FobiaSociale.com  
     

Home Messaggi odierni Registrazione Cerca FAQ Messaggi odierni Segna i forum come letti
 
Vai indietro   FobiaSociale.com > Fobia Sociale > Presentazioni
Rispondi
 
Vecchio 28-11-2018, 17:06   #1
Principiante
L'avatar di LadyPhantom
 

Ciao a tutti,

sono una ragazza di quasi 25 anni, sono del nord Italia ma mi sono trasferita a Roma da meno di un anno.
Mi hanno sempre detto che fin da piccola, nonostante di base fossi allegra e iperattiva, dimostrassi sempre una certa diffidenza verso tutto ciò che era nuovo o sconosciuto, sia persone che situazioni. Fino a una certa età però ero abbastanza decisa e spavalda nel fronteggiare ogni cosa. E' stato intorno ai 14 anni, confrontandomi coi coetanei così diversi da me, sentendomi sempre più inadeguata, giudicata e sempre più tagliata fuori da tutto ciò che per gli altri era "normale per quell'età", che mi sono chiusa in me stessa e ho cominciato a sviluppare una vera e propria fobia sociale.
Piangevo sempre, se non ero a scuola restavo chiusa in camera e se le mie amiche mi trascinavano fuori la sera mi sentivo un animale notturno abbagliato dai fari. Non volevo ammettere con nessuno le mie debolezze, né con la mia famiglia, né tanto meno con persone della mia età alla quale mi sentivo in qualche modo inferiore.

Dopo il diploma non potevo più starmene isolata 24 ore al giorno, così sono andata all'università, mi sono sforzata di fare conoscenze, ho avuto le prime esperienze lavorative, ho cercato di sbloccarmi con il teatro e la recitazione... queste esperienze invece di rendermi più disinvolta verso l'esterno hanno comportato uno stress psicologico insostenibile, finché non ho finito col rivolgermi a 3 psicologi diversi. Non solo è stata una perdita di tempo e di soldi, ma mi sono anche sentita dire che "in realtà sono perfettamente in grado di psicanalizzarmi da sola, ho tutti gli strumenti necessari per risolvere i miei problemi"
In effetti il soffrire di "mal di vivere" mi ha portato a ragionare molto sulle cose, ad analizzare le persone, i loro comportamenti, la loro psiche. Una psicologa mancata, insomma.
Eppure dopo quasi 11 anni sono ancora allo stesso punto: a periodi alternati soffro di attacchi d'ansia, crisi di pianto, sbalzi d'umore, e poi momenti di apatia, di disinteresse totale verso tutto.

Ora sto cercando di intraprendere un percorso lavorativo di tipo artistico, un lavoro che richiede molto tempo e molto lavoro di "public relations". Sono costretta a parlare, far vedere la mia faccia, farmi conoscere, stringere più contatti possibile, insomma il tipo di lavoro dove sì, se sei bravo fai strada, però non puoi permetterti di essere introverso o di stare silenziosamente in disparte.

Prima di trasferirmi a Roma avevo consultato uno psichiatra, col quale avevo discusso di una possibile terapia, anche farmacologica. Ma poi sono partita, lasciandomi tutto alle spalle, convinta chissà come che una nuova vita in un'altra città e da persona autonoma mi avrebbe giovato. Non sembra così.
Da quando vivo qui mi sento costantemente giudicata: perché non esco la sera, perché cerco di lavorare in un ambito che non dà sicurezze, perché ho finito col coltivare un carattere schivo e riservato che mal si sposa col clima estroverso e diretto della capitale.
Mi sento come se dovessi giustificarmi sempre, giustificare come sono fatta, i miei interessi, le mie scelte di vita, tutto. Mi sento circondata da estranei, peggio ancora, da nemici.

Dopo le ultime tre settimane trascorse in totale apatia e solitudine, ho pensato di iscrivermi a questo forum presa da quel senso di disperazione che ogni tanto ti coglie quando pensi "sono l'unica persona al mondo a sentirsi così?"

Chiedo scusa per la presentazione chilometrica, ma non sono mai stata brava a sintetizzare i concetti.
Vecchio 04-12-2018, 15:27   #2
Super Moderator
L'avatar di Lùthien.
 

Benvenuta

Ti invito, come nuovo utente, a leggere
Vecchio 04-12-2018, 20:10   #3
Esperto
L'avatar di Inosservato
 

benvenuta
Vecchio 04-12-2018, 22:30   #4
Esperto
L'avatar di CryingOnMyMind
 

Benvenuta
Vecchio 06-12-2018, 19:40   #5
Principiante
L'avatar di Kirito
 

Ciao, benvenuta!
Vecchio 10-12-2018, 01:21   #6
Principiante
 

Benvenuta
Rispondi
Strumenti della discussione Cerca in questa discussione
Cerca in questa discussione:

Ricerca avanzata


Discussioni simili a Non sarò breve, temo....
Discussione Ha iniziato questa discussione Forum Risposte Ultimo messaggio
Sarò pronto ? Usuaroo Ipocondria Forum 1 05-11-2017 11:15
Breve presentazione di una breve vita. fabri98 Presentazioni 6 17-07-2016 22:24
In un momento, ho vissuto ciò che più temo al mondo... BlueMoon Storie Personali 10 19-10-2012 18:02
Temo di soffrire di D.O.C. DarkSoul DOC Forum 2 10-07-2009 13:26



Tutti gli orari sono GMT +1. Attualmente sono le 03:01.
Powered by vBulletin versione 3.8.8
Copyright ©: 2000 - 2018, Jelsoft Enterprises Ltd.
Powered by vBadvanced CMPS v3.2.2