FobiaSociale.com  
     

Home Messaggi odierni Registrazione Cerca FAQ Messaggi odierni Segna i forum come letti
 
Vai indietro   FobiaSociale.com > Off Topic > Off Topic Generale
Rispondi
 
Vecchio 11-05-2012, 20:36   #1
Banned
 

Prendendo spunto da questo post:
Quote:
Originariamente inviata da Warlordmaniac Visualizza il messaggio
Normali? Che cos'è la normalità? Il 30% dei giovani non ha lavoro. Molti di quelli che lavorano sono o precari (trova una casa in affitto per qualche mese, è un miracolo se ce la fai) o sfruttati con apprendistati che servono più al curriculum che al portafogli.
Con 700 euro ci campi discretamente? non adesso. Solo in benzina ti vanno via 300 euro al mese per il minimo indispensabile. Le cose sono un po' cambiate ultimamente.

Ci vogliono fare spendere di più con la presa del culo del bamboccione. Non ci cascate. Non è il tempo per fare gli avventurieri.

Certo, se poi vi dovete per forza trasferire è un altro discorso.
volevo condividere una riflessione che ho fatto sul problema dei "bamboccioni" in italia.
Non parlo ovviamente dei casi di oggettiva impossibilità, come mancanza di lavoro, oppure di problemi di fobia talmente invalidanti da rendere necessario un aiuto esterno. Parlo di persone in apparenza normalissime, con uno stipendio decente, che potrebbero andarsene di casa e fare qualche piccolo sacrificio, ma trovano conveniente la sistemazione coi genitori.
Io sono uno di questi. (ancora per poco)

Vedete, facevo questo ragionamento: prendo 1100 euro/mese, la benzina è sempre più cara, i genitori ce li ho, un tetto non mi manca, perché andare a spendere soldi altrove?

Un viaggio a Londra mi ha fatto cambiare prospettiva. La mia sorellina, più giovane di me, è ormai lì da 3 anni. Lavora come cameriera, ha uno stipendio analogo al mio con un costo della vita da 2 a 3 volte superiore, vive col moroso pagandogli un oneroso affitto (è una persona fiera e orgogliosa, non le piace farsi offrire le cose) e prima di sistemarsi con lui ha vissuto in convivenza con altre persone, in appartamenti veramente fatiscenti, pagando cifre esagerate.
Eppure l'ha fatto.
Vedete, ne ho parlato con diverse persone all'estero, e per loro è inconcepibile ciò che avviene in italia: ragazzi che a 30, 35 anni non se ne vanno di casa.
Mentre un'amica in america mi dice che non è inusuale a 18 anni chiedere indietro ai figli i soldi spesi per il loro mantenimento. E' certamente un caso limite, ma fa capire un paio di cose:
1) Noi italiani abbiamo un cuore d'oro, e questo ci penalizza. Ci manca, specialmente alla generazione dei miei genitori, un pizzico di sano egoismo che ci permette di goderci la nostra vita non necessariamente in funzione di quella altrui, che sia il partner o il figlio;
2) Senza quest'aiuto genitoriale, tutti quelli della mia generazione non avrebbero aspettato 18 anni di malapolitica per iniziare a pretendere un qualche cambiamento; se fossimo stati tutti costretti ad andarcene fòra di bàll, avremmo tutti preteso retribuzioni all'altezza delle nostre professionalità, delle nostre spese e dei nostri bisogni voluttuari. Perché non è ambizione di nessuno vivere a pane ed acqua.


Penso inoltre che questa cosa sia legata al fatto che il nostro paese sia generazionalmente indietro di un salto rispetto alle altre nazioni: i miei genitori, classe '55, hanno esperito l'infanzia del dopoguerra e l'adolescenza/maturità nel boom economico, è piuttosto comprensibile che questi genitori non vogliano farci vivere le loro tribulazioni; la stessa situazione è stata vissuta in america dai nati negli anni 20/30, quindi una generazione prima. La capacità di avere un po' di sano egoismo è qualcosa che trascende queste persone, cresciute imparando a risparmiare su ogni cosa e a non buttare via niente.

Quindi in conclusione, penso che il fatto che in italia abbiamo degli stipendi da fame non è solo colpa dei politici o di chi li ha votati. E' anche colpa nostra che bene o male ci siamo adattati, anziché cercare di adattare il sistema a come doveva andare.

Pareri? Opinioni? Insulti?
Vecchio 11-05-2012, 22:29   #2
Esperto
L'avatar di Milo
 

Io dico solo che sono un bamboccione di 32 anni ho il conto corrente pieno a lavoro non possono ricattarmi perchè sanno che se mi licenziano non avrei problemi economici,anzi spesso sono io che minaccio loro,in estate casa mia nel week end è sempre libera perchè i miei vanno via,a me tutto sommato questa vita non mi dispiace e poi ad andare a vivere da solo soffrirei la solitudine,andrei fuori di casa solo per convivere.
Vecchio 12-05-2012, 09:39   #3
Esperto
L'avatar di barclay
 

Quote:
Originariamente inviata da Marco Russo Visualizza il messaggio
Parlo di persone in apparenza normalissime, con uno stipendio decente, che potrebbero andarsene di casa e fare qualche piccolo sacrificio, ma trovano conveniente la sistemazione coi genitori.
In concetto di “piccolo sacrificio” è relativo. Nel mio caso dovrei rinunciare a:
  1. psicoterapia,
  2. Internet,
  3. TV,
  4. libri,
  5. cinema,
  6. cibi non essenziali,
  7. pranzi/cene fuori,
  8. vaga possibilità di laurearmi,
  9. viaggi/vacanze che non faccio ma potrei fare.
In altre parole, finirei per fare la vita di un monaco/detenuto/internato.

Ultima modifica di barclay; 12-05-2012 a 09:44.
Vecchio 12-05-2012, 10:27   #4
Banned
 

Quote:
Originariamente inviata da barclay Visualizza il messaggio
In concetto di “piccolo sacrificio” è relativo. Nel mio caso dovrei rinunciare a:
  1. psicoterapia,
  2. Internet,
  3. TV,
  4. libri,
  5. cinema,
  6. cibi non essenziali,
  7. pranzi/cene fuori,
  8. vaga possibilità di laurearmi,
  9. viaggi/vacanze che non faccio ma potrei fare.
In altre parole, finirei per fare la vita di un monaco/detenuto/internato.
lo so barclay, non è facile per molti di questo sito. Ma tante persone che non studiano, non necessitano di psicoterapia e hanno uno stipendio passabile, stanno a casa solo perché sarebbero costretti a non comprarsi più solo abbigliamento di marca!
Vecchio 12-05-2012, 10:57   #5
Banned
 

Quote:
Originariamente inviata da Joseph Visualizza il messaggio
Ma se a uno conviene stare con i genitori perché dovrebbe andarsene? Se è per generosità nei confronti dei genitori ci può stare, ma altrimenti che senso ha?
Perché i genitori sono delle persone, hanno diritto alla loro vita e intimità, e hanno il sacrosanto diritto a una certa età di sbattere il figlio fuori di casa senza doversi sentire giocoforza stronzi?

Quote:
Originariamente inviata da Joseph Visualizza il messaggio
Appunto, perché vuoi andartene?
sono troppo viziato, devo disciularmi. E poi, i miei non ragioneranno mai egoisticamente, glielo devo.
Vecchio 12-05-2012, 11:39   #6
Banned
 

bè chi ha un lavoro è non se ne và di casa quando potrebbe benissimo farlo è una persona immatura che presto o tardi lo prenderà brutalmente nel deretano dalla vita, perchè i genitori moriranno e quando la mammina che gli lava i vestitini non ci sarà, che gli prepara il pranzetto e tutto il resto saranno cazzi amari, alle donne poi gli uomini così non piacciono nemmeno un pò perchè il senso dell'indipendenza e di una vita propria viene proprio meno, Marco Russo anche se dovrai fare i salti mortali fai bene a schiodare senti a me.
Vecchio 12-05-2012, 11:42   #7
Banned
 

Quote:
Originariamente inviata da Joseph Visualizza il messaggio
Ma forse gli fà piacere che il figlio / i figli rimangano in casa a lungo, altrimenti perché farli se l'obiettivo è crescerli abbastanza da mandarli via?
sì ma uno non può vivere in funzione di altre persone, un figlio non è un cane. Ad un certo punto è giusto che vada per la sua strada.
E ad un certo punto una persona, quindi anche un genitore deve trovare la propria autorealizzazione, a prescindere dai figli.

Quote:
Originariamente inviata da LatrinLover Visualizza il messaggio
bè chi ha un lavoro è non se ne và di casa quando potrebbe benissimo farlo è una persona immatura che presto o tardi lo prenderà brutalmente nel deretano dalla vita, perchè i genitori moriranno e quando la mammina che gli lava i vestitini non ci sarà, che gli prepara il pranzetto e tutto il resto saranno cazzi amari, alle donne poi gli uomini così non piacciono nemmeno un pò perchè il senso dell'indipendenza e di una vita propria viene proprio meno, Marco Russo anche se dovrai fare i salti mortali fai bene a schiodare senti a me.
sono assolutamente d'accordo, manca poco oramai, due settimane e diventerò un milanese al 100 %
Vecchio 12-05-2012, 11:49   #8
Intermedio
L'avatar di someday
 

Quote:
Originariamente inviata da Joseph Visualizza il messaggio
Ma forse gli fà piacere che il figlio / i figli rimangano in casa a lungo, altrimenti perché farli se l'obiettivo è crescerli abbastanza da mandarli via?
Ad alcuni genitori può anche fare piacere sapere di aver cresciuto un figlio che, condizioni lavorative eccetera permettendo, scelga di andare a vivere da solo quando ne ha la possibilità e cerchi di trovare un suo spazio (i genitori non ci saranno per sempre no?)
Vecchio 12-05-2012, 12:02   #9
Esperto
L'avatar di Kitsune
 

Quote:
Originariamente inviata da Joseph Visualizza il messaggio
C'è da considerare che i nostri genitori vengono da un'altra epoca, tutto questo bisogno moderno di "intimità" non c'era, i nonni vivevano in casa, ecc...
Guardando al presente, se aggiungiamo musulmani e asiatici 2/3 del pianeta è bamboccione.
Vecchio 12-05-2012, 12:09   #10
Esperto
L'avatar di Milo
 

Io sono figlio unico credo che l'unica cosa che impedisca ai miei genitori di degenerare sia la mia presenza in casa,se dovessi andare via di casa la vedo male..
Vecchio 12-05-2012, 12:10   #11
Banned
 

Quote:
Originariamente inviata da Joseph Visualizza il messaggio
C'è da considerare che i nostri genitori vengono da un'altra epoca, tutto questo bisogno moderno di "intimità" non c'era, i nonni vivevano in casa, ecc...
assolutamente, è un progresso generazionale che in alcuni paesi hanno raggiunto una generazione prima, in altri invece sono una generazione indietro all'italia.
Vecchio 12-05-2012, 12:12   #12
Esperto
L'avatar di Yumenohashi
 

Io ho una paura atroce di ridurmi così, se ci penso vado totalmente in crisi per questo vorrei mobilitarmi in tutti i modi fin da subito anche con lavoretti da poco così nel giro di qualche anno mi metto da parte un gruzzoletto per partire e andarmene da qui,
E comunque mio padre ci ricorda sempre di come da giovane, prima di farsi la famiglia e anche per qualche anno dopo essersi sposato lavorasse e invece di tenersi i soldi li mandava ai suoi genitori, per lui era una cosa normale per noi è quasi inconcepibile!
Vecchio 12-05-2012, 12:24   #13
Esperto
L'avatar di Allocco
 

Quote:
Originariamente inviata da Milo Visualizza il messaggio
Io sono figlio unico credo che l'unica cosa che impedisca ai miei genitori di degenerare sia la mia presenza in casa,se dovessi andare via di casa la vedo male..
Concordo... in questi casi è davvero difficile... (non parlerei di bamboccioneria però..)

Ma sai cosa, in fondo non si può vivere solo per sacrificarsi no?
Fino a qualche tempo fa di me non m'importava nulla, e reggevo volentieri le sorti (meschine, funeste) di questa casa e dei suoi abitanti..
Ho rinunciato a un sacco di cose che "mi sarebbero spettate" alla giusta età.
E mi trovo ad iniziare (cercare di..) adesso qualcosa che per molti avviene subito dopo l'adolescenza.
Per certi versi credo sia un bene. Il tempo non si perde ma va a creare degli strati di esperienze che,
per quanto sembrino insoddisfacenti e inconcludenti, danno qualcosa alle tue azioni future.

Tutto sta secondo me nel trovare quel po' di "egoismo", di amore per sé che ti spinge a
pensare che gli altri devono occuparsi anche un po' da sé del proprio destino. E tu del tuo..

Ultima modifica di Allocco; 12-05-2012 a 12:27.
Vecchio 12-05-2012, 12:26   #14
Esperto
L'avatar di Kitsune
 

Quote:
Originariamente inviata da VUCHAN94 Visualizza il messaggio
E comunque mio padre ci ricorda sempre di come da giovane, prima di farsi la famiglia e anche per qualche anno dopo essersi sposato lavorasse e invece di tenersi i soldi li mandava ai suoi genitori, per lui era una cosa normale per noi è quasi inconcepibile!
Guarda che è ancora così, solo che oggi si chiama pensione.
Vecchio 12-05-2012, 12:26   #15
Banned
 

aspetto un lavoro, per il resto mi va bene così...

sarà cultura? non me ne frega un cazzo, mi basta non starci male
Vecchio 12-05-2012, 13:17   #16
Esperto
L'avatar di シリウス
 

Quote:
Originariamente inviata da Marco Russo Visualizza il messaggio
assolutamente, è un progresso generazionale che in alcuni paesi hanno raggiunto una generazione prima, in altri invece sono una generazione indietro all'italia.
si c'è anche da considerare che in altri paesi tipo u.s.a dove i ragazzi appena compiuti 18anni vanno a vivere da soli le case e gli appartamenti vengon pagate sempre dai genitori stesso oppure lavorano ma non prendon 4 soldi come da noi che manco ci paghi un affitto a momenti, specialmente se stai in centro di una grossa città.
Vecchio 12-05-2012, 13:53   #17
Esperto
L'avatar di D. Vecio
 

Tempo al tempo.
Non è ancora ora.
Vecchio 12-05-2012, 15:02   #18
Banned
 

Quote:
Originariamente inviata da LatrinLover Visualizza il messaggio
bè chi ha un lavoro è non se ne và di casa quando potrebbe benissimo farlo è una persona immatura che presto o tardi lo prenderà brutalmente nel deretano dalla vita, perchè i genitori moriranno e quando la mammina che gli lava i vestitini non ci sarà, che gli prepara il pranzetto e tutto il resto saranno cazzi amari, alle donne poi gli uomini così non piacciono nemmeno un pò perchè il senso dell'indipendenza e di una vita propria viene proprio meno, Marco Russo anche se dovrai fare i salti mortali fai bene a schiodare senti a me.
Stesso discorso ..anche peggio si puo fare per quelli che non hanno lavoro ed hanno un età
magari sarò rovinato
Vecchio 12-05-2012, 15:25   #19
Principiante
L'avatar di ertoss
 

Ormai penso che rinuncerò alla magistrale, mi prendo la laurea breve e appena posso sparisco. All'idea di essere ancora a casa dei genitori fra dieci anni mi viene la depressione.
Vecchio 12-05-2012, 15:28   #20
Esperto
L'avatar di clizia
 

Andarsene via di casa è un passo necessario per l'indipendenza e l'autonomia della persona, che non può essere influenzata dal volere dei propri genitori fino ai 35 anni.
Spesso sono proprio questi ultimi a non incentivare l'autonomia dei figli, scambiando la loro possessività morbosa e soffocante con affetto, impedendo così ai propri pargoli di crescere e maturare. Non ci credo alla tiritera e al mito della famiglia unita, alibi spesso tirato in ballo da chi dichiara di non volersene andare via di casa, se non si è quantomeno fidanzati o ammogliati. Non può essere il matrimonio o il partner l'unica molla che spinge l'individuo a voler abbandonare il proprio "nido di cuccioli".
Per me - nel percorso di una persona - è necessario il passo dell'individuazione e della ricerca della propria identità attraverso l'organizzazione autonoma dei propri spazi e ritmi di vita. Volenti o nolenti, condividere spazio e tempo con i genitori ci obbliga a sottostare a dei ricatti emotivi e a dei patti che soffocano parte della nostra personalità o a vivere quotidiani e inconciliabili conflitti che alla lunga logorano.
Io ho avuto la possibilità di andarmene di casa a 28 anni, vivendo 2 anni e mezzo in affitto e dopo avendo la possibilità di stare nella casetta che un tempo era di mio nonno; in questo sono stata fortunata.

Da quando vivo sola, ho eliminato il nervosismo accumulato negli anni, derivante dalla gestione fuori controllo di una conflittualità esplosiva con i miei genitori, frutto di tensioni familiari decennali e di un rapporto genitori-figli fondato sull'autoritarismo e sull'incapacità ad accogliere l'altro senza giudicarlo.
Ho iniziato a vivere finalmente secondo i miei ritmi e i miei desideri, evitando di subire continui giudizi da parte dei miei genitori, evitando la costrizione di dovermi sorbire il clima di tensione che è sempre esistito a casa mia e che da piccola mi ha di molto appesantito e soffocato.

Certo, se non si hanno le possibilità economiche è difficile fare il grande passo e andarsene di casa, ma almeno chi ha un lavoro dovrebbe, per un suo percorso verso l'autonomia e l'indipendenza, quantomeno tentare di andare a vivere fuori casa, magari cercando dei coinquilini (magari degli amici) con cui dividere le spese.
Una delle principali molle che mi hanno spinto al grande passo è stata la lontananza iniziale del posto di lavoro e soprattutto il desiderio di affrancarmi da una famiglia altamente disfunzionale che stava rovinando la mia vita e che ha solo contribuito a strutturare una personalità ansiosa e insicura.
Certo, il malessere è una forte molla che spinge al cambiamento; chi sta bene dove sta, magari ha meno motivazioni interiori per farlo e sicuramente è maggiormente portato a impigrirsi sulla sua condizione, ma a volte stare apparentemente quieti non significa aver raggiunto un proprio equilibrio interiore, che può essere raggiunto solo sperimentando se stessi e la propria libertà di persone adulte, al di là della propria famiglia e dell'affetto che ci lega ad essa...

Ultima modifica di clizia; 12-05-2012 a 15:39.
Rispondi
Strumenti della discussione Cerca in questa discussione
Cerca in questa discussione:

Ricerca avanzata




Tutti gli orari sono GMT +1. Attualmente sono le 17:24.
Powered by vBulletin versione 3.8.8
Copyright ©: 2000 - 2019, Jelsoft Enterprises Ltd.
Powered by vBadvanced CMPS v3.2.2