FobiaSociale.com  
     

Home Messaggi odierni Registrazione Cerca FAQ Messaggi odierni Segna i forum come letti
 
Vai indietro   FobiaSociale.com > Psico Forum > Disturbi alimentari
Rispondi
 
Vecchio 26-11-2022, 09:47   #1
Esperto
L'avatar di anahÝ
 

Siete mai entrate/entrati in contatto con comunitÓ, forum, spazi online proana? Che sensazioni vi danno? Pi¨ in generale, cosa ne pensate del rapporto con il cibo e il corpo che abbiamo collettivamente? Non vi sembra che le comunitÓ proana in realtÓ siano l'esasperazione di tendenze che nella nostra societÓ sono giÓ comunque molto marcate?

Ultima modifica di anahÝ; 26-11-2022 a 09:58.
Vecchio 26-11-2022, 11:05   #2
Hor
Esperto
L'avatar di Hor
 

Quote:
Originariamente inviata da anahÝ Visualizza il messaggio
Siete mai entrate/entrati in contatto con comunitÓ, forum, spazi online proana? Che sensazioni vi danno? Pi¨ in generale, cosa ne pensate del rapporto con il cibo e il corpo che abbiamo collettivamente? Non vi sembra che le comunitÓ proana in realtÓ siano l'esasperazione di tendenze che nella nostra societÓ sono giÓ comunque molto marcate?
Conosco bene l'ambiente e le idee che vi circolano, un tot di anni fa lo frequentavo, per un periodo ho avuto uno scambio telematico con una ragazza dell'ambiente.
Non dico quello che penso in merito dal punto di vista etico, perchÚ so di avere idee molto difformi rispetto a quelle della maggioranza e poco tollerate. Mi limito a consigliare l'illuminante lettura del libro La santa anoressia. Digiuno e misticismo dal Medioevo ad oggi, di Rudolph M. Bell.
Dal punto di vista fattuale credo che il legame tra tendenze generali della societÓ e condizione anoressica sia spurio, come spesso accade quando si riconduce, di solito senza alcuna prova che non sia l'intuito, un presunto male individuale a tendenze collettive. Credo inoltre sia sintomatico che si parli di anoressia (ma anche di disturbi alimentari in generale) solo in riferimento alle donne (quando ci sono invece anche molti uomini che vivono questa condizione), e qui io sospetto agisca l'inveterato pregiudizio secondo cui "le donne sono pi¨ deboli rispetto alle pressioni sociali", e quindi vadano, da parte delle istituzioni, pi¨ attentamente sorvegliate, controllate, ricondotte alla norma.
Vecchio 26-11-2022, 11:37   #3
Esperto
L'avatar di anahÝ
 

Io ho frequentato molto questi ambienti quando ancora ero una giovane top model (scherzo, ero solo una ragazza disadattata) e ricordo questi ambienti come un rifugio sicuro. Da un lato Ŕ permesso esternare cose che vengono condannate come sbagli morali in altri ambienti, dall'altro se sei ossessionata da qualcosa Ŕ veramente difficile parlare d'altro con interesse sincero, quindi era uno dei pochi contesti in cui quando interagivo con gli altri ero davvero coinvolta

Sono in disaccordo riguardo al rapporto tra individuale e collettivo, io vedo un disagio collettivo abbastanza marcato che riguarda il controllo del cibo e l'assenza percepita di controllo sul cibo come fallimento morale. L'antitesi tra puro e impuro che per me e per molti altri era al centro del disagio la vedo replicata anche se sotto altre vesti in ambienti mainstream in continuazione.

Ultima modifica di anahÝ; 26-11-2022 a 11:41.
Vecchio 26-11-2022, 12:07   #4
Esperto
L'avatar di cosechenonho
 

Mi ricordo che dopo un poĺ vennero oscurati questi sitiů ma sono ancora ôin vogaö?
Vecchio 26-11-2022, 14:44   #5
Esperto
L'avatar di anahÝ
 

Quote:
Originariamente inviata da cosechenonho Visualizza il messaggio
Mi ricordo che dopo un poĺ vennero oscurati questi sitiů ma sono ancora ôin vogaö?
Non so se "in voga" Ŕ l'espressione giusta, comunque alcuni social come Instagram oscurano hashtag specifici proana, mentre i siti proana in sÚ non sono in genere oscurati

╚ per˛ importante specificare che la reputazione di queste comunitÓ come luoghi di istigazione a comportamenti dannosi Ŕ perlopi¨ un'esagerazione. Mi pare che da come ne parlino (ovvero in una maniera scandalistica) si formi l'idea che sono delle entitÓ impersonali che traviano le ragazzine. In realtÓ sono dei luoghi di interazione di persone accomunate da problemi simili
Vecchio 26-11-2022, 15:43   #6
Esperto
 

Quote:
Originariamente inviata da anahÝ Visualizza il messaggio
Non so se "in voga" Ŕ l'espressione giusta, comunque alcuni social come Instagram oscurano hashtag specifici proana, mentre i siti proana in sÚ non sono in genere oscurati

╚ per˛ importante specificare che la reputazione di queste comunitÓ come luoghi di istigazione a comportamenti dannosi Ŕ perlopi¨ un'esagerazione. Mi pare che da come ne parlino (ovvero in una maniera scandalistica) si formi l'idea che sono delle entitÓ impersonali che traviano le ragazzine. In realtÓ sono dei luoghi di interazione di persone accomunate da problemi simili
Ma non si chiamano proana perchÚ sono pro ?
Se promuovono i comportamenti non vedo cosa abbiano di buono. Se combattono il problema non credo possano dirsi gruppi proana.
D'accordo che ci sono persone con gli stessi problemi, ma un conto Ŕ se dei tossicodipendenti si aggregano al Sert , un conto al parchetto con lo spacciatore che distribuisce la sostanza

Ultima modifica di claire; 26-11-2022 a 15:46.
Vecchio 26-11-2022, 16:09   #7
Esperto
L'avatar di cosechenonho
 

C’erano sia i “proana” che i “promia” e le/i partecipanti sembravano devoti a queste due divinitÓ… con tutto il rispetto per chi soffre di queste problematiche eh, per˛ era una cosa distruttiva… poi magari Ŕ inutile oscurare questi siti se nelle passerelle continuano a esserci solo modelle magrissime e ossute, se l’ideale estetico che viene propinato dalla “societÓ” Ŕ la bellezza sottopeso a tutti i costi ecc. ecc. (solo il mio punto di vista ovviamente)

Ultima modifica di cosechenonho; 26-11-2022 a 16:11.
Vecchio 26-11-2022, 16:40   #8
Esperto
 

Ho scoperto questo mondo in una maniera un po' differente rispetto a quello che si pu˛ immaginare. Da adolescente ho avuto problemi alimentari, ma essendo in un ambiente dove era quasi la norma averne, ma assolutamente mortificante farlo sapere in giro, le poche volte in cui parlavo o accennavo l'argomento (sempre e solo con determinate persone ) lo trattavo in maniera superficiale, quasi autoironica. Non Ŕ che odiassi il mio corpo o roba del genere. Ma comunque se mangiavo, mi sentivo parecchio in colpa e ecc ecc.
Fortunatamente Ŕ qualcosa che riguarda il passato per quel che mi riguarda e per quello che riguarda la mia esperienza, non mi crea nemmeno troppa sofferenza.
Il problema che quando ne sono uscita o per lo meno gestivo la cosa, ho scoperto questi gruppi online e la cosa mi aveva incuriosito. Ma non perchÚ volessi ricascare in quelle dinamiche, ma semplicemente era qualcosa che mi aveva sbalordito. Tanto da parlarne e farli vedere a una mia amica e discuterne cosý, come si fa qui con i vari argomenti. Tra l'altro Ŕ ed era giÓ all'epoca una ragazza bellissima che ha sempre dimostrato di essere molto sicura di se e del suo corpo. E quando gli ho fatto vedere quello che avevo scoperto, anche un po' fiera di me (dato che era un argomento che allora in italia era praticamente sconosciuto, sono state le iene i primi a parlarne mesi dopo). Io ero una ragazzina che era uscita bene o male da quella disturbo e volevo goliardicamente mostrare che c'era anche chi l'aveva presa molto pi¨ seriamente e ossessivamente di me, condividendolo con un amica.
Lei Ŕ caduta nello stesso vortice ed Ŕ stata ricoverata per pi¨ di un anno. In quel periodo io ero appena andata all'estero e quando lo sono venuta a sapere sono morta dentro. Mi sono chiesta mille volte , se fosse anche colpa mia in parte. Che se non le avessi fatto vedere quei siti e non mi fossi posta come qualcosa che si pu˛ superare, forse non sarebbe andata cosý.
Le scrivevo sempre, tutte le volte che mi veniva in mente le mandavo un messaggio. Anche se non mi rispondeva (lo faceva con tutti) io ho continuato per un anno a farmi sentire, proprio perchŔ oltre al bene, sentivo un immenso senso di colpa. Ora lei sta bene, si Ŕ rifatta una vita e le auguro sempre il meglio, ma Ŕ stata dura vedere per l'ennesima volta un'altra persona cara finire cosý.

Per chi non conosce i siti e gruppo proana.
Si tratta di pagine dove le persone sono Pro ( a favore) dell'anoressia. Sono posti dove la gente con questo disturbo condivide schede, trucchi e modi per imparare a mangiare sempre meno e dimagrire il pi¨ velocemente possibile. Ovviamente sono posti dove l'ossessione viene avallata e chiaramente cercano di fare tutto di nascosto.
Ringraziamenti da
Hitomi (27-11-2022)
Vecchio 10-12-2022, 12:51   #9
Esperto
L'avatar di anahÝ
 

Comunque ricordo che pi¨ di una volta quando accennavo a dei miei problemi con la restrizione compulsiva del cibo mi Ŕ stato detto "mi sembri troppo intelligente per cadere in queste cose", come se avere un disturbo alimentare fosse una questione di basse abilitÓ cognitive. Non mi capacito proprio di questo. ╚ che veramente c'Ŕ lo stereotipo della ragazzina che assorbe acriticamente dai media l'imperativo di essere magra e limita il cibo per quello. In realtÓ Ŕ molto pi¨ complessa la questione, c'Ŕ dietro un anelare alla purezza, sentire che i propri impulsi sono pericolosi, volere fuggire dalla propria corporeitÓ. Veramente ci possono essere tantissime cose dietro
Vecchio 10-12-2022, 13:24   #10
Esperto
L'avatar di gaucho
 

A me sinceramente non importa una sega, se una vuole morire di fame faccia pure, se si divertono cosý moriranno giovani ma almeno muoiono come vogliono, le forme di recupero per quel che mi riguarda non servono a un cazzo, servono solo a riempire le tasche di psicologi psichiatri farmacie.

Ps le anoressiche sono sempre esistite cosý come le obese societÓ nuova o meno
Vecchio 10-12-2022, 13:31   #11
Hor
Esperto
L'avatar di Hor
 

Quote:
Originariamente inviata da anahÝ Visualizza il messaggio
╚ che veramente c'Ŕ lo stereotipo della ragazzina che assorbe acriticamente dai media l'imperativo di essere magra e limita il cibo per quello.
Pi¨ che altro, anche se fosse vero (cosa che comunque io non credo), questo non spiegherebbe da dove saltano fuori bulimia o obesitÓ.
Vecchio 16-04-2023, 20:40   #12
Esperto
L'avatar di anahÝ
 

R. Smullyan diceva in maniera semiseria che se l'attesa del piacere aumenta il piacere, allora l'asceta e' l'edonista supremo perche' prolunga l'attesa letteralmente all'infinito.

E' un piccolo sofisma, pero' ti fa pensare che effettivamente nel negarsi qualche piacere c'e' questo aspetto di edonismo. Penso che esista anche un certo gusto nell'auto-tormento nell'ascetismo nel senso di rinuncia. E stavo pensando che non esiste niente come la restrizione calorica importante per rendere tutto il cibo buonissimo come non lo e' mai stato e fartelo sembrare il piacere supremo della vita. Mi chiedo se nei dca basati sulla restrizione (e comunque un po' tutti quelli che conosco io sono basati su quel tentativo) non sia importante questo aspetto.

E a questo punto rilancio e dico, forse anche nella solitudine sentimentale autoimposta piu' o meno consapevolmente (cosi' spesso accompagnata da desiderio continuo) e' importante questo meccanismo
Vecchio 16-04-2023, 20:46   #13
Esperto
L'avatar di anahÝ
 

Per fare capire meglio: la persona che si mette a dieta compulsivamente e fantastica sul mangiare tutto il giorno e' un po' come il giovane Werther che se ne sceglie una irraggiungibile e si tormenta tutto il giorno sentendo quell'anelare a una cosa impossibile. Ed entrambi provano una forma di piacere cosi'
Vecchio 16-07-2023, 17:12   #14
Esperto
L'avatar di anahÝ
 

non ha tutti i torti kate moss
Immagini allegate
Tipo di file: jpg kk.jpg‎ (7.6 KB, 23 visite)
Vecchio 16-07-2023, 19:55   #15
Esperto
L'avatar di Aaren
 

Quote:
Originariamente inviata da anahÝ Visualizza il messaggio
Comunque ricordo che pi¨ di una volta quando accennavo a dei miei problemi con la restrizione compulsiva del cibo mi Ŕ stato detto "mi sembri troppo intelligente per cadere in queste cose", come se avere un disturbo alimentare fosse una questione di basse abilitÓ cognitive. Non mi capacito proprio di questo. ╚ che veramente c'Ŕ lo stereotipo della ragazzina che assorbe acriticamente dai media l'imperativo di essere magra e limita il cibo per quello. In realtÓ Ŕ molto pi¨ complessa la questione, c'Ŕ dietro un anelare alla purezza, sentire che i propri impulsi sono pericolosi, volere fuggire dalla propria corporeitÓ. Veramente ci possono essere tantissime cose dietro
Sicuramente ogni cosa pu˛ avere diverse motivazioni, non si muove in uno spazio assoluto e circoscritto.
Rispondi
Strumenti della discussione Cerca in questa discussione
Cerca in questa discussione:

Ricerca avanzata


Discussioni simili a Proana dca e altre cose chic
Discussione Ha iniziato questa discussione Forum Risposte Ultimo messaggio
Gestire distributori automatici di bevande e altre cose... Drifter Forum Scuola e Lavoro 4 31-01-2015 16:06
Pua e altre cose... mike21 SocioFobia Forum Generale 32 01-07-2014 23:31
cambiare Ŕ possibile ?cose vostre, cose mie. distillato Storie Personali 15 27-05-2013 18:34
Il thread dei sottoreddito solitari infelici e per nulla fobical-chic Blowing Sand Disturbo evitante di personalitÓ 1 04-03-2013 11:31



Tutti gli orari sono GMT +2. Attualmente sono le 00:48.
Powered by vBulletin versione 3.8.8
Copyright ©: 2000 - 2024, Jelsoft Enterprises Ltd.
Powered by vBadvanced CMPS v3.2.2