FobiaSociale.com  
     

Home Messaggi odierni Registrazione Cerca FAQ Messaggi odierni Segna i forum come letti
 
Vai indietro   FobiaSociale.com > Psico Forum > Timidezza Forum
Rispondi
 
Vecchio 29-04-2014, 00:15   #1
Banned
 

Quando sto in mezzo a gente che non conosco mi sento impacciato, a tal punto che, faccio un esempio, se ad una festa devo alzarmi per andare a serivirmi al banchetto evito di andarci... Figuriamoci poi come possa affrontare situazioni ancora più "imbarazzanti" come il buttarsi in pista a ballare...

Il fatto è che sto sempre a immaginarmi come colui al centro dell'attenzione, con tutti gli occhi addosso.. Per carità, questa potrebbe essere addirittura una componente di iper-narcisismo, ma che paradossalmente si traduce in comportamenti diametralmente opposti a quelli riconducibili alla sicurezza in se stessi.
Stare appartato mentre tutti si sfrenano di per sé non risolve nemmeno nulla dal momento che anche mentre sto chiuso per i fatti miei mi immagino come gli altri possano vedermi ed interpretare la mia figura solitaria.
Morale della favola, evito di andare alle feste, perchè qualsiasi cosa faccia mi sento inadeguato.

Ho superato i 25 anni e questo è n fenomeno che mi ha accompagnato per tutta la mia esistenza.
Vecchio 29-04-2014, 01:30   #2
Intermedio
 

Quote:
Originariamente inviata da Luca158 Visualizza il messaggio
Il fatto è che sto sempre a immaginarmi come colui al centro dell'attenzione, con tutti gli occhi addosso.. Per carità, questa potrebbe essere addirittura una componente di iper-narcisismo, ma che paradossalmente si traduce in comportamenti diametralmente opposti a quelli riconducibili alla sicurezza in se stessi.
Ohi lo dici tu stesso che te lo immagini soltanto, ma questo essere al centro dell'attenzione è reale oppure sei solamente ignorato?
Io dal canto mio posso dirti che ho sempre pensato di essere osservato ed al centro dell'attenzione altrui, poi quando ho scoperto che era realmente così ma non per i motivi che pensavo ma bensì per altri, ho cominciato a cibarmi di quegli sguardi per definire ancor più consapevolmente la mia identità.
viceversa se fossi stato solo ignorato ,fidati, nessuno mi avrebbe mai guardato.
in definitiva puoi asserire che tutti ti guardino o che tutti ti ignorino, hai dei riscontri significativi al riguardo?
Vecchio 29-04-2014, 10:59   #3
Banned
 

E' una situazione classica di quanto ci si trova all'interno di un gruppo, non solo alle feste; anche a una riunione di lavoro, se tutti sono seduti e uno si alza per i fatti suoi, deve uscire un attimo per esempio, ecco che tutti si girano a guardarlo, per non parlare di quando deve rientrare nella stanza e viene nuovamente passato ai raggi x; sul treno (nello scompartimento) se ti alzi per far due passi tutti ti fissano finché non sei uscito dal campo visivo; nello studio medico ti alzi a prendere una rivista e i presenti ti squadrano dalla testa ai piedi.
Non è secondo me un fatto di narcisismo, è proprio così, ci si gira appena si è attirati da un fattore che trascende la routine di quel momento.
Io detesto le riunioni di lavoro proprio per questo motivo, magari chiedono un parere a un presente e tutti si voltano a fissarlo, come se non lo avessero mai visto e non fosse sufficiente usare le orecchie. Io non mi volto mai, sarà che son sempre mentalmente lontana da qualsiasi cosa per rendermi conto dei cambiamenti che mi avvengono intorno, e difficilmente mi muovo dal mio posto.

Vecchio 29-04-2014, 12:02   #4
Banned
 

Quote:
Originariamente inviata da dintei166 Visualizza il messaggio
E' una situazione classica di quanto ci si trova all'interno di un gruppo, non solo alle feste; anche a una riunione di lavoro, se tutti sono seduti e uno si alza per i fatti suoi, deve uscire un attimo per esempio, ecco che tutti si girano a guardarlo, per non parlare di quando deve rientrare nella stanza e viene nuovamente passato ai raggi x; sul treno (nello scompartimento) se ti alzi per far due passi tutti ti fissano finché non sei uscito dal campo visivo; nello studio medico ti alzi a prendere una rivista e i presenti ti squadrano dalla testa ai piedi.
Non è secondo me un fatto di narcisismo, è proprio così, ci si gira appena si è attirati da un fattore che trascende la routine di quel momento.
Io detesto le riunioni di lavoro proprio per questo motivo, magari chiedono un parere a un presente e tutti si voltano a fissarlo, come se non lo avessero mai visto e non fosse sufficiente usare le orecchie. Io non mi volto mai, sarà che son sempre mentalmente lontana da qualsiasi cosa per rendermi conto dei cambiamenti che mi avvengono intorno, e difficilmente mi muovo dal mio posto.

SI infatti è logico che sia così (essere guardati quando si fa qualcosa di insolito rispetto agli altri componenti del gruppo). Però non mi pare che la gente non vivi le situazioi in maniera spontanea per questo o che gli impedisca di fare cose.

Un esempio emblematico è tipo che a scuola io non sono MAI andato in bagno, per la soggezione appunto che avevo nell'alzarmi e poi rientrare!! Eppure ero l'unico a non andare mai in bagno, tutti gli altri se la vivevano tranquillamente
Vecchio 29-04-2014, 12:08   #5
Principiante
L'avatar di Acciaio
 

Quote:
Originariamente inviata da Luca158 Visualizza il messaggio
Un esempio emblematico è tipo che a scuola io non sono MAI andato in bagno, per la soggezione appunto che avevo nell'alzarmi e poi rientrare!! Eppure ero l'unico a non andare mai in bagno, tutti gli altri se la vivevano tranquillamente
Idem
Vecchio 29-04-2014, 12:09   #6
Banned
 

Per assurdo: ho capito che posso fare quello che mi pare tanto non mi ca*a nessuno, non c'è pericolo.
Vecchio 29-04-2014, 12:16   #7
Esperto
L'avatar di lupo-solitario
 

Quote:
Originariamente inviata da Luca158 Visualizza il messaggio
SI infatti è logico che sia così (essere guardati quando si fa qualcosa di insolito rispetto agli altri componenti del gruppo). Però non mi pare che la gente non vivi le situazioi in maniera spontanea per questo o che gli impedisca di fare cose.

Un esempio emblematico è tipo che a scuola io non sono MAI andato in bagno, per la soggezione appunto che avevo nell'alzarmi e poi rientrare!! Eppure ero l'unico a non andare mai in bagno, tutti gli altri se la vivevano tranquillamente
anche io non andavo mai in bagno....che tortura la scuola preferisco il lavoro che ho ora
Vecchio 29-04-2014, 12:30   #8
Banned
 

Quote:
Originariamente inviata da Luca158 Visualizza il messaggio
SI infatti è logico che sia così (essere guardati quando si fa qualcosa di insolito rispetto agli altri componenti del gruppo). Però non mi pare che la gente non vivi le situazioi in maniera spontanea per questo o che gli impedisca di fare cose.

Un esempio emblematico è tipo che a scuola io non sono MAI andato in bagno, per la soggezione appunto che avevo nell'alzarmi e poi rientrare!! Eppure ero l'unico a non andare mai in bagno, tutti gli altri se la vivevano tranquillamente
Sì certamente, chi non ha i "nostri" problemi non ci fa caso a queste cose
Vecchio 29-04-2014, 12:43   #9
Banned
 

e come diventare come loro??? Come fanno ad essere spontanei?
Cioè, basta fare una media per capire che siamo casi limite, una minoranza, perchè a scuola, dopo aver convissuto con una 70ina di compagni diversi (tra medie e superiori), NESSUNO era come me. Siamo ad un rapporto 1/70, mica poco!!
Vecchio 29-04-2014, 14:53   #10
Esperto
L'avatar di notime
 

tribe ha ragione. Iniziare a pensare che tanto agli sconosciuti di te gli frega poco e niente è un primo passo per mettersi a distanza rispetto ad un'ansia che spesso non ha ragion d'essere.
Vecchio 29-04-2014, 18:08   #11
Banned
 

Anche a me succede questo, il fatto che probabilmente quando si è molto introversi e ritirati, si ha scarso interesse per l ambiente circostante e quindi spesso si hanno pensieri negativi su quello che ci accade attorno e quindi si cerca di non attirare l attenzione.
Vecchio 29-04-2014, 20:04   #12
Banned
 

ma secondo voi, fare sport estremi e avere scariche di adrenalina aiuterebbe a stare più "euforico" in generale??
Vecchio 29-04-2014, 20:58   #13
Esperto
L'avatar di The_Sleeper
 

Quote:
Originariamente inviata da Luca158 Visualizza il messaggio
ma secondo voi, fare sport estremi e avere scariche di adrenalina aiuterebbe a stare più "euforico" in generale??
Non saprei, ma non credo onestamente.
Vecchio 29-04-2014, 20:58   #14
Banned
 

per fare questi sport devi fare prima una preparazione fisica perche se non hai un cuore che resiste a queste forte scariche di adrenalina potresti rimanerci secco


almeno penso ,....
Vecchio 30-04-2014, 20:57   #15
Banned
 

può essere, ma quel che va fatto va fatto qalsiasi sia l'iter... Ma a patto che ci siano vantaggi certificati altrimenti frega meno di zero buttarmi col paracadute da 2000 metri d'altezza
Vecchio 30-04-2014, 22:38   #16
Avanzato
L'avatar di Drecks
 

Ho sempre avuto questo problema, non c'è un modo esatto per risolverlo ma cerca di mettere a fuoco un punto fisso nel vuoto come se fossi preso dai tuoi pensieri lasciando in visione periferica gli sguardi altrui, e col tempo dovresti abituarti di più alla cosa. Il problema è iniziare. .
Vecchio 02-05-2014, 20:33   #17
Principiante
L'avatar di Doflamingo
 

Quote:
Originariamente inviata da Luca158 Visualizza il messaggio
Quando sto in mezzo a gente che non conosco mi sento impacciato, a tal punto che, faccio un esempio, se ad una festa devo alzarmi per andare a serivirmi al banchetto evito di andarci... Figuriamoci poi come possa affrontare situazioni ancora più "imbarazzanti" come il buttarsi in pista a ballare...

Il fatto è che sto sempre a immaginarmi come colui al centro dell'attenzione, con tutti gli occhi addosso.. Per carità, questa potrebbe essere addirittura una componente di iper-narcisismo, ma che paradossalmente si traduce in comportamenti diametralmente opposti a quelli riconducibili alla sicurezza in se stessi.
Stare appartato mentre tutti si sfrenano di per sé non risolve nemmeno nulla dal momento che anche mentre sto chiuso per i fatti miei mi immagino come gli altri possano vedermi ed interpretare la mia figura solitaria.
Morale della favola, evito di andare alle feste, perchè qualsiasi cosa faccia mi sento inadeguato.

Ho superato i 25 anni e questo è n fenomeno che mi ha accompagnato per tutta la mia esistenza.
Anche a me capita la stessa cosa, qualsiasi cosa, anche la più banale, se devo farla in pubblico non la faccio.
Vecchio 03-05-2014, 12:31   #18
Principiante
L'avatar di Intotheball
 

Nel mio caso, ho DEP, quel tipo di sensazione e i miei conseguenti comportamenti scaturiscono da tutte le mie rappresentazioni e auto-rappresentazioni mentali . Ultimamente, riesco un pochino a "mettere fuori la testa dall'acqua" provando a concentrami di più sugli altri, sulla loro corporeità o sulla materialità delle cose esterne, sulle dimensioni, sui colori (in generale, su tutto ciò che testimonia che il mio punto di vista non può essere che uno tra i tanti, che non ha nulla da invidiare a quello di chiunque altro, diciamo, come diritto di "essere). Così facendo, anche se soltanto a sprazzi, riesco a "dimenticarmi" di pensare e badare (proprio come una balia iper-vigile) a me stesso e si materializzano inaspettatamente quella contiguità (fisica) e contemporaneità (temporale) che mi fanno sentire più presente, meno estraneo e avulso nelle situazioni (di qualsiasi tipo) della quotidianità sociale. Diciamo che questo, per ora, avviene molto a "sprazzi", ma ci sto lavorando perché mi sembra una strada di maggior consapevolezza e benessere promettente
Vecchio 14-09-2014, 20:16   #19
Banned
 

Mi riconosco molto in quello che hanno scritto la maggior parte delle persone in questo thread, l'esempio dell'alzarsi da solo quando sono tutti seduti rappresenta bene una delle situazioni che mi fanno più paura e che cerco di evitare in tutti i modi.

In generale riguardo agli sguardi altrui mi viene da far notare due cose:
A) Se siete voi i primi a mostrarvi "osservatori" ovvero quelli con lo sguardo ben alto, subito pronti a guardare senza paura le persone che avete davanti, se siete voi i primi a guardarli, se siete pronti subito a ricambiare il loro sguardo con un vostro sguardo sereno, sicuro ed interrogativo come a trasmettere un "che c'è?", allora queste persone "guardone" tolgono subito lo sguardo da voi.
B) può essere che molte volte abbiamo paura dello sguardo altrui perché pensiamo ci siano cattive intenzioni in chi ci guarda oppure che ci stia giudicando negativamente, ma il fatto è che spesso non è così, credo che spesso fraintendiamo le intenzioni altrui, le motivazioni di quello sguardo e i loro pensieri che accompagnano quello sguardo, perché ci manca un bel po' di "teoria della mente" ovvero la capacità di capire e prendere in considerazione i pensieri altrui. Sicuramente essere ansiosi peggiora ulteriormente questa incapacità.
Vecchio 14-09-2014, 20:21   #20
Esperto
L'avatar di Drifter
 

Essere osservato mi mette un certo imbarazzo (poi dipende dalle situazioni), ma a volte non mi dispiace
Rispondi
Strumenti della discussione Cerca in questa discussione
Cerca in questa discussione:

Ricerca avanzata


Discussioni simili a Sentirsi sempre osservati e al centro dell'attenzione
Discussione Ha iniziato questa discussione Forum Risposte Ultimo messaggio
Preferite essere "ignorati" o essere "al centro dell'attenzione" ESPROC Sondaggi 55 17-08-2012 23:23
Meditazione dell'attenzione Otago SocioFobia Forum Generale 12 24-11-2011 19:34
Stare al centro dell'attenzione HurryUp SocioFobia Forum Generale 49 13-11-2010 20:54
al centro dell'attenzione esposizione SocioFobia Forum Generale 5 11-12-2008 12:39
ESSERE AL CENTRO DELL'ATTENZIONE! Graziepapi SocioFobia Forum Generale 35 10-08-2006 23:10



Tutti gli orari sono GMT +1. Attualmente sono le 09:37.
Powered by vBulletin versione 3.8.8
Copyright ©: 2000 - 2019, Jelsoft Enterprises Ltd.
Powered by vBadvanced CMPS v3.2.2