è richiesto un dress code particolare, spero di no, giacca e cravatta le ho messe solo alle discussioni delle tesi di laurea (triennale e specialistica), ma pure dovermi mettere sempre una camicia mi romperebbe abbastanza.
L'altro giorno ho dovuto fare una videochiamata con un capo dell'azienda con cui non avevo mai interagito ed ero nervoso perché sapevo che avrei dovuto dare una buona impressione. Alla fine ho fatto qualche gaffe probabilmente, comunque dopo non ci ho pensato più di tanto. È più semplice, da un lato, quando non condividi lo stesso ambiente fisico (anche se virtualmente se vai in videochiamata ti senti ancor di più gli occhi addosso). Sto cercando di accettare il fatto che sono probabilmente considerabile in genere una nota stonata dal punto di vista caratteriale e relazionale e poco ci posso (e voglio) fare. Mi deprime forse di più il non riuscire a rispondere ai requisiti tecnici, ho paura di vedermi incapace dal punto di vista delle mansioni da fare. In effetti dovrei farmi una ragione anche di questo. Alla fine mi induco a pensare che finché mi mandano i money (non molti ma spendo poco) "a casa" posso ancora resistere.
In cosa sei laureato e che lavoro e mansioni svolgi?
Vecchio 19-11-2020, 10:45   #47
Intermedio
L'avatar di Passero
 

Quote:
Originariamente inviata da Gendo Visualizza il messaggio
in tutta sincerità no, non mi piaceva.
però mi dicono che fare ciò che piace è un lusso che non ci si può permettere...
Di che lavoro si tratta?
Vecchio 19-11-2020, 12:23   #48
Intermedio
 

Quote:
Originariamente inviata da Passero Visualizza il messaggio
Di che lavoro si tratta?
marketing, comunicazione.
robe simili. non mi esalta ma ho un attestato spendibile e qualche esperienziuccia volante.
Vecchio 19-11-2020, 12:33   #49
Esperto
L'avatar di muttley
 

Quote:
Originariamente inviata da Passero Visualizza il messaggio
La vera domanda dovrebbe essere:

come c***o fanno quei bastardi dei normali ad essere a loro agio in quel mondo di m+++a, a non avere problemi?
E' come giocare ad una partita ed avere un arto, un muscolo, un legamento dolorante: ti concentrerai sulla parte che ti fa male, non sul giuoco e sul contributo che puoi dare allo stesso.
Parimenti, se la tua anima è dolorante, ti concentrerai su di essa invece che su quel grande giuoco che è la vita.
Vecchio 19-11-2020, 12:40   #50
Intermedio
L'avatar di Passero
 

Quote:
Originariamente inviata da Gendo Visualizza il messaggio
marketing, comunicazione.
robe simili. non mi esalta ma ho un attestato spendibile e qualche esperienziuccia volante.
che attestato hai? come lo hai ottenuto?
Vecchio 19-11-2020, 12:42   #51
Intermedio
 

Quote:
Originariamente inviata da Passero Visualizza il messaggio
che attestato hai? come lo hai ottenuto?
un corso professionale, nulla di che ma fa il suo, sul cv.
Rispondi
Strumenti della discussione Cerca in questa discussione
Cerca in questa discussione:

Ricerca avanzata


Discussioni simili a Alieno - la mia settimana in un'azienda
Discussione Ha iniziato questa discussione Forum Risposte Ultimo messaggio
L'alieno in giro SpaceBoy SocioFobia Forum Generale 10 15-01-2018 16:20
il medico dell'azienda cancellato11905 Storie Personali 2 22-12-2014 11:59
un articolo sui conflitti in azienda filosofo SocioFobia Forum Generale 5 19-12-2012 23:00
come un alieno dalla luna lacambioiolavitache Ansia e Stress Forum 5 22-05-2009 19:37



Tutti gli orari sono GMT +1. Attualmente sono le 19:16.
Powered by vBulletin versione 3.8.8
Copyright ©: 2000 - 2020, Jelsoft Enterprises Ltd.
Powered by vBadvanced CMPS v3.2.2