FobiaSociale.com  
     

Home Messaggi odierni Registrazione Cerca FAQ Messaggi odierni Segna i forum come letti
 
Vai indietro   FobiaSociale.com > Psico Forum > Timidezza Forum
Rispondi
 
Vecchio 07-02-2024, 01:20   #1
Principiante
 

Buonasera, sono un uomo di 31 anni, spero di aver scelto la sezione giusta.

Da un pò di tempo sono veramente giù di morale, vedo sempre il bicchiere mezzo vuoto delle situazioni, mi sento parecchio solo, la mia autostima ormai è diventata inesistente.

Il motivo principale è il mio rapporto con le donne. Non sono mai stato capace di approcciare, troppa timidezza, non sono quasi mai riuscito a rendermi interessante ai loro occhi. Sin dai tempi della scuola facevo fatica, sempre lì in disparte a guardare i compagni di classe riuscire dove io fallivo, subendo anche qualche volta prese in giro dai miei coetanei per i miei insuccessi.

Finite le superiori la situazione non è migliorata molto, mi sono armato di coraggio e ci ho provato con qualche ragazza, probabilmente sbagliando metodo o semplicemente perché non piaccio. Tra rifiuti netti e scambi di numeri, ma senza risposte ai messaggi è quasi sempre stato un fallimento. Sono riuscito solo 2 volte, da cui poi sono nate le uniche 2 relazioni in 31 anni di esistenza.
Nella prima, mi ha lasciato lei dopo un anno, dicendomi che la nostra storia era solo una semplice frequentazione e "aveva bisogno di capire alcune cose..", ma non ci ho sofferto più di tanto, non ne ero molto innamorato, avevamo alcuni interessi in comune e per non stare da solo mi sono buttato ma meglio così, ognuno per la sua strada.
Nella seconda, pure qua non ero molto attratto, lei invece era un po' più presa e non potendomi permettere il lusso di declinare, ho accettato di frequentarci. Quando ha iniziato a parlarmi di convivenza, io rimanevo impassibile sull'argomento perché non convinto. Lei ha intuito la mia titubanza e da lì, non volendo illuderla ulteriormente, abbiamo deciso di lasciarci. All'inizio mi dispiaceva che lei potesse soffrire, ma un po' di mesi dopo ha conosciuto un altro e ha trovato quello che cercava. Sono contento per lei, è giusto così.

Poi il nulla. Sono sempre attorniato dai problemi relazionali che vi descrivevo prima.
Non penso di essere un brutto uomo (o meglio, lo pensavo dato i miei risultati scarsi): non ho problemi di calvizia, ma non sono molto alto (170cm) cosa che mi crea disagio e ultimamente ho messo su un pò di peso (71kg) ma non direi che sono grasso. Le difficoltà arrivano dalla parte comportamentale: non sono una persona loquace e questo spesso mi esclude socialmente, sorrido poco anzi mi è stato detto in diversi modi che sono ombroso o addirittura che sembro costantemente arrabbiato.. io sono fatto alla mia maniera, non sono cattivo, però al giorno d'oggi ti giudicano subito dalle apparenze e vieni etichettato.

Lavoro in un'azienda che fa imballaggi come operaio specializzato da 8 anni (dopo parecchie difficoltà a trovare un impiego o ad accettare posti che mi veniva la nausea già prima di iniziare il turno.. come molte altre persone del resto). Tutto sommato è un buon lavoro, non mi dispiace, ma non mi sono integrato tanto con i colleghi. Mi spiego: vado d'accordo, ma c'è un rapporto formale, mi saluto e basta. Per esempio l'anno scorso ho fatto una brutta influenza con 40 di febbre, ho fatto 3 settimane di mutua di cui 1 all'ospedale. Al mio rientro nessuno mi ha chiesto come stavo, ma non gli ho dato importanza.
Ci sono rimasto male invece per altre 2 situazioni.
In ufficio c'è un'impiegata che ha 3 anni meno di me, è molto bella (già impegnata, ma anche se non lo fosse è comunque fuori dalla mia portata, me ne rendo conto) e in generale è alla mano, parla anche con quelli della produzione, non se la tira. Un giorno dopo la giornata lavorativa, lei aveva parcheggiato da parte alla mia vettura, non abbiamo mai avuto occasione di dialogare quindi avendo fatto lo stesso tragitto prima di andare l'ho salutata. Non si è nemmeno girata, mi ha sentito e non era distratta dal cellulare.. è stato umiliante.
L'altra situazione è che sempre al lavoro, nell'impresa di pulizie della ditta, c'è una ragazza (più o meno della mia età e abbastanza carina) che quando arriva saluta tutti.. tranne uno. Addirittura ho notato che se ci stiamo per incrociare, cambia direzione o fa finta di controllare il carrello con tutti gli attrezzi o tira dritto girando la faccia dall'altra parte. Forse sono io che, come dicevo all'inizio, vedo le cose in maniera pessimista e ho frainteso ma non credo, e ho trovato la cosa demoralizzante. Non so più come giustificare questi eventi..

Da poco, dopo il lavoro, vado a correre in un parco vicino alla zona industriale per rimettermi in forma. Incrocio spesso una ragazza che fa jogging che mi attrae molto, fisico longilineo. Passiamo anche l'uno da parte all'altra ma non so proprio come fare la prima mossa, e vista la bassa considerazione di me che ho maturato nel tempo lascio perdere tutte le volte.. non sono proprio in grado.

Ho 4 amici, tutti maschi della stessa età, ci conosciamo da 15 anni e tutti con le stesse problematiche sentimentali, quindi incapaci di darci consigli tra di noi sulle donne. Anno dopo anno ognuno si è fidanzato defilandosi dal gruppo e tutt'ora ci vediamo sporadicamente (come giusto che sia, si cresce e la partner ha la precedenza).
10 mesi fa uno di questi amici ha organizzato una cena al ristorante come rimpatriata. C'era anche una coppia esterna al gruppo, conoscenti della fidanzata dell'organizzatore e ci siamo presentati. La donna della coppia è una delle ragazze più belle che abbia mai visto, è fine, è gentile e quando parla espone argomenti anche di un certo livello. Avendola di fronte al tavolo, ho provato a parlarci e ci ho fatto anche un bel discorso.
A dicembre 2023 altra rimpatriata, stessi partecipanti. C'era pure lei e si è anche ricordata il mio nome (cosa per niente scontata), chiedendomi come stavo e sorridendomi più volte durante la serata. Per carità, non mi sono fatto illusioni, è il suo modo di fare, mi ha fatto piacere come si è posta nei miei confronti, me ne sono anche innamorato, ma non è niente più di questo, me ne sono fatto una ragione. Inoltre è insieme al suo fidanzato dai tempi del liceo e convivono.. Qui arriva la mazzata, il fidanzato..

Ritengo che sia una persona con atteggiamenti imbarazzanti e rozzi, in entrambe le serate ha fatto battute sconce e si è lasciato scappare 2 rutti insomma abbastanza ignorante. E' anche un uomo di bella presenza ma non mi capacito come un essere del genere possa stare insieme a un fiore di quella bellezza, mentre a me in generale le donne mi ignorano. 2 settimane fa il mio amico organizzatore mi ha chiesto se potevo sostituire una persona al calcetto e c'era pure l'animale. Dopo la partita negli spogliatoi, il buzzurro si è messo a raccontare di come il giorno prima è tornato a casa ed essendo arrapato, è entrato in bagno dove la sua ragazza era nella doccia e ha fatto quello che potete immaginare.. Per il nervoso, finito di cambiarmi ho lasciato i soldi e sono andato via senza dire nulla..

Tanti giorni non ce la faccio più, sono stanco della situazione, non vedo una via d'uscita.. Qualche volta dopo il lavoro vado con la macchina in un parcheggio isolato e mi metto a piangere per un pò tenendo nascosto il tutto ai famigliari..
Non avrei mai pensato di trovarmi a 31 anni in questo stato. Ho la salute che non è poco, ho una famiglia che mi vuole bene che significa molto, però le mie gravi difficoltà con le donne che mi attraggono mi stanno rovinando un pò la vita.
Niente era lo sfogo di un ragazzo (neanche più troppo ragazzo) di 31 anni, quasi 32, mi scuso per il papiro, se avete voglia di leggere bene se no ascoltate me, fate qualcos'altro di più interessante.. buonanotte

Ultima modifica di Bankan13; 07-02-2024 a 01:25.
Ringraziamenti da
TenenteDan (09-02-2024)
Vecchio 07-02-2024, 02:25   #2
Esperto
 

succede , ognuno ha le sue sfighe , uno la salute , uno la sfera sentimentale , uno la famiglia che e'una merda , uno ne ha piu di una di ste cose , uno muore in guerra a 2 anni .... insomma c e' tutto , sei piu " normale" di quello che pensi
Ringraziamenti da
Bankan13 (07-02-2024), bukowskiii (09-02-2024)
Vecchio 07-02-2024, 05:56   #3
Esperto
L'avatar di cuginosmorfio
 

Prima di tutto, non è scritto da nessuna parte che alla donna più raffinata e colta non piaccia essere trattata in maniera "rude" nell'intimità. Magari il "buzzurro" piace -a lei- proprio per la sua aggressività...

In secondo luogo boh...si è quel che si è: non è una colpa -cioè oggigiorno lo è- essere introversi ma la vita di società è fatta di loquacità ed altre minchiate estroverse perciò se vuoi/ambisci ad essere considerato, dovresti prima di tutto provare a "dare" (magari iniziando a sorridere).
Altra banalità: dopo due relazioni chiediti quali sono i tuoi bisogni con le donne: vuoi una relazione? Una famiglia? Vuoi il figone? Quella bella&cólta? La bruttina stagionata la escludiamo?

Sicuramente si potrà ribattere che "non devo dare, io sono fatt* così, perché non mi vengono incontro gli altri" ; benissimo: a ciascuno il suo.
Semplicemente "gli altri" inseriti non hanno bisogno di noi tanto quanto noi abbiamo bisogno di loro.

Pensa a te stesso prima di tutto. Non perdere la dignità pur minima che puoi avere.
Cerca di frequentare luoghi dove tu puoi trovare donne con interessi in comune...poi puoi passare in regione dopodiché in provincia ahah ho fatto la battuta delle 5 ei-em..

Ultima modifica di cuginosmorfio; 07-02-2024 a 06:07.
Vecchio 07-02-2024, 08:06   #4
Esperto
L'avatar di Miky
 

bhe allora se uno non è capace di essere cacciatore, che diventi almeno preda. Cioè nel senso aspetta che una donna si approcci a te. Oggi le donne giovini mi pare siano decisamente più intraprendenti, rispetto a quelle di una generazione fa. Certamente non sono cacciatrici come i maschi, ma la percentuiale è in crescita.
Vecchio 07-02-2024, 08:34   #5
Esperto
 

Quote:
Originariamente inviata da varykino Visualizza il messaggio
succede , ognuno ha le sue sfighe , uno la salute , uno la sfera sentimentale , uno la famiglia che e'una merda , uno ne ha piu di una di ste cose , uno muore in guerra a 2 anni .... insomma c e' tutto , sei piu " normale" di quello che pensi
Chi le ha tutte cosa vince? Vorrei il frullatore del Mulino Bianco.



Sto topico mi ha messo una tristezza fotonica, ma meglio se non dico stamattina, magari più avanti
Vecchio 07-02-2024, 08:58   #6
Esperto
L'avatar di Maffo
 

Un po' ti capisco... Cerca di non farci caso se una non ti saluta o non ti considera, hai avuto due relazioni, significa che sei in grado di trovarle queste donne, è solo questione di tempo e pazienza
Ciao
Vecchio 07-02-2024, 10:12   #7
Avanzato
 

Se hai avuto 2 relazioni hai già fatto meglio del 90% del forum
Ringraziamenti da
edward00767 (07-02-2024), OfftheMind_ (08-02-2024), untipostrano (07-02-2024)
Vecchio 07-02-2024, 10:14   #8
Avanzato
 

Comunque ti capisco , questo mondo è bastardo , tante tentazioni ma a qualcuno per i più disparati motivi sono negate, io prendo ciò che riesco e me ne approfitto delle debolezze altrui , d'altronde gli altri hanno sempre fatto lo stesso con me.
Vecchio 07-02-2024, 13:50   #9
Esperto
L'avatar di AvolteRitorno
 

Buongiorno Bankan e benvenuto sul forum,

io ho una decina di anni più di te e in molte delle cose che scrivi mi rileggo, quindi forse potrebbe essere di qualche aiuto che ti risponda (o probabilmente no, perché io di soluzioni non ne ho, ma almeno posso farti capire che non sei l'unico a vivere certe dinamiche).

Anche io come te non ci ho mai saputo fare con il gentil sesso, anzi, sono sempre stato un completo disastro, vuoi la timidezza, la scarsa autostima, il non saper leggere i segnali e non per ultimo un aspetto fisico che a me non piace proprio. Le scuole sono state tragiche in questo senso, mi sono sempre piaciute le ragazze fuori dalla mia portata, vuoi per bellezza, vuoi per intelligenza, vuoi per popolarità, vuoi per altro. Fin dalle elementari sono sempre stato quello nell'angolino, che forse si innamorava, ma mai ci provava (e mi riferisco a Sarah, Chicca e Katia in particolar modo, sicuramente si saranno pentite di non avermi fatto loro... eehheheh ). Oggi questa cosa mi fa sorridere, mi fa tanta tenerezza, ma allora era un problemone grande grande e lo è stato per tanti tanti anni (ora non è che lo abbia risolto, semplicemente mi son messo il cuore in pace, non credo che nella vecchiaia farò un salto di qualità).

A un certo punto, circa a 18 anni, ho iniziato anche io ad armarmi di coraggio e cercare di essere a livello degli amici che trovavano con facilità. La mia prima "fidanzata" non la conoscevo quasi, non c'erano i telefonini ancora, ci mettemmo insieme scrivendoci delle lettere, ed andavo sotto casa sua tutte le sere aspettando che uscisse a buttare la spazzatura (il padre non la lasciava mai uscire) per baciarla quei 5 minuti su una panchina. Durò forse 4 o 5 mesi, senza mai arrivare a consumare un rapporto e venendo lasciato con una scusa comica (che ovviamente ai tempi non vedevo comica).

Ti risparmio tutte le successive (tra occasioni perse e occasioni concretizzate comunque si contano solo sulle dita di due mani). Sono molto simili alle tue comunque, a parte una o due, sono state tutte cose mordi e fuggi, caratterizzate dal fatto che neanche oggi io mi spiego se stessi insieme a queste persone perché ero effettivamente innamorato o perché volevo fare esperienza e non rimanere solo (o perché volevo solo scopare per dirla alla francese ).

Una cosa che vorrei dirti è di fare attenzione con quella ragazza dell'amico rozzo che ti tratta gentilmente, per quelli come noi non abituati alla gentilezza e alle attenzioni questa merce rara può portare a travisare le situazioni. Non lo dico per abbatterti, lo dico per evitarti troppe illusioni, per esperienza, magari poi invece la tua situazione è diversa (ovviamente leggendola qui non posso conoscerla bene e anche se fosse non ho la palla di vetro). Vacci comunque coi piedi di piombo, perché le cose possono degenerare facilmente in un caso come questo, soprattutto se hai a che fare con un fidanzato del genere.

Per non annoiarti con tanti altri discorsi che lasciano il tempo che trovano cerco di concludere brevemente il mio pensiero.
Come ho già detto a qualcun altro qui nel forum in cui mi sono riletto, una delle cose che può in qualche modo alleviare questo senso di inadeguatezza e frustrazione è imparare a vedere le cose da un'altra prospettiva. Non è facile e nemmeno un metodo infallibile, io ci provo tutti i giorni da tempo e comunque non sempre ci riesco, ma alle volte aiuta.

Da quel che leggo sei un giovane ragazzo sano, con una bella famiglia, un lavoro, qualche amicizia (anche se poco presenti), delle storie sentimentali alle spalle e probabilmente tanto altro che non hai scritto.
Questi sono tanti punti a favore della tua esistenza (che molti non hanno) che dovrebbero renderti orgoglioso di te stesso anche quando quel punto a sfavore (l'incapacità negli approcci) si fa sentire più del solito. Non è assolutamente facile lo so (da che pulpito viene la predica), ma la vita mica è facile.
Ringraziamenti da
Bankan13 (07-02-2024)
Vecchio 07-02-2024, 14:11   #10
Esperto
 

Quote:
Originariamente inviata da claire Visualizza il messaggio
Chi le ha tutte cosa vince? Vorrei il frullatore del Mulino Bianco.



Sto topico mi ha messo una tristezza fotonica, ma meglio se non dico stamattina, magari più avanti
A parte gli scherzi, è davvero bello il frullotto
Ringraziamenti da
claire (07-02-2024)
Vecchio 07-02-2024, 14:13   #11
Esperto
 

Anche a me ha messo tristezza questa discussione... gli uomini sono proprio capaci di mentire giusto per stare con una ragazza di cui non gli interessa nulla e farle perdere tempo. Non sono riuscita neanche ad andare oltre nella lettura
Vecchio 07-02-2024, 14:16   #12
Esperto
L'avatar di Keith
 

A quelle cafone che al lavoro non ti salutano gli dici "Aho! Che è, non si saluta?" Io qualche volta l'ho fatto

Forse alle donne non piaci perché ti vedono imbronciato? Non è una critica, anche io lo sono, solo che a me per fortuna non me ne importa più niente di queste e dei loro umori e dei loro gusti inspiegabili.. e si, gli piacciono i buzzuri.
Vecchio 07-02-2024, 14:58   #13
Esperto
 

Quote:
Originariamente inviata da Bankan13 Visualizza il messaggio
Buonasera, sono un uomo di 31 anni, spero di aver scelto la sezione giusta.

Da un pò di tempo sono veramente giù di morale, vedo sempre il bicchiere mezzo vuoto delle situazioni, mi sento parecchio solo, la mia autostima ormai è diventata inesistente.

Il motivo principale è il mio rapporto con le donne. Non sono mai stato capace di approcciare, troppa timidezza, non sono quasi mai riuscito a rendermi interessante ai loro occhi. Sin dai tempi della scuola facevo fatica, sempre lì in disparte a guardare i compagni di classe riuscire dove io fallivo, subendo anche qualche volta prese in giro dai miei coetanei per i miei insuccessi.

Finite le superiori la situazione non è migliorata molto, mi sono armato di coraggio e ci ho provato con qualche ragazza, probabilmente sbagliando metodo o semplicemente perché non piaccio. Tra rifiuti netti e scambi di numeri, ma senza risposte ai messaggi è quasi sempre stato un fallimento. Sono riuscito solo 2 volte, da cui poi sono nate le uniche 2 relazioni in 31 anni di esistenza.
Nella prima, mi ha lasciato lei dopo un anno, dicendomi che la nostra storia era solo una semplice frequentazione e "aveva bisogno di capire alcune cose..", ma non ci ho sofferto più di tanto, non ne ero molto innamorato, avevamo alcuni interessi in comune e per non stare da solo mi sono buttato ma meglio così, ognuno per la sua strada.
Nella seconda, pure qua non ero molto attratto, lei invece era un po' più presa e non potendomi permettere il lusso di declinare, ho accettato di frequentarci. Quando ha iniziato a parlarmi di convivenza, io rimanevo impassibile sull'argomento perché non convinto. Lei ha intuito la mia titubanza e da lì, non volendo illuderla ulteriormente, abbiamo deciso di lasciarci. All'inizio mi dispiaceva che lei potesse soffrire, ma un po' di mesi dopo ha conosciuto un altro e ha trovato quello che cercava. Sono contento per lei, è giusto così.

Poi il nulla. Sono sempre attorniato dai problemi relazionali che vi descrivevo prima.
Non penso di essere un brutto uomo (o meglio, lo pensavo dato i miei risultati scarsi): non ho problemi di calvizia, ma non sono molto alto (170cm) cosa che mi crea disagio e ultimamente ho messo su un pò di peso (71kg) ma non direi che sono grasso. Le difficoltà arrivano dalla parte comportamentale: non sono una persona loquace e questo spesso mi esclude socialmente, sorrido poco anzi mi è stato detto in diversi modi che sono ombroso o addirittura che sembro costantemente arrabbiato.. io sono fatto alla mia maniera, non sono cattivo, però al giorno d'oggi ti giudicano subito dalle apparenze e vieni etichettato.

Lavoro in un'azienda che fa imballaggi come operaio specializzato da 8 anni (dopo parecchie difficoltà a trovare un impiego o ad accettare posti che mi veniva la nausea già prima di iniziare il turno.. come molte altre persone del resto). Tutto sommato è un buon lavoro, non mi dispiace, ma non mi sono integrato tanto con i colleghi. Mi spiego: vado d'accordo, ma c'è un rapporto formale, mi saluto e basta. Per esempio l'anno scorso ho fatto una brutta influenza con 40 di febbre, ho fatto 3 settimane di mutua di cui 1 all'ospedale. Al mio rientro nessuno mi ha chiesto come stavo, ma non gli ho dato importanza.
Ci sono rimasto male invece per altre 2 situazioni.
In ufficio c'è un'impiegata che ha 3 anni meno di me, è molto bella (già impegnata, ma anche se non lo fosse è comunque fuori dalla mia portata, me ne rendo conto) e in generale è alla mano, parla anche con quelli della produzione, non se la tira. Un giorno dopo la giornata lavorativa, lei aveva parcheggiato da parte alla mia vettura, non abbiamo mai avuto occasione di dialogare quindi avendo fatto lo stesso tragitto prima di andare l'ho salutata. Non si è nemmeno girata, mi ha sentito e non era distratta dal cellulare.. è stato umiliante.
L'altra situazione è che sempre al lavoro, nell'impresa di pulizie della ditta, c'è una ragazza (più o meno della mia età e abbastanza carina) che quando arriva saluta tutti.. tranne uno. Addirittura ho notato che se ci stiamo per incrociare, cambia direzione o fa finta di controllare il carrello con tutti gli attrezzi o tira dritto girando la faccia dall'altra parte. Forse sono io che, come dicevo all'inizio, vedo le cose in maniera pessimista e ho frainteso ma non credo, e ho trovato la cosa demoralizzante. Non so più come giustificare questi eventi..

Da poco, dopo il lavoro, vado a correre in un parco vicino alla zona industriale per rimettermi in forma. Incrocio spesso una ragazza che fa jogging che mi attrae molto, fisico longilineo. Passiamo anche l'uno da parte all'altra ma non so proprio come fare la prima mossa, e vista la bassa considerazione di me che ho maturato nel tempo lascio perdere tutte le volte.. non sono proprio in grado.

Ho 4 amici, tutti maschi della stessa età, ci conosciamo da 15 anni e tutti con le stesse problematiche sentimentali, quindi incapaci di darci consigli tra di noi sulle donne. Anno dopo anno ognuno si è fidanzato defilandosi dal gruppo e tutt'ora ci vediamo sporadicamente (come giusto che sia, si cresce e la partner ha la precedenza).
10 mesi fa uno di questi amici ha organizzato una cena al ristorante come rimpatriata. C'era anche una coppia esterna al gruppo, conoscenti della fidanzata dell'organizzatore e ci siamo presentati. La donna della coppia è una delle ragazze più belle che abbia mai visto, è fine, è gentile e quando parla espone argomenti anche di un certo livello. Avendola di fronte al tavolo, ho provato a parlarci e ci ho fatto anche un bel discorso.
A dicembre 2023 altra rimpatriata, stessi partecipanti. C'era pure lei e si è anche ricordata il mio nome (cosa per niente scontata), chiedendomi come stavo e sorridendomi più volte durante la serata. Per carità, non mi sono fatto illusioni, è il suo modo di fare, mi ha fatto piacere come si è posta nei miei confronti, me ne sono anche innamorato, ma non è niente più di questo, me ne sono fatto una ragione. Inoltre è insieme al suo fidanzato dai tempi del liceo e convivono.. Qui arriva la mazzata, il fidanzato..

Ritengo che sia una persona con atteggiamenti imbarazzanti e rozzi, in entrambe le serate ha fatto battute sconce e si è lasciato scappare 2 rutti insomma abbastanza ignorante. E' anche un uomo di bella presenza ma non mi capacito come un essere del genere possa stare insieme a un fiore di quella bellezza, mentre a me in generale le donne mi ignorano. 2 settimane fa il mio amico organizzatore mi ha chiesto se potevo sostituire una persona al calcetto e c'era pure l'animale. Dopo la partita negli spogliatoi, il buzzurro si è messo a raccontare di come il giorno prima è tornato a casa ed essendo arrapato, è entrato in bagno dove la sua ragazza era nella doccia e ha fatto quello che potete immaginare.. Per il nervoso, finito di cambiarmi ho lasciato i soldi e sono andato via senza dire nulla..

Tanti giorni non ce la faccio più, sono stanco della situazione, non vedo una via d'uscita.. Qualche volta dopo il lavoro vado con la macchina in un parcheggio isolato e mi metto a piangere per un pò tenendo nascosto il tutto ai famigliari..
Non avrei mai pensato di trovarmi a 31 anni in questo stato. Ho la salute che non è poco, ho una famiglia che mi vuole bene che significa molto, però le mie gravi difficoltà con le donne che mi attraggono mi stanno rovinando un pò la vita.
Niente era lo sfogo di un ragazzo (neanche più troppo ragazzo) di 31 anni, quasi 32, mi scuso per il papiro, se avete voglia di leggere bene se no ascoltate me, fate qualcos'altro di più interessante.. buonanotte
Ho letto il resto

Magari anche a lei piace ruttare e si sono innamorati a furia di fare gare di rutti, che ne sai
Vecchio 07-02-2024, 21:20   #14
un_lettore
Guest
 

Heilà ...

Oltre alle osservazioni dei ragazzi sopra, che perlopiù condivido, mi viene da pensare un'altra cosa, anche se mi rendo conto che tu, trovandoti una ventina d'anni dietro di me, difficilmente potrai condividere, proprio come non l'avrei condivisa io quando avevo la tua età (almeno suppongo eh ...)

Da ragazzino ero timido anch'io ... Poi la timidezza verso il gentil sesso è passata spontaneamente, anche verso donne molto belle, peraltro lavorando in un ambiente pieno di gente (soprattutto donne, e capita spesso quella molto bella) ho potuto molto spontaneamente verificare quanto dentro di me si era manifestato come dicevo in modo naturale, è cioé che una donna è semplicemente un essere umano come te, anche quando ti sembra una strafiga (con il trucco. E senza?).

Più carichi di significato la figura femminile, più sarà semplicemente sovrumano averci a che fare. Quando mi capita di fare un discorso ad una mia interlocutrice che io considero una gran bella figa (e io le vedo tutti i giorni) quello che percepisco, oggi, a 53 anni, è l'umanità di questa persona, i suoi discorsi, i suoi punti di forza e le debolezze, che non sono tanto diverse dalle nostre, anche quando pensi "ma guarda che figa che è questa!".

Anzi, ti dirò, più la vedi come essere umano, e meno ti sembra figa, non nel senso che smetta di essere bella, ma perché la componente intellettuale/emotiva che si manifesta anche in una semplice chiacchierata porta in secondo piano l'aspetto esteriore.

A parte questo, ciò che pensavo all'inizio di dirti è però un'altra cosa: oggi come oggi, è facile che un approccio da parte maschile, soprattutto a freddo, venga percepito come una molestia. Quindi io personalmente mi comporto verso una donna senza alcun modo di fare seduttivo: gentile, dolce, disponibile, anche perché mi viene naturale, è il mio carattere, ma senza quel passo in più che farebbe pensare alla donna di turno che ci sto provando.

Il motivo è semplice: se vogliono ci provano loro. Se ci proviamo noi, e non siamo graditi, è molestia.

Pertanto, il consiglio molto generale, anzi generico che mi sento di darti, è di fare un esercizio alla relazione umana, non un esercizio di seduzione, che andrebbe a sbattere contro le tue timidezze. Riuscendo a vedere quello che ti dicevo prima, e cioé che l'altra parte della relazione umana è un essere umano, figa o non figa, ti verrà spontaneo essere più sciolto, meno teso, e più naturale.

Auguri sinceri

Estraneo
Vecchio 07-02-2024, 21:23   #15
Esperto
L'avatar di Inosservato
 

Quote:
Originariamente inviata da varykino Visualizza il messaggio
succede , ognuno ha le sue sfighe , uno la salute , uno la sfera sentimentale , uno la famiglia che e'una merda
uno la squadra di calcio....ehhh ce ne sono di sfighe!!
Vecchio 07-02-2024, 21:25   #16
Esperto
L'avatar di Inosservato
 

ho letto a spizzichi e bocconi perchè ho il limite dei 120 caratteri in lettura, ma mettersi con una così tanto per mi sembra sbagliato
bisogna imparare a stare da soli, una volta imparato ciò, se si vuole, sarà molto più semplice stare in compagnia

sempre se si vuole
Vecchio 07-02-2024, 21:32   #17
Esperto
 

Quote:
Originariamente inviata da euridice_ Visualizza il messaggio
A parte gli scherzi, è davvero bello il frullotto
Vero? Adorabile.
Vecchio 07-02-2024, 22:52   #18
Banned
 

Giovani donne in Italia non calcolano nessuno sopra i 35 cambia qualcosa.non facciamo passare litalia come un paese dove le donne fanno,cosa volete che facciano..vanno coi kosovari le meno belle ce altro da aggiungere non credo
Vecchio 08-02-2024, 01:03   #19
Principiante
 

Quote:
Originariamente inviata da Miky Visualizza il messaggio
beh allora se uno non è capace di essere cacciatore, che diventi almeno preda. Cioè nel senso aspetta che una donna si approcci a te. Oggi le donne giovini mi pare siano decisamente più intraprendenti, rispetto a quelle di una generazione fa. Certamente non sono cacciatrici come i maschi, ma la percentuale è in crescita.
Caro amico, purtroppo la donna che ci prova con l'uomo accade solo nei film.. o almeno a me non è mai successo
Ringraziamenti da
Maffo (08-02-2024)
Vecchio 08-02-2024, 01:05   #20
Principiante
 

Quote:
Originariamente inviata da euridice_ Visualizza il messaggio
Anche a me ha messo tristezza questa discussione.. gli uomini sono proprio capaci di mentire giusto per stare con una ragazza di cui non gli interessa nulla e farle perdere tempo. Non sono riuscita neanche ad andare oltre nella lettura
Tutti mentono in questo mondo, sia gli uomini sia le donne.. purtroppo funziona così
Rispondi
Strumenti della discussione Cerca in questa discussione
Cerca in questa discussione:

Ricerca avanzata


Discussioni simili a Non sono capace con le donne
Discussione Ha iniziato questa discussione Forum Risposte Ultimo messaggio
Presentazione - non sono capace cancellato21990 Presentazioni 4 01-12-2020 17:33
l'ossessione per la libertà che non sono capace di prendermi bukowskiii Off Topic Generale 2 09-12-2018 12:34
"Non sono capace" claire SocioFobia Forum Generale 107 05-03-2017 12:55
viaggio in treno, della serie: non son capace di far valere i miei diritti. Miky SocioFobia Forum Generale 34 13-04-2014 22:38
Chi non è mai stato amato non sarà capace di amare? IlForumista SocioFobia Forum Generale 20 11-08-2013 16:09



Tutti gli orari sono GMT +2. Attualmente sono le 21:28.
Powered by vBulletin versione 3.8.8
Copyright ©: 2000 - 2024, Jelsoft Enterprises Ltd.
Powered by vBadvanced CMPS v3.2.2