FobiaSociale.com  
     

Home Messaggi odierni Registrazione Cerca FAQ Messaggi odierni Segna i forum come letti
 
Vai indietro   FobiaSociale.com > Fobia Sociale > SocioFobia Forum Generale
Rispondi
 
Vecchio 09-03-2012, 10:06   #1
Esperto
L'avatar di Aree
 

Ieri ero con le mie amiche e parlavamo dell'impressione che ognuna di noi avesse dato alle altre a primo impatto... la ragazza con cui ho stretto più amicizia (senza confidenze ovviamente) ieri mi ha "confessato" che la prima volta che mi ha vista le ho dato l'impressione di essere una che "se la tirava".
Quel giorno hanno iniziato a parlare le nostre due amiche in comune, io intanto ero al telefono quindi non mi sono avvicinata a lei per presentarmi, finita la telefonata le nostre amiche si sono salutate e non ci siamo più presentate.
Ieri sera dopo aver sentito queste cose ci sono rimasta un po' male, perchè ora sono convinta di dare questa impressione alla maggior parte della gente che mi vede per la prima volta...è vero sono un po' diffidente ma è sicuramente più la timidezza che mi impedisce di essere spontanea e restare un po' sulle mie...
E' davvero così sottile la linea che divide il sembrar timidi dal sembrare una che "se la tira"?
C'è un modo per evitare che la gente pensi questo di me?
Vecchio 09-03-2012, 10:31   #2
Esperto
L'avatar di Warlordmaniac
 

Quote:
Originariamente inviata da Aree Visualizza il messaggio
Ieri ero con le mie amiche e parlavamo dell'impressione che ognuna di noi avesse dato alle altre a primo impatto... la ragazza con cui ho stretto più amicizia (senza confidenze ovviamente) ieri mi ha "confessato" che la prima volta che mi ha vista le ho dato l'impressione di essere una che "se la tirava".
Quel giorno hanno iniziato a parlare le nostre due amiche in comune, io intanto ero al telefono quindi non mi sono avvicinata a lei per presentarmi, finita la telefonata le nostre amiche si sono salutate e non ci siamo più presentate.
Ieri sera dopo aver sentito queste cose ci sono rimasta un po' male, perchè ora sono convinta di dare questa impressione alla maggior parte della gente che mi vede per la prima volta...è vero sono un po' diffidente ma è sicuramente più la timidezza che mi impedisce di essere spontanea e restare un po' sulle mie...
E' davvero così sottile la linea che divide il sembrar timidi dal sembrare una che "se la tira"?
C'è un modo per evitare che la gente pensi questo di me?
Bell'argomento.

La linea tra la timidezza e il tirarsela è molto sottile, anche perché il timido se la tira. Secondo me il concetto di tirarsela è stupido perché è sbilanciato verso una parte. Cioè io posso dire che le italiane se la tirano, ma se al posto mio viene Brad Pitt allora non se la tirano più.

Il tirarsela è giudicare una relazione tra due entità rivolgendosi soltanto verso di una. Quindi diventa per forza un'azione negativa, infatti tu, "tirandotela" hai fatto capire di aver dato un giudizio negativo verso le tue amiche, che per questo motivo si sono dispiaciute.
Nei rapporti amicali avviene il contrario di quello che avviene nelle scelte sessuali femminili: la timidezza è un tirarsela verso tutti, mentre il "tirarsela" vero e proprio è selettivo ed è per questo le tue amiche accetterebbero più un atteggiamento timido rispetto ad uno altezzoso/tiroso (DA UNA RAGAZZA).

Chi conosce maggiormente la questione della timidezza, pensa invece che la differenza tra timido/a e tiroso/a sta nelle intenzioni: mentre il primo vorrebbe ma non riesce ad aprirsi, il secondo se ne frega da subito e manca di motivazioni. Ma la differenza non è così netta, più che altro è una questione di dove posa l'accento. Il timido infatti, spesso non riesce ad aprirsi perché non è abbastanza motivato.

E' per questo che secondo me è sbagliato parlare di timidezza/tirarsela, giusto invece parlare di autoconservazione/motivazione.


Quote:
C'è un modo per evitare che la gente pensi questo di me?
E' un problema molto diffuso: come fare ad interessarsi a tutti se non si hanno le energie necessarie? Non si può.
Vecchio 09-03-2012, 10:44   #3
Esperto
L'avatar di SoloUnaDonna
 

Pure io sembra spesso che me la tiro.. e non me ne può fregar di meno.. anche perché alle volte mi sa che me la tiro davvero.
Vecchio 09-03-2012, 10:52   #4
Esperto
L'avatar di Aree
 

Quote:
Originariamente inviata da Warlordmaniac Visualizza il messaggio
Chi conosce maggiormente la questione della timidezza, pensa invece che la differenza tra timido/a e tiroso/a sta nelle intenzioni: mentre il primo vorrebbe ma non riesce ad aprirsi, il secondo se ne frega da subito e manca di motivazioni. Ma la differenza non è così netta, più che altro è una questione di dove posa l'accento. Il timido infatti, spesso non riesce ad aprirsi perché non è abbastanza motivato.

E' per questo che secondo me è sbagliato parlare di timidezza/tirarsela, giusto invece parlare di autoconservazione/motivazione.

E' vero, spesso parto già con l'idea di avere di fronte una persona che non mi capirà, però non è un fatto di sentirmi "di più" è una questione dettata dall'esperienza...quindi mi apro da un certo momento e solo fino ad un certo punto, perchè si capisce se una persona è disposta a capirti o meno...in ogni caso io oltre alla semi-convinzione che chi ho di fronte non mi cpairà parto anche con un minimo di umiltà...cioè vorrei che mi capissero, ma so che non ci riuscirebbero...
Vecchio 09-03-2012, 10:58   #5
Esperto
L'avatar di Warlordmaniac
 

Quote:
Originariamente inviata da Aree Visualizza il messaggio
E' vero, spesso parto già con l'idea di avere di fronte una persona che non mi capirà, però non è un fatto di sentirmi "di più" è una questione dettata dall'esperienza...quindi mi apro da un certo momento e solo fino ad un certo punto, perchè si capisce se una persona è disposta a capirti o meno...in ogni caso io oltre alla semi-convinzione che chi ho di fronte non mi cpairà parto anche con un minimo di umiltà...cioè vorrei che mi capissero, ma so che non ci riuscirebbero...
Il problema delle persone che non ti capiscono è maggiore tanto più queste persone sono diverse da te. Infatti spesso le amicizie migliori si formano per affinità caratteriali.

Le incomprensioni all'inizio di una conoscenza sono inevitabili; non si può piacere a tutti dopo che ti hanno conosciuto, figurati prima. Secondo me è meglio concentrarsi di più sul dopo, perlomeno nelle relazioni amicali.
Vecchio 09-03-2012, 11:02   #6
Esperto
L'avatar di Pietro
 

sono convinto che molta gente crede che io me la tiri..timidezza associata a bell'aspetto fa credere questo alla maggior parte della gente
Vecchio 09-03-2012, 11:04   #7
Esperto
L'avatar di lauretum
 

c'è anche modo e modo di esprimere la timidezza.
si può essere timidi e sorridere.
certa gente che invece è timida e sembra che guardi tutti schifata, non la sopporto nemmeno io, perchè mi mette in grande difficoltà, e solo tempo dopo scopro che è timida, e allora mi fa pure inca..are per il disagio che mi ha procurato.
ci vuole tanto a fare un sorriso, a far capire che si è timidi, non snob altezzosi?
essere timidi mica significa essere inabili alle espressioni facciali.

Ultima modifica di lauretum; 09-03-2012 a 11:07.
Vecchio 09-03-2012, 11:11   #8
Esperto
L'avatar di Otago
 

Penso che molti sociofobici siano vittima di questo "equivoco" e vengano ritenuti altezzosi.
Vecchio 09-03-2012, 11:11   #9
Esperto
L'avatar di Aree
 

Quote:
Originariamente inviata da lauretum Visualizza il messaggio
c'è anche modo e modo di esprimere la timidezza.
si può essere timidi e sorridere.
certa gente che invece è timida e sembra che guardi tutti schifata, non la sopporto nemmeno io, perchè mi mette in grande difficoltà, e solo tempo dopo scopro che è timida, e allora mi fa pure inca..are per il disagio che mi ha procurato.
ci vuole tanto a fare un sorriso, a far capire che si è timidi, non snob altezzosi?
essere timidi mica significa essere inabili alle espressioni facciali.
Ecco volevo aggiungere questa cosa...spesso sorrido, perchè il fatto che possa sembrare antipatica l'avevo già ipotizzato (ieri me l'hanno confermato)...sorrido e sorrido ma chi si avvicina alla fine sono solo le persone più estroverse e che fanno amicizia con tutti...difficilmente si avvicinano persone timide (o comunque come me, che sono quelle che più mi interessano, visto che potrebbero capirmi)
Vecchio 09-03-2012, 11:12   #10
Banned
 

Quote:
Originariamente inviata da Aree Visualizza il messaggio
Ieri ero con le mie amiche e parlavamo dell'impressione che ognuna di noi avesse dato alle altre a primo impatto... la ragazza con cui ho stretto più amicizia (senza confidenze ovviamente) ieri mi ha "confessato" che la prima volta che mi ha vista le ho dato l'impressione di essere una che "se la tirava".
Quel giorno hanno iniziato a parlare le nostre due amiche in comune, io intanto ero al telefono quindi non mi sono avvicinata a lei per presentarmi, finita la telefonata le nostre amiche si sono salutate e non ci siamo più presentate.
Ieri sera dopo aver sentito queste cose ci sono rimasta un po' male, perchè ora sono convinta di dare questa impressione alla maggior parte della gente che mi vede per la prima volta...è vero sono un po' diffidente ma è sicuramente più la timidezza che mi impedisce di essere spontanea e restare un po' sulle mie...
E' davvero così sottile la linea che divide il sembrar timidi dal sembrare una che "se la tira"?
C'è un modo per evitare che la gente pensi questo di me?
sì, mi capita e mi capitava anche a me.
risolto forzandomi a far cose che prima mi sembravano innaturali: salutare e presentarmi, sorridere, cercare di esprimere i miei pensieri a voce e con una voce sostenuta (spesso biascicavo le parole, sicché nessuno mi sentiva e mi sembrava di essere ignorato ), tenere lo sguardo, stringere la mano con moderata forza.

Io non mi sento snaturato, certo all'inizio faceva strano, ma sai, io l'ho sempre vista come se stessi imparando una lingua straniera. E' naturale che all'inizio ti senti forzato e impedito.

Poi ho un pensiero che mi sta girando in testa da molto e sul quale prima o poi aprirò un thread, e questo pensiero mi porta molta sicurezza: è vero che io ho dei problemi, ne sono consapevole: ma quanti problemi non hanno gli altri, cosiddetti "normali"?
Pensa ad esempio quando ci si incrocia e nessuno riconosce di preciso l'altro, così ci si guarda per un po' negli occhi e non ci si saluta per paura di salutare uno sconosciuto (una cosa che ho letto in un thread, e che mi capitava di frequente). Beh anziché pensare "porca puttana quanto sono timido e insicuro!" penso "porca puttana quella persona è timida e insicura come me, forse di più! Devo aiutarla perché io almeno ne sono consapevole!".
Non so, a volte riflettendo su questa cosa capisco che la mia autoconsapevolezza mi dà delle responsabilità, relative al "far succedere delle cose" socialmente parlando, prendere l'iniziativa se non addirittura la leadership, perché se non lo faccio io non lo farebbe nessuno, ma poi quello che ne soffrirebbe di più sarei proprio io.
Vecchio 09-03-2012, 11:13   #11
Esperto
L'avatar di lauretum
 

Quote:
Originariamente inviata da Otago Visualizza il messaggio
Penso che molti sociofobici siano vittima di questo "equivoco" e vengano ritenuti altezzosi.
secondo me c'è da interrogarsi su chi causi questo equivoco, per il bene dei timidi stessi

Ultima modifica di lauretum; 09-03-2012 a 11:18.
Vecchio 09-03-2012, 11:17   #12
Esperto
L'avatar di Warlordmaniac
 

Quote:
Originariamente inviata da Aree Visualizza il messaggio
Ecco volevo aggiungere questa cosa...spesso sorrido, perchè il fatto che possa sembrare antipatica l'avevo già ipotizzato (ieri me l'hanno confermato)...sorrido e sorrido ma chi si avvicina alla fine sono solo le persone più estroverse e che fanno amicizia con tutti...difficilmente si avvicinano persone timide (o comunque come me, che sono quelle che più mi interessano, visto che potrebbero capirmi)
Aree, ma il discorso che stai facendo è più adatto a dinamiche sessuali ricreative, più che ad amicizie. Le amicizie si formano quando si condividono in un maniera durevole un'attività, uno spazio, delle conoscenze; da come scrivi sembra che vuoi essere rimorchiata da delle amiche...
Vecchio 09-03-2012, 11:21   #13
Esperto
L'avatar di lauretum
 

Quote:
Originariamente inviata da Warlordmaniac Visualizza il messaggio
Le amicizie si formano quando si condividono in un maniera durevole un'attività, uno spazio, delle conoscenze; da come scrivi sembra che vuoi essere rimorchiata da delle amiche...

tu stai andando oltre, pensi alle amicizie vere, qui si parla dei primi approcci, delle conoscenze, del fatto di stringere dei contatti che possono anche rimanere tali, ma non per questo non sono importanti
Vecchio 09-03-2012, 11:23   #14
Esperto
L'avatar di Warlordmaniac
 

Quote:
Originariamente inviata da Otago Visualizza il messaggio
Penso che molti sociofobici siano vittima di questo "equivoco" e vengano ritenuti altezzosi.
Nella seduzione si pensa che si traggono molte informazioni dal non verbale. Perché questo non-verbale deve essere importante solo per mettercelo in quel posto? Io penso che il non-verbale sveli la timidezza, e qualora la timidezza fosse l'alternativa migliore all'altezzosità, allora credo che ci faccia un favore.

Ma il punto è: quando, per un uomo, essere giudicati timidi è meglio di essere giudicati altezzosi? Molto raramente credo.
Vecchio 09-03-2012, 11:24   #15
Esperto
L'avatar di lauretum
 

Quote:
Originariamente inviata da Warlordmaniac Visualizza il messaggio
Nella seduzione si pensa che si traggono molte informazioni dal non verbale. Perché questo non-verbale deve essere importante solo per mettercelo in quel posto? Io penso che il non-verbale sveli la timidezza, e qualora la timidezza fosse l'alternativa migliore all'altezzosità, allora credo che ci faccia un favore.

Ma il punto è: quando, per un uomo, essere giudicati timidi è meglio di essere giudicati altezzosi? Molto raramente credo.

per una volta che non parliamo di "uomini e donne" ...
Vecchio 09-03-2012, 11:24   #16
Esperto
L'avatar di Aree
 

Quote:
Originariamente inviata da Warlordmaniac Visualizza il messaggio
Aree, ma il discorso che stai facendo è più adatto a dinamiche sessuali ricreative, più che ad amicizie. Le amicizie si formano quando si condividono in un maniera durevole un'attività, uno spazio, delle conoscenze; da come scrivi sembra che vuoi essere rimorchiata da delle amiche...
Si ma per stringere amicizia dovrò pur sembrare una disponibile a fare nuove amicizie , se sembro una che "sta bene così" la gente più di tanto non si avvicina

Quote:
Originariamente inviata da lauretum Visualizza il messaggio
tu stai andando oltre, pensi alle amicizie vere, qui si parla dei primi approcci, delle conoscenze, del fatto di stringere dei contatti che possono anche rimanere tali, ma non per questo non sono importanti
Si esatto, io parlo del primo impatto...
Vecchio 09-03-2012, 11:25   #17
Esperto
L'avatar di lauretum
 

Quote:
Originariamente inviata da Aree Visualizza il messaggio
C'è un modo per evitare che la gente pensi questo di me?
comunque, chi meglio della tua amica può dirti dove sbagli? hai una opportunità grandiosa per capirlo, e lo vieni a chiedere qui?
Vecchio 09-03-2012, 11:28   #18
Esperto
L'avatar di Warlordmaniac
 

Quote:
Originariamente inviata da lauretum Visualizza il messaggio
per una volta che non parliamo di "uomini e donne" ...
Il thread parla del rammarico di un'utente per il fatto di apparire altezzosa invece che timida.
Siccome tutta la mia vita sociale è una continua sollecitazione ad apparire meno timido, mi rimane un po' difficile trascurare le differenze colossali della mia esperienza personale con la piega che ha preso il thread.

X Aree: fare tu il primo passo è proibito anche in questo caso?
Vecchio 09-03-2012, 11:30   #19
Esperto
L'avatar di lauretum
 

Quote:
Originariamente inviata da Warlordmaniac Visualizza il messaggio
Il thread parla del rammarico di un'utente per il fatto di apparire altezzosa invece che timida.
Siccome tutta la mia vita sociale è una continua sollecitazione ad apparire meno timido, mi rimane un po' difficile trascurare le differenze colossali della mia esperienza personale con la piega che ha preso il thread.

X Aree: fare tu il primo passo è proibito anche in questo caso?
si ok ma non deviamo sulle relazioni sentimentali please, almeno per una volta nella storia del forum
Vecchio 09-03-2012, 11:37   #20
Esperto
L'avatar di Aree
 

Quote:
Originariamente inviata da Warlordmaniac Visualizza il messaggio
X Aree: fare tu il primo passo è proibito anche in questo caso?
Se si tratta di ragazze lo faccio tranquillamente, se si tratta di ragazzi un po' meno...difficilmente ho qualcosa da dire (rimanendo sempre in tema di amicizia e prima conoscenza)
Rispondi
Strumenti della discussione Cerca in questa discussione
Cerca in questa discussione:

Ricerca avanzata


Discussioni simili a Essere un gradino più in alto o essere semplicemente timidi?
Discussione Ha iniziato questa discussione Forum Risposte Ultimo messaggio
Fingere di non essere timidi difronte a gente che non conosciamo DolceElisa87 Timidezza Forum 30 05-07-2012 02:02
Margherita Buy: "Il vantaggio di essere timidi" eVito Corleone SocioFobia Forum Generale 7 12-02-2012 13:19
Bullismo o essere sfottuti semplicemente? freak Bullismo Forum 26 29-12-2010 21:08
Essere o non essere (fobici). Questo è il problema. caostotale23 Amore e Amicizia 5 03-01-2010 13:48
Essere se stessi o essere gli altri? SafeAsMilk Depressione Forum 15 21-04-2008 18:34



Tutti gli orari sono GMT +1. Attualmente sono le 02:01.
Powered by vBulletin versione 3.8.8
Copyright ©: 2000 - 2019, Jelsoft Enterprises Ltd.
Powered by vBadvanced CMPS v3.2.2