FobiaSociale.com  
     

Home Messaggi odierni Registrazione Cerca FAQ Messaggi odierni Segna i forum come letti
 
Vai indietro   FobiaSociale.com > Fobia Sociale > SocioFobia Forum Generale
Rispondi
 
Vecchio 03-05-2008, 19:52   #1
Principiante
L'avatar di Leofrico
 

Estratti da "Tracce di comunità" di Arnaldo Bagnasco (spero di un qualche interesse)

La città è sempre stata un ambiente favorevole alle innovazioni. Oggi però il cambiamento è istituzionalizzato. Quanto più ci si libera della tradizione, tanto più si diventa anche capaci di riflettere sui proprio limiti. La modernità scopre quello che Weber chiamava il politeismo dei valori e lo sconcerto di una situazione in cui ognuno può pretendere di avere ragione.

Nella società moderna l'individuo reagisce alla diversità e al sovraccarico di stimoli sviluppando capacità analitiche, selezionando le esperienze e proteggendosi da coinvolgimenti profondi. Si diffondono orientamenti di calcolo. Le forme di adattamento della vita di realzione compongono una gamma che va dal riserbo, alla superficialità, alla diffidenza, all'avversione.

In un ambiente sociale ampio, denso e eterogeneo aumenta il potenziale di accessibilità agli altri, ai diversi in particolare. La differenziazione degli ambiti di vita comporta che il repertorio di ruoli di ogni individuo aumenta e ognuno può tenerli più o meno separati o collegati.

La pericolosa, caotica, conflittuale metropoli contemporanea suscita reazioni di difesa e di distacco, ma la paura di esporsi avrebbe anche antichi radici nella cultura occidentale. Questa paura si riflette nel modo in cui la città ha preso forma, nella ghettizzazione delle differenze e nella costruzione di luoghi anonimi neutralizzanti che rimuovono la minaccia di contatto sociale.

Un altro valore della modernizzazione è l'universalismo opposto al particolarismo in relazione al tema dell'esule. Per accedere a una nuova vita, il suo "io" e l'identificazione con le radici culturali devono diventare meno importanti. Ciò che ha in comune con gli altri può essere colto solo a livello astratto in ciò che li lega in virtù di una comune umanità. Ma un tale universalismo può impedire di entrare davvero in comunicazione con gli altri, dal momento che esclude la comprensione e la simpatia: l'enfasi sull'impersonalità nasconde la paura di esporsi. La comprensione del diverso sorge quando si perde la capacità di autodefinirsi. L'accessibilità è dunque un'operazione rischiosa per chi la pratica.

Superata l'idea di personalità fortemente coerenti si sono sviluppati concetti e modelli capaci di dar conto di identità multiple e debolmente integrate. Gli studi urbani hanno dedicato un'attenzione particolare a Goffman per la metafora teatrale che distingue luoghi di ribalta e di retroscena. I primi dove si rappresenta il sè in cerca di un'immagine coerente e vantaggiosa, i secondi dove si prepara la rappresentazione e ci si ritira per lo studio delle strategie di rivelazione del sè con il concetto di distanza dal ruolo e per lo studio dei rituali di interazione che continuamente ricuciono gli strappi di relazione.
Il sè richiede attenzione rituale che non può essere violata impedendo ad una persona di mantenere una propria accettabile immagine sociale. La crisi dell'uomo della metropoli può essere interpretata come difficoltà di gestire un sè multiplo e fragile, che rischia di dissolversi nel labirinto di un mondo di relazioni poco o per nulla decifrabili.
Vecchio 04-05-2008, 17:31   #2
Principiante
L'avatar di Leofrico2
 

Ma finiscila di ammobarci con ste cacchiate... per favore, basta.

Spero di un qualche interesse ahahah ridicolo.
Vecchio 04-05-2008, 17:35   #3
Principiante
L'avatar di Leofrico
 

Quote:
Originariamente inviata da Leofrico2
Ma finiscila di ammobarci con ste cacchiate... per favore, basta.

Spero di un qualche interesse ahahah ridicolo.
Vecchio bastardo che non sei al... uhm... eh si, è propria dura gestire un sè multiplo e fragile.
Vecchio 04-05-2008, 17:59   #4
Avanzato
 

Tira più un pelo di Galimberti che un carro di Bagnasco.

Sempre sui peli si ritorna.
Vecchio 04-05-2008, 18:09   #5
Principiante
L'avatar di Leofrico
 

Quote:
Originariamente inviata da bardamu2
Tira più un pelo di Galimberti che un carro di Bagnasco.

Sempre sui peli si ritorna.
E si eh. Forse poi Bagnasco ricorda il nuovo presidente della Cei. A cui non tira più da un bel pezzo.
Vecchio 04-05-2008, 18:20   #6
Esperto
L'avatar di Vento_del_Sud
 

L'aria della città rende liberi! :wink:
Rispondi
Strumenti della discussione Cerca in questa discussione
Cerca in questa discussione:

Ricerca avanzata


Discussioni simili a L'uomo nella società moderna
Discussione Ha iniziato questa discussione Forum Risposte Ultimo messaggio
l'uomo è malato giova88fobicottinemie SocioFobia Forum Generale 8 16-04-2009 16:43
l'uomo più furbo del mondo vetro Off Topic Generale 0 01-04-2008 15:37
Sulla società moderna Vento_del_Sud SocioFobia Forum Generale 2 09-02-2008 20:55
L'Uomo Camminante phobos_86 Off Topic Generale 4 19-01-2008 19:55
la natura e l'uomo Soulreaper Off Topic Generale 2 11-02-2007 14:44



Tutti gli orari sono GMT +1. Attualmente sono le 06:49.
Powered by vBulletin versione 3.8.8
Copyright ©: 2000 - 2021, Jelsoft Enterprises Ltd.
Powered by vBadvanced CMPS v3.2.2