FobiaSociale.com  
     

Home Messaggi odierni Registrazione Cerca FAQ Messaggi odierni Segna i forum come letti
 
Vai indietro   FobiaSociale.com > Fobia Sociale > SocioFobia Forum Generale
Rispondi
 
Vecchio 04-06-2009, 15:03   #1
Esperto
L'avatar di trademarko
 

Buongiorno a tutti.
Questa mattina non volevo alzarmi e mi giravo e rigiravo nel letto.
Avrò dormito 5,6 ore questa notte.
All' nizio ho deciso di rimanermene a casa a perdere tempo in qualche modo. Poi, rispondendo ad una discussione di hollydarko, ho deciso di uscire, proprio per reagire. Ho iniziato a camminare e, ad un certo punto, ho ripensato a quando, dieci anni prima, svolsi il mio servizio militare come obiettore di coscienza presso l' associazione italiana sclerosi multipla. Mi sono ricordato di alcuni malati che conobbi in quei mesi. Volevo sapere che cosa stessero facendo oggi e mi è venuta la vogli di fare un po' volontariato, ma un volontariato privato, però, data la mia fobia sociale. Infatti la mia idea di volontariato esclude i rapporti sociali con gli altri volontari : vorrei recarmi in casa delle persone malate per farle compagnia e, magari , essere d' aiuto in qualche alto modo. Ma per arrivare a questo dovevo passare per la sede dell' associazione. Così ho preso l' autobus e mi sono diretto verso l' A.I.S.M. Mentre stavo per arrivare mi dicevo che stavo facendo la cosa giusta, mi sarebbe piaciuto essere d' aiuto a quelle persone, ma, arrivato fuori dalla porta chiusa della stanza dell' associazione vi ho sentito provenire voci di ragazzi e ragazze che scherzavano tra di loro. Non ho avuto il coraggio di bussare e, così, ho girato i tacchi e sono andato via. Mentre scendevo le scale, però, mi sono detto che quella non era stata una sconfitta. E' un grande passo essere arrivato fino a quella porta.
Un po' però sono sfiduciato. Anche se ho valutato positivamente l' essere arrivato fino a lì, ho paura che non riuscirò mai a bussare.
Vecchio 04-06-2009, 16:24   #2
Intermedio
 

x me è un grande passo avanti...non essere duro con te stesso..a piccoli passi
Vecchio 04-06-2009, 16:56   #3
Esperto
L'avatar di thx1138
 

Quote:
Originariamente inviata da life89 Visualizza il messaggio
x me Ŕ un grande passo avanti...non essere duro con te stesso..a piccoli passi
Quoto!

rob

p.s. Piove, governo ladro!
Vecchio 04-06-2009, 16:57   #4
Flo
Banned
 

Quote:
Originariamente inviata da trademarko Visualizza il messaggio
E' un grande passo essere arrivato fino a quella porta.
Non posso altro che dire GRANDE!!!
Sia per la forza che ti ha portato fin lÓ
sia per la sensibilitÓ che ti/ci contraddistingue.
Puoi farcela
Vecchio 04-06-2009, 17:27   #5
Esperto
 

Secondo me quello che manca è un certo spirito kamikaze, e se continui così lo svilupperai presto...

quando sei arrivato e hai sentito i ragazzi scherzare hai deciso di andartene, e fino a qui tutto normale, ma mentre percorrevi la strada del ritorno, pensando all'intera faccenda non ti è venuta voglia di tornare indietro e affrontare quella situazione solo per una pura ragione di principio? Di sfidare te stesso, a priori dell'oggetto della sfida?

Dal mio punto di vista sei sulla strada giusta, la prossima volta che scappi da una situazione cerca di pensarci mentre fai dietrofront, non per crogiolarti nei sensi di colpa, ma per trovare quella molla.
Vecchio 04-06-2009, 17:58   #6
Esperto
L'avatar di trademarko
 

Quote:
Originariamente inviata da morningsheep Visualizza il messaggio
Secondo me quello che manca Ŕ un certo spirito kamikaze, e se continui cosý lo svilupperai presto...

quando sei arrivato e hai sentito i ragazzi scherzare hai deciso di andartene, e fino a qui tutto normale, ma mentre percorrevi la strada del ritorno, pensando all'intera faccenda non ti Ŕ venuta voglia di tornare indietro e affrontare quella situazione solo per una pura ragione di principio? Di sfidare te stesso, a priori dell'oggetto della sfida?

Dal mio punto di vista sei sulla strada giusta, la prossima volta che scappi da una situazione cerca di pensarci mentre fai dietrofront, non per crogiolarti nei sensi di colpa, ma per trovare quella molla.
Vuoi sapere quale era la mia paura crescente man mano che mi avvicinavo a quella porta, oltre a provare una sensazione di imbarazzo e vari sintomi ormai famosi?
Avevo paura di sudare, di prolungare talmente tanto la presenza in quella stanza, da rendermi ridicolo per lo scorrere del mio sudore. GiÓ immaginavo che, in seguito alla mia intromissione, avrei interrotto quella gradevole atmosfera vedendomi puntare, una volta aperta la porta, gli occhi di quei ragazzi. La mia fronte, allora, avrebbe iniziato a diventare umida. E chi avrebbe retto a questo? Io no di certo.
No, no,no ... al solo pensiero entro in ansia. Non sarei proprio potuto entrare, lo confermo.
E poi che dire degli altri sintomi? Il cuore avrebbe iniziato a rimbalzare tra il petto e la gola, le gambe non mi avrebbero quasi pi¨ retto e la mia voce (come Ŕ giÓ successo) avrebbe iniziato a perdere il suo timbro maschile.
Scusate ma questa mattina avevo solo pensato un po' al sudore, ma mi ero concentrato soprattutto sul fatto di essere arrivato fino lÓ, ma adesso ripensando all' apertura di quella porta provo abbastanza paura.
Vecchio 04-06-2009, 18:03   #7
Intermedio
L'avatar di Alienato
 

beh però grande...hai pensato una cosa e subito sei andato...io lo penso sempre e dico lo farò un giorno...ma poi nada...devi solo riprovarci magari la prossima volta lo farai e basta senza neanche pensarci...ciao!
Vecchio 04-06-2009, 18:06   #8
Esperto
L'avatar di trademarko
 

Quote:
Originariamente inviata da SolidSnake93 Visualizza il messaggio
ollydARKO trademARKO .
mmh.
gabriel gARKO
Vecchio 04-06-2009, 18:09   #9
Esperto
 

Si, ma hai mai cercato di entrare nell'ottica della sperimentazione di te stesso?

Potresti iniziare con situazioni potenzialmente meno spaventose, e registrare le tue risposte alle singole situazioni. A me capita spesso di pensare "non c'è nulla che mi impedisca, a livello materiale di entrare in quella stanza; e una volta entrato ne uscirò vivo"; e solo entrando potrai misurare e confutare|confermare le paure (sudorazione, cuore rimbalzante...), secondo me bisogna cercare di non trasformare i precedenti in dogmi, e quindi di sperimentare ogni volta (entro i limiti della sopportazione).

Per lo stesso motivo, prendi solo ciò che di buono c'è stato dall'esperienza di questa mattina (e ciò il fatto che sei arrivato fino dinanzi a quella porta), ed ignora il resto, e col tempo potrai colmare tutti i vuoti che ti impediscono di bussare e varcare la soglia.
Rispondi
Strumenti della discussione Cerca in questa discussione
Cerca in questa discussione:

Ricerca avanzata


Discussioni simili a Il tentativo mal riuscito
Discussione Ha iniziato questa discussione Forum Risposte Ultimo messaggio
tentativo brute force di fragarmi l'account severn Supporto Web 4 09-05-2009 10:15
Chi Ŕ riuscito a vincere? Leggero SocioFobia Forum Generale 12 11-08-2008 14:19
Tentativo, delusione, tristezza. Uno sfogo. sochisono Amore e Amicizia 13 11-03-2008 13:36
Tentativo Marco66 SocioFobia Forum Generale 3 16-07-2005 22:39



Tutti gli orari sono GMT +1. Attualmente sono le 12:37.
Powered by vBulletin versione 3.8.8
Copyright ©: 2000 - 2020, Jelsoft Enterprises Ltd.
Powered by vBadvanced CMPS v3.2.2