FobiaSociale.com

FobiaSociale.com (https://fobiasociale.com/)
-   Disturbi alimentari (https://fobiasociale.com/disturbi-alimentari/)
-   -   Obesità (https://fobiasociale.com/obesita-53501/)

Atlas 20-03-2016 17:24

Obesità
 
Io sono obeso, di un'obesità grave e patologica in quanto è una condizione che mi affligge da quando sono nato; ho attraversato tutte le fasi della mia vita essendo la persona più grassa del gruppo. Peso 118 kg e sono alto 1 metro e sessanta con qualche sputo, per secondo l'indice di massa corporea dovrei stare tra i 49 e i 66 kg.

Vista dall'esterno un obeso è uno stronzo che mangia finchè non gli sfondano le rotule e che non riesce staccarsi dai panini del macdonald e dalle tavolette di cioccolata, che mangia e che pensa a mangiare e che non sa contenersi solo perchè è troppo pigro. Un obeso è una persona provo di spina dorsale, di carattere e volontà, e andrebbe preso a calci in quel culo grasso fino a crearsi una personalità.

Dall'interno un obeso vede le cose in modo distorto, vede gli altri che si preoccupano della sua salute, completi sconosciuti con l'enfisema alla porta e il fegato in una fossa che si fermano e ti dedicano il loro prezioso tempo per darti consigli. Gente che d'improvviso si improvvisano nutrizionisti, giurandoti che una cura a base di carciofi e minestroni ti faranno diventare un figurino.
I medici ti danno un'occhiata e ti dicono che devi dimagrire, qualsiasi problema tu abbia, dal mal di testa alla spalla lussata, e di fatto si rifiutano di visitarti. Con il tempo l'obeso impara che non merita andare dai medici, che non è necessario finché non cadi a pezzi.
Da obeso impari dai primissimi anni che sei un mostro, una creatura diversa dagli altri bambini e che non puoi giocare con loro perché sei grasso, le classi e gli spogliatoi sono luoghi orribili dove i tuoi compagni di tutti i giorni ti linciano, senza dirti mai il perché. Ti picchiano, ti spingono, fanno a gara tra di loro a chi ti tratta più male, ti seviziano e ti strappano via la tua dignità con lunghi coltelli scheggiati, e si comprende che gli adulti sono inutili. Un obeso impara che nessuno mai lo difenderà, e già a 6 anni sa molte delle cose che si porterà dietro.
Impara ad essere emotivamente autonomo, a stare da solo, e comprende che l'unico posto in cui è libero di esistere è in una stanza vuota. Inizia poco a poco a crearsi questa stanza dentro di sè.
Crescendo le cose peggiorano anno dopo anno, a valanga, con le medie e le superiori dove l'obeso sperimenta sulla propria persona i milioni di modi in cui viene somministrata la crudeltà, impara a comprendere l'odore della rabbia e con la pratica impara l'arte del cinismo. Si ritira sempre di più dentro il suo spazio, blinda finestre e spranga le porte, mandando in avanscoperta solo una propria versione robotica. Una creatura composta di migliaia di risposte montate ad arte che vede e non vede, ma sopratutto non sente nulla.
L'obeso impara ad amare gli inverni e a odiare le estati, quando il corpo non può più essere nascosto dai vestiti e il mondo intero diventa particolarmente inospitale per la vita. La strada e la folla diventano giungle fitte di nemici da cui difendersi o allontanare, il caldo sottolinea che il tuo corpo ha bisogno di traspirare e questo attrae la violenza e la rabbia di chiunque ti sta accanto. Con il tempo piscine e spiagge diventano luoghi incredibilmente pericolosi, campi di battaglia che nessuno Obeso osa davvero affrontare, a prescindere quanta esperienza abbia accumulato o quanto in profondità uno si sia nascosto. Un Obeso dopo una giornata al mare può pensare che non ne valga più la pena di lottare, e dato che nessuno si preoccupa dei sentimenti di una persona sovrappeso questo si ritrova da solo con questa bestia dentro la sua stanza personale, un grosso lupo nero fatto di filo spinato che minaccia di sbranare anche la sua più piccola esile volontà di esistere.
Per questo un Obeso evita.
Evita di uscire, perchè sa che il robot deve essere ben carico e pronto all'uso, lesto nel ragionare e rapito dello smitragliare risposte, svicolare gli attacchi alle parti sensibili, camuffare interessi, improvvisare situazioni, accentrare l'attenzione poichè ogni creatura fuori dal rumore è la preda preferita. Ma guidare il robot è anche noioso, oltre che faticoso, e alla fine rimane più facile vivere ai margini.
Ma la solitudine fa male, crea cisti dolorosissime che rimangono lì come infezioni e il cibo cura, consola e tiene compagnia.
Un obeso ha sempre avuto solo e sempre il cibo come consolazione, è stata la sua unica scelta in quanto ha sempre vissuto in un mondo che cerca di annientarlo giorno dopo giorno.

Nelle relazioni l'obeso, maschio o femmina che sia, è in una brutta situazione; le donne colano una massa che sembra pasta da pizza dalle braccia, dalle cosce, dalle guance, un misto di grasso e cellulite che si sdraia uno sull'altro, i fianchi spariscono sostituiti da un'unico panetto burroso e butterato. Il viso si deforma in lineamenti porcini, il seno si scioglie fondo alla pancia e nelle pieghe si formano delle piaghe impiastrate di sudore che arrivano fino a sanguinare. Agli uomini va meglio, il grasso si concentra sull'addome e sul petto, creando le famose "tettine da uomo", che allargano l'aureola dei capezzoli in modo grottesco, un cumulo di adipe si concentra sul pube rendendo ancora più misera la virilità di un uomo. I ginocchi di entrambi i sessi si piegano a "Y" creando la camminata a gallina causata dal valgismo e in alcuni casi dolori articolari, le smagliature squarciano la pelle di entrambi i sessi come saldature, e le gambe si riempiono di venature azzurrine.

Nelle relazioni le donne si ritrovano a cercare conferme, trovandosi spesso con uomini che abusano di loro, che le sfruttano o le tradiscono ma standoci comunque assieme, mentre per gli uomini è il deserto. Spesso fanno le dure e le veraci mentre in realtà hanno la fragilità di una bambina di quattro anni.

Un uomo obeso non ha modo di affrontare il bisogno di una partner, l'isolamento, l'aspetto e la mancanza di esperienza non permettono nessuna soluzione che il dimagrimento.

Il problema è che il corpo di una persona Obesa non è regolato sul peso ottimale ma sul massimo peso raggiunto: se un'individuo pesa 130 kg e ne perde 30 il suo corpo crederà che l'organismo sta soffrendo una carestia, e farà di tutto pere far sì che il peso ritorno a 130, non 100. Ne consegue che il regime dietetico deve essere assoluto e totale e deve perdurare tutta la vita, ogni sgarro che sarà compiuto sarà immagazzinato sotto forma di grasso alla prima occasione, per questo la maggior parte di chi dimagrisce finisce per riprendere i kg persi.
L'Obeso continua a vivere in un'ambiente ostile, senza la stampella del Cibo, ed è difficile. Per fare un esempio una persona obesa evita di guardarsi riflessa in uno specchio, non piace guardarsi mangiare e in genere si odia abbastanza ferocemente, la stanza in cui vive diventa stretta, piccola, il robot non risponde più ai comandi e si vorrebbe qualcosa, qualsiasi cosa per lenire il dolore dei ricordi o della immensa solitudine che si è sempre vissuto. Anche compreare vestiti è un dramma, il cavallo in genere si spacca o non si trova la taglia, alle donne la moda propone soltanto teloni pieni di cazzatelle.

L'obeso deve sopportare gli altri che parlano di obesità al posto suo e a nome suo, come quando volevano equiparare la sua condizione ad una malattia o quando le de donne si inventano il "Fat Acceptance Movement". Che è pretendere che le persone ti dicono le cose alle spalle e non in faccia, mancando completamente il bersaglio.

Francamente io la soluzione ce l'ho, mi è venuta in mente quando ho visto un piccolo documentario sulle dipendenze; spiegava che queste si curano meglio in un contesto amichevole, ed è tutto qui. L'obesità si combatterebbe meglio se le persone fossero meno maniacali nel crocifiggere gli altri. La pandemia di obesità che sta dilagando nel mondo è a mio dire legata alla condizione tossica in cui siamo immersi, non parliamo più e non comunichiamo più nulla.

E questo ci ammazza.

-Mass hysteria Massa Amnesia- dicevano i Radiohead in tempi non sospetti.
E ancora peggio l'intera canzone Street Spirit /Fade Out

claire 20-03-2016 18:18

Re: Obesità
 
Grazie, molto ben scritto :bene:
Io,nel mio piccolo,litigo con chi considera gli obesi degli smidollati e con chi ritiene che debbano solo dimagrire o nascondersi.

Atlas 20-03-2016 18:44

Re: Obesità
 
Grazie per aver letto!

claire 20-03-2016 18:58

Re: Obesità
 
Quote:

Originariamente inviata da Atlas (Messaggio 1699770)
Grazie per aver letto!

Speriamo non arrivi qualche guru a inzozzare parlando di canoni estetici,è un post molto bello,anche se amaro,andrebbe lasciato stare.

berserk 20-03-2016 19:39

Re: Obesità
 
Grazie per il tuo post,per il contenuto per l'icasticità della scrittura
Mi associo all'auspicio di Claire

Atlas 21-03-2016 00:26

Re: Obesità
 
Ho pensato molto a quello che dovevo o non dovevo scrivere sull'aspetto fisico,ma alla fine ho pensato, da chi devo nascondermi? A chi darla a bere? Se quelli di herbalife mi stanno alle costole è perché sembro una pera vestita con un paio di jeans (calibrati). E alle donne va peggio, in quanto un corpo di una donna muscolosa è considerata grassa, solo a causa delle sue spalle larghe; gli uomini fanno a gara a raccontare come sono scappati da un'appuntamento con una ragazza sovrappeso. Le donne grasse sono facili, è un mantra piuttosto noto.

Gli obesi appaiono come catarifrangenti nella folla, e per questo ho sentito che è ridicolo nascondersi dietro ad un dito, un corpo obeso è sgradevole. Non esiste la favola del brutto anatroccolo che si trasforma in cigno, un fisico sottoposto a tanto stress può anche dimagrire, ma la pelle andrà trattata chiurgicamente. Ed ogni operazione comporta rischi di asimmetricità, di cicatrici che non se ne andranno mai, e credo che per iniziare a cambiare davvero bisogna sopratutto riuscire ad accettarci per quello che siamo. Perchè una volta che riusciamo ad accettarci impariamo a perdonarci e alla fine curarci, per questo il percorso è così difficile. Vorremmo fare all'incontrario, prima diventare altro, e di conseguenza cambiare in quello che avremmo sempre voluto essere.
Credo che dobbiamo cercare la bellezza e la dignità della nostra condizione, accettare i nostri problemi come una parte umana di noi, e non come un'arto vestigiale che penzola da qualche parte.
Noi abbiamo il diritto di pretendere un trattamento più umano.
Abbiamo imparato l'abilità di farci scivolare ogni cosa addosso e lo abbiamo fatto per sopravvivere, per non impazzire o per non suicidarsi, perchè l'alternativa sarebbe stata affrontarli tutti, e non ce l'avremmo fatta. Abbiamo imparato a recitare indifferenza quando veniamo feriti, perchè sappiamo che se mostriamo di avere una sensibilità tutti coloro che ci circondano si accalcherebbero per avere un pezzo sanguinante di noi. Ma questo ci impedisce di curarci, è un circolo vizioso.

Non possiamo cambiare solo quello che vogliamo.

Ammiro il tuo coraggio di aver scritto il tuo peso, quei numeri per me sono sempre un'angoscia, un metro per misurare la distanza dal mondo.
I dietologi e i nutrizionisti sono come gli psicoterapeuti, i cani che ci sono danneggiato l'intera categoria. E non pagano mai i danni che fanno.

Atlas 21-03-2016 15:20

Re: Obesità
 
Io credo che una persona si tratta come una merda perchè lo fanno sentire una merda. Quando ancora devi sviluppare un'identità ti inculcano l'idea che non vali nulla, e così parte il trenino del disastro.

Bisogna riscoprire la propria identità, magari avere anche il coraggio di scoprirsi egoisti...

Noriko 21-03-2016 15:34

Re: Obesità
 
Quote:

Originariamente inviata da Atlas (Messaggio 1700236)

Bisogna riscoprire la propria identità, magari avere anche il coraggio di scoprirsi egoisti...


Più che giusto.
Quoto!

cancellato13248 21-03-2016 17:30

Re: Obesità
 
Vorrei aggiungere che secondo me questo impulso e uno scuilibro che nasce dal cervello , e un modo diverso di percepire il cibo ed il senso di piacere. Se ti capitasse questa sfiga e molto difficile controllarla in un eta giovane quindi non ha senso parlare di assenza di volonta.
Il problema di accettazione del proprio corpo capita a molti.

TãoSozinho 21-03-2016 19:19

Re: Obesità
 
Proprio ieri sono capitato sul video di una youtuber che era obesa ed è dimagrita di moltissimi kg. Devo dire che secondo me, anche se ho guardato solo qualche video e non tutti quelli pubblicati, vale la pena guardarla, se vuoi.
Forse non è il suo video rappresentativo questo, ne ha fatti tanti altri sull'argomento.


Atlas 21-03-2016 23:48

Re: Obesità
 
preferisco boogie.



Atlas 29-03-2016 13:49

Re: Obesità
 
Ho deciso di riprendere una delle mie numerose diete.
Non sto neppure a segnarla, ormai sono ossessionato da quello che dovrei o non dovrei mangiare e so a memoria il conteggio calorico e di grassi di più o meno tutto, anche se ciò che mi frega sono i carboidrati. Pane pasta pizza biscotti cereali che siano integrali o no sono sempre energia da immagazzinare, e grazie a dio non mi piacciono i dolci. Forse è solo quello che mi hanno salvato dal diabete.

Il problema di una dieta è che non riguarda solo quello che mangi, ma il perché lo fai.
Dieta significa principalmente controllo

Atlas 29-03-2016 19:23

Re: Obesità
 
perchè cancellare...lascia, fa bene al cuore leggere un pò di vulnerabilità...avere il coraggio di essere onesti con sè stessi è la cosa più anticonformista che si possa fare.

bella la frase di Svevo, ma il "segreto" credo sia nell'accettare che non te ne libererai mai, sopratutto dell'obesità. Lo sforzo non sta nel non mangiare, ma di relegare al cibo la sua funzione originaria, cioè nutrirsi, mangiare per fame. Non per consolarsi, guarirsi, o stordirsi.

Il che significa convivere con la groviera che lascia nell'anima, voragini di bisogni inespressi che venivano tenuta a bada con la panacea che è il cibo.

Per fortuna ho lo strumento della Mindfulness, che mi aiuta molto tutti i giorni ed é ottimo per affrontare la frustrazione di una dieta.

ho trovato questo, è soporifero ma spiega il concetto


Dragofobico 03-05-2016 19:26

Re: Obesità
 
Il tuo racconto mi ha fatto immergere in situazioni vissute da uno dei miei migliori amici di sempre, lui obeso, con il quale ho condiviso tante tante esperienze, capisco come ti senti, insieme a lui ho scoperto quanto può essere cattivo il mondo verso una persona solo perchè ha dei Kg di troppo.
Io l'ho sempre messo a suo agio, lui con me si sente "protetto" io allo stesso tempo mi sento utile e sono felice di farlo sentire bene. A differenza d'altri, non gli ho mai dato consigli sull'alimentazione, anzi, gli ho sempre proposto attività da svolgere insieme senza alcun tipo di competizione.

In seguito ad una delusione amorosa........(una stronza lo prese in giro e lo tradì)............gli scattò una molla dentro, insieme a me che mi allenavo abitualmente (ai tempi ero un agonista) riuscì a scendere da 145Kg a 100Kg....................era felicissimo, si sentiva bene, si sentiva uguale, si sentiva all'altezza............e io ero più contento di lui.

Mi dispiace, spero che tu riesca a migliorare il tuo stato d'animo..........indipendentemente dal peso corporeo;)

cancellato15324 04-05-2016 23:30

Re: Obesità
 
Mi era sfuggito questo topic. :pensando:
Mi è piaciuto, toccante e ben scritto.
Grazie per aver condiviso i tuoi pensieri con noi. ;)

claire 23-07-2016 09:51

Re: Obesità
 
È vero che noi abbiamo una considerazione esagerata del giudizio altrui,ma è pur vero che la gente gli stramaledetti cazzacci suoi non se li fa mai

Atlas 28-07-2016 12:08

Re: Obesità
 
Il punto è che la gente è molto più cattiva con le donne obese, anzi non devono neppure essere obese...anche normali basta.
E se sono normali allora sono troie perché magari si permettono di scoprire le cosce o le spalle.

Le persone sono persone di merda, non devi lasciar correre e rispondere sempre, e rispondere male, devi azzannare ogni volta che puoi, in modo da mantenerti il tuo spazio personale. imbecilli o normali, giovani e vecchi, rispondi sempre, che capiscano che non sei un sacco da allenamento che ognuno può colpire a piacimento.

Qwerty 28-07-2016 19:24

Re: Obesità
 
Io di recente ho avuto esperienza opposta: le donne sovrappeso hanno criticato mia eccessiva magrezza:huh:

Mike Patton 28-07-2016 21:11

Re: Obesità
 
Quote:

Originariamente inviata da Qwerty (Messaggio 1761680)
Io di recente ho avuto esperienza opposta: le donne sovrappeso hanno criticato mia eccessiva magrezza:huh:

Civil war :pensando:

Atlas 03-08-2016 13:51

Re: Obesità
 
cicciotto, ex cicciotto...quello che dà fastidio a me è il fatto che non riprendiamo mai la nostra umanità, noi..aspetta, meglio che parli per me, io sono e rappresento contemporaneamente il mio stigma. Sono obeso, e lo sarò anche quando sarò dimagrito, è un problema tipo l'essere drogato o alcolizzato. Per questo quando nei programmi (preparatissimi) c'è la gente che fa scena quando la Massa Di Carne dimagrisce, perché supera un problema e torna tra i normali. Tra gli umani.
Il sotto testo è da panico; questi programmi fanno successo perché l'obesità dà un carattere da circo degli orrori, con queste creature senza forme che ritornano velocemente umani grazie al coach miracoloso.

Credo che sia una specie di difesa rimbalzarsi contro i complimenti, io lo faccio perché SO che dietro ad ogni elogio c'è una coltellata pronta a partire, tu magari senti di non meritarli. Si vive l'obesità come una colpa anziché come una condizione, e questo è sbagliato.
Devi dirti brava da sola e perdonarti da sola prima di riuscire a credere a quello che dicono gli altri.

Atlas 09-08-2016 13:09

Re: Obesità
 

Atlas 02-05-2018 22:43

Re: Obesità
 
2018...e sono ancora obeso.


ora come ora vivo la stessa sensazione di sempre, friggo dentro.
Non la chiamo fame Nè voglia di qualcosa di buono, ma solo un diabolico bisogno di mordere.
Mi ha massacrato le dita e non mi fa dormire. Almeno alle abbuffate notturne reggo, ma solo perché ho paura di tracimarmi dietro un'alito di merda la mattina.
vedo di spiegare questa sensazione, almeno a me:

non ho fame, neanche appetito, lo stimolo non viene dallo stomaco, ma dalla bocca

mi aumenta la salivazione e devo inghiottire continuamente.

credo che stà mania della masticazione sia una sublimazione sessuale, ma se così fosse mi basterebbe una gomma e invece no. devo sbranare qualcosa, e di solito prendo di mira il pane, da strappare a morsi, ci sono stati periodi in cui ero disperato, masticavo il ghiaccio o compravo quelle ciambelle atroci di pane secco. mi sono strafogato di carote crude finchè il mio stomaco mi ha ricordato che non sono una mucca.
ho provato a bere, tantissimo.

ma perchè, chissà se lo saprò mai.

Qwerty 04-05-2018 12:36

Re: Obesità
 
Quote:

Originariamente inviata da Abuela (Messaggio 2107933)
Anche a me talvolta il bisogno di mangiare parte dai denti e dalle mandibole. È come se avessi una dolia, un fastidio, che non passa se non quando mastico qualcosa. Questo mj succede soprattutto a lavoro. Io poi lavoro sul cibo quindi posso ficcarmi in bocca qualsiasi cosa in qualsiasi momento :miodio:
Non che da impiegata d'ufficio fosse diverso dato che saccheggiavo la macchinetta.
Poi devo dire che mentre mangio dimentico un po' tutti i mali. Se fino al momento prima stavo per svenire sentendomi moribonda appena attacco il pasto passa tutto.

Una ciuingam?

sabet 14-10-2018 18:50

È la sesta volta che rileggo questa descrizione, ritrovandomi in ogni tua singola parola. Sono una diciottenne in un corpo che pesa la "bellezza" di 115 kg, ma che non riesce a rendersene conto quando si guarda allo specchio, perché vede un corpo normale. Sai quando ricevo uno schiaffo in faccia dalla realtà? Quando salgo più di tre rampe di scale, quando mi crollano le gambe ogni volta che mi siedo, quando porto a spasso il mio cane e le persone mi urlano "snella" o "corri corri" dalle loro auto, suonando col clacson e ridendo. Quando ho paura di passare in uno spazio stretto, perché magari potrei incastrarmici, oppure sedermi su di una sedia che sembra essere troppo fragile per sopportare il mio peso. Oh, vogliamo parlare degli ascensori? Meglio di no.
Sono contenta di aver letto di te, in modo da sentirmi in un certo senso meno sola. Ti auguro tutto il meglio di questo mondo, così come lo auguro a me stessa. :)

Masterplan92 17-11-2018 17:10

Re: Obesità
 
Uno dei post più belli del forum.

Masterplan92 17-11-2018 17:18

Re: Obesità
 
Sai sono dimagrito di 25 chili..ma non è cambiato nulla..stessi problemi,stessa testa..

Torschlusspanik 26-11-2018 16:30

Re: Obesità
 
Quote:

Originariamente inviata da Masterplan92 (Messaggio 2187047)
Sai sono dimagrito di 25 chili..ma non è cambiato nulla..stessi problemi,stessa testa..


Io mi sento molto peggio.
Io ne ho persi 110.
Dicono che la bariatrica sia una scorciatoia ma a quattro anni di distanza mi ha spostato il peso che avevo in corpo in testa. Io quello che ho passato e sto passando anche adesso non lo auguro nemmeno al mio peggiore nemico.

Abuela 10-02-2019 12:11

Re: Obesità
 
ho tanti pensieri ma non voglio esternarli :miodio:

Atlas 10-02-2019 21:22

Re: Obesità
 
esternali in privato, io ci sono

Abuela 10-02-2019 21:33

Re: Obesità
 
Grazie Atas :)

Fra confusione mentale e vergogna non riesco però a darvi voce. Temo siano pensieri unicamente avvilenti.

Abuela 15-02-2019 16:43

Re: Obesità
 
Non riesco a riprendere il controllo:testata:

Peste Nera 08-03-2019 15:01

Re: Obesità
 
Quote:

Originariamente inviata da Atlas (Messaggio 1699704)
Io sono obeso, di un'obesità grave e patologica in quanto è una condizione che mi affligge da quando sono nato; ho attraversato tutte le fasi della mia vita essendo la persona più grassa del gruppo. Peso 118 kg e sono alto 1 metro e sessanta con qualche sputo, per secondo l'indice di massa corporea dovrei stare tra i 49 e i 66 kg.

Vista dall'esterno un obeso è uno stronzo che mangia finchè non gli sfondano le rotule e che non riesce staccarsi dai panini del macdonald e dalle tavolette di cioccolata, che mangia e che pensa a mangiare e che non sa contenersi solo perchè è troppo pigro. Un obeso è una persona provo di spina dorsale, di carattere e volontà, e andrebbe preso a calci in quel culo grasso fino a crearsi una personalità.

Dall'interno un obeso vede le cose in modo distorto, vede gli altri che si preoccupano della sua salute, completi sconosciuti con l'enfisema alla porta e il fegato in una fossa che si fermano e ti dedicano il loro prezioso tempo per darti consigli. Gente che d'improvviso si improvvisano nutrizionisti, giurandoti che una cura a base di carciofi e minestroni ti faranno diventare un figurino.
I medici ti danno un'occhiata e ti dicono che devi dimagrire, qualsiasi problema tu abbia, dal mal di testa alla spalla lussata, e di fatto si rifiutano di visitarti. Con il tempo l'obeso impara che non merita andare dai medici, che non è necessario finché non cadi a pezzi.
Da obeso impari dai primissimi anni che sei un mostro, una creatura diversa dagli altri bambini e che non puoi giocare con loro perché sei grasso, le classi e gli spogliatoi sono luoghi orribili dove i tuoi compagni di tutti i giorni ti linciano, senza dirti mai il perché. Ti picchiano, ti spingono, fanno a gara tra di loro a chi ti tratta più male, ti seviziano e ti strappano via la tua dignità con lunghi coltelli scheggiati, e si comprende che gli adulti sono inutili. Un obeso impara che nessuno mai lo difenderà, e già a 6 anni sa molte delle cose che si porterà dietro.
Impara ad essere emotivamente autonomo, a stare da solo, e comprende che l'unico posto in cui è libero di esistere è in una stanza vuota. Inizia poco a poco a crearsi questa stanza dentro di sè.
Crescendo le cose peggiorano anno dopo anno, a valanga, con le medie e le superiori dove l'obeso sperimenta sulla propria persona i milioni di modi in cui viene somministrata la crudeltà, impara a comprendere l'odore della rabbia e con la pratica impara l'arte del cinismo. Si ritira sempre di più dentro il suo spazio, blinda finestre e spranga le porte, mandando in avanscoperta solo una propria versione robotica. Una creatura composta di migliaia di risposte montate ad arte che vede e non vede, ma sopratutto non sente nulla.
L'obeso impara ad amare gli inverni e a odiare le estati, quando il corpo non può più essere nascosto dai vestiti e il mondo intero diventa particolarmente inospitale per la vita. La strada e la folla diventano giungle fitte di nemici da cui difendersi o allontanare, il caldo sottolinea che il tuo corpo ha bisogno di traspirare e questo attrae la violenza e la rabbia di chiunque ti sta accanto. Con il tempo piscine e spiagge diventano luoghi incredibilmente pericolosi, campi di battaglia che nessuno Obeso osa davvero affrontare, a prescindere quanta esperienza abbia accumulato o quanto in profondità uno si sia nascosto. Un Obeso dopo una giornata al mare può pensare che non ne valga più la pena di lottare, e dato che nessuno si preoccupa dei sentimenti di una persona sovrappeso questo si ritrova da solo con questa bestia dentro la sua stanza personale, un grosso lupo nero fatto di filo spinato che minaccia di sbranare anche la sua più piccola esile volontà di esistere.
Per questo un Obeso evita.
Evita di uscire, perchè sa che il robot deve essere ben carico e pronto all'uso, lesto nel ragionare e rapito dello smitragliare risposte, svicolare gli attacchi alle parti sensibili, camuffare interessi, improvvisare situazioni, accentrare l'attenzione poichè ogni creatura fuori dal rumore è la preda preferita. Ma guidare il robot è anche noioso, oltre che faticoso, e alla fine rimane più facile vivere ai margini.
Ma la solitudine fa male, crea cisti dolorosissime che rimangono lì come infezioni e il cibo cura, consola e tiene compagnia.
Un obeso ha sempre avuto solo e sempre il cibo come consolazione, è stata la sua unica scelta in quanto ha sempre vissuto in un mondo che cerca di annientarlo giorno dopo giorno.

Nelle relazioni l'obeso, maschio o femmina che sia, è in una brutta situazione; le donne colano una massa che sembra pasta da pizza dalle braccia, dalle cosce, dalle guance, un misto di grasso e cellulite che si sdraia uno sull'altro, i fianchi spariscono sostituiti da un'unico panetto burroso e butterato. Il viso si deforma in lineamenti porcini, il seno si scioglie fondo alla pancia e nelle pieghe si formano delle piaghe impiastrate di sudore che arrivano fino a sanguinare. Agli uomini va meglio, il grasso si concentra sull'addome e sul petto, creando le famose "tettine da uomo", che allargano l'aureola dei capezzoli in modo grottesco, un cumulo di adipe si concentra sul pube rendendo ancora più misera la virilità di un uomo. I ginocchi di entrambi i sessi si piegano a "Y" creando la camminata a gallina causata dal valgismo e in alcuni casi dolori articolari, le smagliature squarciano la pelle di entrambi i sessi come saldature, e le gambe si riempiono di venature azzurrine.

Nelle relazioni le donne si ritrovano a cercare conferme, trovandosi spesso con uomini che abusano di loro, che le sfruttano o le tradiscono ma standoci comunque assieme, mentre per gli uomini è il deserto. Spesso fanno le dure e le veraci mentre in realtà hanno la fragilità di una bambina di quattro anni.

Un uomo obeso non ha modo di affrontare il bisogno di una partner, l'isolamento, l'aspetto e la mancanza di esperienza non permettono nessuna soluzione che il dimagrimento.

Il problema è che il corpo di una persona Obesa non è regolato sul peso ottimale ma sul massimo peso raggiunto: se un'individuo pesa 130 kg e ne perde 30 il suo corpo crederà che l'organismo sta soffrendo una carestia, e farà di tutto pere far sì che il peso ritorno a 130, non 100. Ne consegue che il regime dietetico deve essere assoluto e totale e deve perdurare tutta la vita, ogni sgarro che sarà compiuto sarà immagazzinato sotto forma di grasso alla prima occasione, per questo la maggior parte di chi dimagrisce finisce per riprendere i kg persi.
L'Obeso continua a vivere in un'ambiente ostile, senza la stampella del Cibo, ed è difficile. Per fare un esempio una persona obesa evita di guardarsi riflessa in uno specchio, non piace guardarsi mangiare e in genere si odia abbastanza ferocemente, la stanza in cui vive diventa stretta, piccola, il robot non risponde più ai comandi e si vorrebbe qualcosa, qualsiasi cosa per lenire il dolore dei ricordi o della immensa solitudine che si è sempre vissuto. Anche compreare vestiti è un dramma, il cavallo in genere si spacca o non si trova la taglia, alle donne la moda propone soltanto teloni pieni di cazzatelle.

L'obeso deve sopportare gli altri che parlano di obesità al posto suo e a nome suo, come quando volevano equiparare la sua condizione ad una malattia o quando le de donne si inventano il "Fat Acceptance Movement". Che è pretendere che le persone ti dicono le cose alle spalle e non in faccia, mancando completamente il bersaglio.

Francamente io la soluzione ce l'ho, mi è venuta in mente quando ho visto un piccolo documentario sulle dipendenze; spiegava che queste si curano meglio in un contesto amichevole, ed è tutto qui. L'obesità si combatterebbe meglio se le persone fossero meno maniacali nel crocifiggere gli altri. La pandemia di obesità che sta dilagando nel mondo è a mio dire legata alla condizione tossica in cui siamo immersi, non parliamo più e non comunichiamo più nulla.

E questo ci ammazza.

-Mass hysteria Massa Amnesia- dicevano i Radiohead in tempi non sospetti.
E ancora peggio l'intera canzone Street Spirit /Fade Out

Ciao Atlas, hai scritto un bellissimo post dove mi rivedo perfettamente visto che anch'io soffro della stessa cosa. Hai descritto quello che provavo e che provo tuttora anche se io non sono bravo con le parole. Ti lascio solo intuire quale inferno ho passato specie nell'adolescenza e solo ora nell'età adulta ho trovato un po' di pace e sollievo.
Spero che questa discussione si evolva e continui così da poter parlare ancora del nostro problema, anche se io, essendo riservato di mio non tendo a dare più di tanto dettagli sulla mia situazione personale.
Grazie ancora per aver aperto il post, mi fa piacere parlare con qualcuno che capisce come ci si sente ad essere nella nostra situazione. :)

Atlas 09-03-2019 18:26

Re: Obesità
 
io invece tendo a prendere vestiti che vorrei mettere così in pratica compro roba che non mi sta -__-

anche a me piacciono le persone grasse anche se proietto i miei problemi su di loro, per cui credo di pensare
quello che loro pensano
mentre invece ogni esperienza è diversa.

Atlas 09-03-2019 18:32

Re: Obesità
 
cmq il percorso tira e molla si ripete all'infinito se uno non cambia vita, e invecchiando diventa sempre più difficile per colpa degli acciacchi che si stratificano.
è un gioco bastardo, bisogna accettarsi così' come si è prima ancora di dimagrire, il che non ha senso, altrimenti uno non dimagrirebbe. ma soltanto amandosi si può accettare lo sforzo della privazione non come una punizione ma come un'atto d'amore verso sè stessi.

Ton93 09-03-2019 18:37

Re: Obesità
 
Io mi chiedo come faccia un obeso a ingurgitare tutto quel cibo senza soffrire, io se facevo indigestione avevo il corpo che mi chiedeva pietà a ogni boccone.

cancellato16981 09-03-2019 21:00

Re: Obesità
 
Quote:

Originariamente inviata da Atlas (Messaggio 1699704)
Io sono obeso, di un'obesità grave e patologica in quanto è una condizione che mi affligge da quando sono nato; ho attraversato tutte le fasi della mia vita essendo la persona più grassa del gruppo. Peso 118 kg e sono alto 1 metro e sessanta con qualche sputo, per secondo l'indice di massa corporea dovrei stare tra i 49 e i 66 kg.

Vista dall'esterno un obeso è uno stronzo che mangia finchè non gli sfondano le rotule e che non riesce staccarsi dai panini del macdonald e dalle tavolette di cioccolata, che mangia e che pensa a mangiare e che non sa contenersi solo perchè è troppo pigro. Un obeso è una persona provo di spina dorsale, di carattere e volontà, e andrebbe preso a calci in quel culo grasso fino a crearsi una personalità.

Dall'interno un obeso vede le cose in modo distorto, vede gli altri che si preoccupano della sua salute, completi sconosciuti con l'enfisema alla porta e il fegato in una fossa che si fermano e ti dedicano il loro prezioso tempo per darti consigli. Gente che d'improvviso si improvvisano nutrizionisti, giurandoti che una cura a base di carciofi e minestroni ti faranno diventare un figurino.
I medici ti danno un'occhiata e ti dicono che devi dimagrire, qualsiasi problema tu abbia, dal mal di testa alla spalla lussata, e di fatto si rifiutano di visitarti. Con il tempo l'obeso impara che non merita andare dai medici, che non è necessario finché non cadi a pezzi.
Da obeso impari dai primissimi anni che sei un mostro, una creatura diversa dagli altri bambini e che non puoi giocare con loro perché sei grasso, le classi e gli spogliatoi sono luoghi orribili dove i tuoi compagni di tutti i giorni ti linciano, senza dirti mai il perché. Ti picchiano, ti spingono, fanno a gara tra di loro a chi ti tratta più male, ti seviziano e ti strappano via la tua dignità con lunghi coltelli scheggiati, e si comprende che gli adulti sono inutili. Un obeso impara che nessuno mai lo difenderà, e già a 6 anni sa molte delle cose che si porterà dietro.
Impara ad essere emotivamente autonomo, a stare da solo, e comprende che l'unico posto in cui è libero di esistere è in una stanza vuota. Inizia poco a poco a crearsi questa stanza dentro di sè.
Crescendo le cose peggiorano anno dopo anno, a valanga, con le medie e le superiori dove l'obeso sperimenta sulla propria persona i milioni di modi in cui viene somministrata la crudeltà, impara a comprendere l'odore della rabbia e con la pratica impara l'arte del cinismo. Si ritira sempre di più dentro il suo spazio, blinda finestre e spranga le porte, mandando in avanscoperta solo una propria versione robotica. Una creatura composta di migliaia di risposte montate ad arte che vede e non vede, ma sopratutto non sente nulla.
L'obeso impara ad amare gli inverni e a odiare le estati, quando il corpo non può più essere nascosto dai vestiti e il mondo intero diventa particolarmente inospitale per la vita. La strada e la folla diventano giungle fitte di nemici da cui difendersi o allontanare, il caldo sottolinea che il tuo corpo ha bisogno di traspirare e questo attrae la violenza e la rabbia di chiunque ti sta accanto. Con il tempo piscine e spiagge diventano luoghi incredibilmente pericolosi, campi di battaglia che nessuno Obeso osa davvero affrontare, a prescindere quanta esperienza abbia accumulato o quanto in profondità uno si sia nascosto. Un Obeso dopo una giornata al mare può pensare che non ne valga più la pena di lottare, e dato che nessuno si preoccupa dei sentimenti di una persona sovrappeso questo si ritrova da solo con questa bestia dentro la sua stanza personale, un grosso lupo nero fatto di filo spinato che minaccia di sbranare anche la sua più piccola esile volontà di esistere.
Per questo un Obeso evita.
Evita di uscire, perchè sa che il robot deve essere ben carico e pronto all'uso, lesto nel ragionare e rapito dello smitragliare risposte, svicolare gli attacchi alle parti sensibili, camuffare interessi, improvvisare situazioni, accentrare l'attenzione poichè ogni creatura fuori dal rumore è la preda preferita. Ma guidare il robot è anche noioso, oltre che faticoso, e alla fine rimane più facile vivere ai margini.
Ma la solitudine fa male, crea cisti dolorosissime che rimangono lì come infezioni e il cibo cura, consola e tiene compagnia.
Un obeso ha sempre avuto solo e sempre il cibo come consolazione, è stata la sua unica scelta in quanto ha sempre vissuto in un mondo che cerca di annientarlo giorno dopo giorno.

Nelle relazioni l'obeso, maschio o femmina che sia, è in una brutta situazione; le donne colano una massa che sembra pasta da pizza dalle braccia, dalle cosce, dalle guance, un misto di grasso e cellulite che si sdraia uno sull'altro, i fianchi spariscono sostituiti da un'unico panetto burroso e butterato. Il viso si deforma in lineamenti porcini, il seno si scioglie fondo alla pancia e nelle pieghe si formano delle piaghe impiastrate di sudore che arrivano fino a sanguinare. Agli uomini va meglio, il grasso si concentra sull'addome e sul petto, creando le famose "tettine da uomo", che allargano l'aureola dei capezzoli in modo grottesco, un cumulo di adipe si concentra sul pube rendendo ancora più misera la virilità di un uomo. I ginocchi di entrambi i sessi si piegano a "Y" creando la camminata a gallina causata dal valgismo e in alcuni casi dolori articolari, le smagliature squarciano la pelle di entrambi i sessi come saldature, e le gambe si riempiono di venature azzurrine.

Nelle relazioni le donne si ritrovano a cercare conferme, trovandosi spesso con uomini che abusano di loro, che le sfruttano o le tradiscono ma standoci comunque assieme, mentre per gli uomini è il deserto. Spesso fanno le dure e le veraci mentre in realtà hanno la fragilità di una bambina di quattro anni.

Un uomo obeso non ha modo di affrontare il bisogno di una partner, l'isolamento, l'aspetto e la mancanza di esperienza non permettono nessuna soluzione che il dimagrimento.

Il problema è che il corpo di una persona Obesa non è regolato sul peso ottimale ma sul massimo peso raggiunto: se un'individuo pesa 130 kg e ne perde 30 il suo corpo crederà che l'organismo sta soffrendo una carestia, e farà di tutto pere far sì che il peso ritorno a 130, non 100. Ne consegue che il regime dietetico deve essere assoluto e totale e deve perdurare tutta la vita, ogni sgarro che sarà compiuto sarà immagazzinato sotto forma di grasso alla prima occasione, per questo la maggior parte di chi dimagrisce finisce per riprendere i kg persi.
L'Obeso continua a vivere in un'ambiente ostile, senza la stampella del Cibo, ed è difficile. Per fare un esempio una persona obesa evita di guardarsi riflessa in uno specchio, non piace guardarsi mangiare e in genere si odia abbastanza ferocemente, la stanza in cui vive diventa stretta, piccola, il robot non risponde più ai comandi e si vorrebbe qualcosa, qualsiasi cosa per lenire il dolore dei ricordi o della immensa solitudine che si è sempre vissuto. Anche compreare vestiti è un dramma, il cavallo in genere si spacca o non si trova la taglia, alle donne la moda propone soltanto teloni pieni di cazzatelle.

L'obeso deve sopportare gli altri che parlano di obesità al posto suo e a nome suo, come quando volevano equiparare la sua condizione ad una malattia o quando le de donne si inventano il "Fat Acceptance Movement". Che è pretendere che le persone ti dicono le cose alle spalle e non in faccia, mancando completamente il bersaglio.

Francamente io la soluzione ce l'ho, mi è venuta in mente quando ho visto un piccolo documentario sulle dipendenze; spiegava che queste si curano meglio in un contesto amichevole, ed è tutto qui. L'obesità si combatterebbe meglio se le persone fossero meno maniacali nel crocifiggere gli altri. La pandemia di obesità che sta dilagando nel mondo è a mio dire legata alla condizione tossica in cui siamo immersi, non parliamo più e non comunichiamo più nulla.

E questo ci ammazza.

-Mass hysteria Massa Amnesia- dicevano i Radiohead in tempi non sospetti.
E ancora peggio l'intera canzone Street Spirit /Fade Out

Ciao Atlas!
Premetto che anche io sfogo sul cibo. Non sono obesa ma sono in sovrappeso da una vita.
Emotivamente "sento" ogni tua parola, la comprendo e la condivido.
Il corpo può essere il nostro miglior mezzo per vivere e, allo stesso tempo, la nostra peggior prigione.
Paura degli spogliatoi, degli abiti, degli sguardi della gente...sono cose che ho provato e che, in parte, provo ancora. Spesso mi capita di pensare che se qualcuno mi fissa è perché "sono deforme".
Poi prendo un bel respiro e razionalizzo. E un pochino mi calmo.
Condivido anche il disgusto per l'insensibilità sociale, dalla adolescenza fino alla maggiore età.
Condivido la paura per la lotta continua che una persona che ha una dipendenza da cibo deve intraprendere contro il proprio corpo e la propria testa. Una lotta che non finisce. Mai.
Però permettimi di dire una cosa: esistono stronzi, egoisti, presuntuosi, saccenti che ti daranno consigli e dritte per sentirsi migliori...ma ci sono anche persone che ti vorrebbero davvero aiutare. Non per sentirsi superiori.
Ma perché davvero pensano che, in questo modo, ci facciamo male. Non è sempre vero che chi è dentro il problema è l'unico che può capire al meglio e tutto. Anzi, spesso, chi è coinvolto è sicuramente la persona più sofferente ma anche meno obbiettiva. Pensa a tutti disturbi psicologici e psichiatrici: non potrai provare mai le emozioni dell'altro, ma forse potrai aiutarlo più di quanto potrebbe fare lui da solo. Prova a dare una chance agli altri.
Forse (e dico forse) qualcuno potrebbe stupirti!

Atlas 10-03-2019 20:05

Re: Obesità
 
francamente non me la sento di dare possibilità a nessuno.
Non sposso andare in palestra non posso andare in piscina, anche in bici devo evitare centri urbani perchè ansimo e sudo. Inoltre non posso mettermi pantaloncini da ciclista e via, sopra sono costretto a indossare un paio di shorts e la maglietta sopra deve scendere sotto l'ombelico e entrambi i capi devono essere scuri o blu scuro. La maglietta deve avere qualche stronzata sul torace o sulla schiena per snellire la forma.
Non posso indossare camice all'interno dei pantaloni, per cui posso solo comprare camice large che sono tutte sportive. I pantaloni vanno attillati, per me la scelta sono i tubi di tela blu o gli elasticizzati o i calibrati.
Se non trovi i vestiti uscire vuol dire andare in guerra disarmati.

Io ho imparato a non fare un dramma, mai di nulla, che nessuno ascolta veramente; prima scrivevo una marea di diari perchè volevo capire che cosa stesse succedendo anche ma poi ho scoperto che neppure io voglio leggermi.

Ho visitato dietologi e nutrizionisti. Sono stato dallo psicoterapeuta, più volte, sempre di nascosto perchè altrimenti sarei passato più caso umano di quel che sono, ho speso e rispeso. Conosco a memoria tabelle, valori nutrizionali, quantità, composizioni, capisco IO su me stesso, gli altri e come il mondo si rifletta su quello che crediamo che sia, ma la verità è che la realtà è ostile per natura. Senza colpa di niente e nessuno, dalla cellula al sistema che abbiamo tirato su per non sbranarci la prevaricazione e l'ascesa sono il telaio su cui si sorregge il tutto.
Io non voglio essere fra quelli che si compiacciono di essere diversi mentre affondano nel fango delle proprie autocommiserazioni, ma non voglio essere il cretino di turno con il sorriso isterico sul muso "che la vita mi dato tutto" e così ho scavato fossati e piantato lance tutto intorno a me, per difendere almeno quel briciolo di dignità che mi permette di alzarmi la mattina.

SoloUnaDonna 10-03-2019 22:07

Re: Obesità
 
Quote:

Originariamente inviata da Atlas (Messaggio 2235191)
francamente non me la sento di dare possibilità a nessuno.
Non sposso andare in palestra non posso andare in piscina, anche in bici devo evitare centri urbani perchè ansimo e sudo. Inoltre non posso mettermi pantaloncini da ciclista e via, sopra sono costretto a indossare un paio di shorts e la maglietta sopra deve scendere sotto l'ombelico e entrambi i capi devono essere scuri o blu scuro. La maglietta deve avere qualche stronzata sul torace o sulla schiena per snellire la forma.
Non posso indossare camice all'interno dei pantaloni, per cui posso solo comprare camice large che sono tutte sportive. I pantaloni vanno attillati, per me la scelta sono i tubi di tela blu o gli elasticizzati o i calibrati.
Se non trovi i vestiti uscire vuol dire andare in guerra disarmati.

chi li ha stabiliti tutti questi non posso o devo? e perchè?

cancellato16981 11-03-2019 02:44

Re: Obesità
 
Quote:

Originariamente inviata da Atlas (Messaggio 2235191)
francamente non me la sento di dare possibilità a nessuno.
Non sposso andare in palestra non posso andare in piscina, anche in bici devo evitare centri urbani perchè ansimo e sudo. Inoltre non posso mettermi pantaloncini da ciclista e via, sopra sono costretto a indossare un paio di shorts e la maglietta sopra deve scendere sotto l'ombelico e entrambi i capi devono essere scuri o blu scuro. La maglietta deve avere qualche stronzata sul torace o sulla schiena per snellire la forma.
Non posso indossare camice all'interno dei pantaloni, per cui posso solo comprare camice large che sono tutte sportive. I pantaloni vanno attillati, per me la scelta sono i tubi di tela blu o gli elasticizzati o i calibrati.
Se non trovi i vestiti uscire vuol dire andare in guerra disarmati.

Io ho imparato a non fare un dramma, mai di nulla, che nessuno ascolta veramente; prima scrivevo una marea di diari perchè volevo capire che cosa stesse succedendo anche ma poi ho scoperto che neppure io voglio leggermi.

Ho visitato dietologi e nutrizionisti. Sono stato dallo psicoterapeuta, più volte, sempre di nascosto perchè altrimenti sarei passato più caso umano di quel che sono, ho speso e rispeso. Conosco a memoria tabelle, valori nutrizionali, quantità, composizioni, capisco IO su me stesso, gli altri e come il mondo si rifletta su quello che crediamo che sia, ma la verità è che la realtà è ostile per natura. Senza colpa di niente e nessuno, dalla cellula al sistema che abbiamo tirato su per non sbranarci la prevaricazione e l'ascesa sono il telaio su cui si sorregge il tutto.
Io non voglio essere fra quelli che si compiacciono di essere diversi mentre affondano nel fango delle proprie autocommiserazioni, ma non voglio essere il cretino di turno con il sorriso isterico sul muso "che la vita mi dato tutto" e così ho scavato fossati e piantato lance tutto intorno a me, per difendere almeno quel briciolo di dignità che mi permette di alzarmi la mattina.

Siamo tutti schiavi in un'etichetta, chi più chi meno; chi coscientemente, chi no.
I "devo" e i "non devo" li stabilisce la società. È la società che decide che non devi andare in bici perché sudi, che devi mettere la camicia nei pantaloni, che non puoi indossare pantaloni da ciclista, ecc...
Mi fa riflettere il fatto che tu ti soffermi essenzialmente sul fattore estetico (importantissimo soprattutto dal lato emotivo) ma non menzioni il fattore di salute che, credo, sia molto importante.
Io penso che, tutti in un modo particolare, vadano in guerra disarmati.
La realtà è probabilmente ostile, è vero. Ma lo è per tante persone. Se non per tutti. Quello che vorrei farti notare è che la seconda parte del tuo discorso avrebbe potuto scriverla un0altra persona che, magari non soffre di obesità, ma soffre di un problema emotivo diverso ma ugualmente intenso.
Non devi compiacerti né commiserarti, non penso aiuti. Come penso non aiuti pensare che tutti siano ugualmente "cattivi" fuori dal nostro guscio.
Non devi dare una possibilità agli altri ma credo che equivalga a non dare una possibilità a se stessi.E, ti ripeto, sono la prima a provare le tue stesse emozioni e a non fidarmi degli altri. Ma, spesso, se ci rifletto bene credo più di essere io il problema. E non gli altri.

Atlas 11-03-2019 12:57

Re: Obesità
 
Quote:

Originariamente inviata da SoloUnaDonna (Messaggio 2235234)
chi li ha stabiliti tutti questi non posso o devo? e perchè?

li hanno stabiliti gli altri intorno a te. La gente t'assale se ti vede in un certo modo, e se te ne fai carico per sedimentazione ti annientano, non esci più di casa, parlo per esperienza personale.
come ho scritto è stressante andare muso a muso contro gli altri. La vita non è una soap dove arriva la conclusione in cui il protagonista si fa accettare dal mondo, al contrario ogni giorno è una guerra ogni giorno uno scontro, e se non vuoi combattere rinunci. Perchè dici che non ne vale la pena.
non scrivere fregatene degli altri, devi piacere solo a te stesso, sono 36 anni che sto in trincea e queste risposte sanno molto di sò cazzi tua e vengono infilati prima o dopo una paternale, a seconda degli stereotipi a cui uno s'attacca.


Tutti gli orari sono GMT +1. Attualmente sono le 05:43.

Powered by vBulletin versione 3.8.8
Copyright ©: 2000 - 2021, Jelsoft Enterprises Ltd.