FobiaSociale.com  
     

Home Messaggi odierni Registrazione Cerca FAQ Messaggi odierni Segna i forum come letti
 
Vai indietro   FobiaSociale.com > Fobia Sociale > Amore e Amicizia
Rispondi
 
Vecchio 31-10-2021, 09:51   #1
Esperto
 

Spesso leggo di chi si sente solo e senza amici.
Vi chiedo, cosa fate per cambiare questa condizione?
Dico proprio all'atto pratico.
Può essere un modo per scambiarsi idee e trovare modi per cambiare la propria situazione in modo attivo, senza aspettare che gli amici piovano dal cielo, che tanto se non facciamo nulla sicuramente la situazione non cambia.
Vecchio 31-10-2021, 09:55   #2
Avanzato
L'avatar di cringe
 

Quote:
In realtà ci sono molte cose che potrei fare: iscrivermi a dei corsi, fare volontariato, frequentare dei locali/associazioni eppure non faccio nulla, aspetto che le persone si avvicinino a me o cadano dal cielo come per magia..invidio molto chi è riuscito a costruirsi delle amicizie storiche, quelli che conosci dall'asilo/superiori/università, ecc.. non so, forse mi sono arreso, vedo troppa distanza tra me e gli altri, mi sento fuori contesto/tempo massimo
...
Ringraziamenti da
spezzata (31-10-2021)
Vecchio 31-10-2021, 09:55   #3
Esperto
L'avatar di Darby Crash
 

Quote:
Originariamente inviata da Ortica Visualizza il messaggio
Spesso leggo di chi si sente solo e senza amici.
Vi chiedo, cosa fate per cambiare questa condizione?
Dico proprio all'atto pratico.
Può essere un modo per scambiarsi idee e trovare modi per cambiare la propria situazione in modo attivo, senza aspettare che gli amici piovano dal cielo, che tanto se non facciamo nulla sicuramente la situazione non cambia.
credo che alla fine la risposta si possa riassumere in "trovare contesti in cui sono presenti altre persone e in cui ci si sente sicuri di sé e a proprio agio"

poi questi contesti possono essere i più variegati, dal forum, al lavoro, all'università, a corsi vari...
Vecchio 31-10-2021, 09:56   #4
Hor
Esperto
L'avatar di Hor
 

Quote:
Originariamente inviata da Ortica Visualizza il messaggio
Spesso leggo di chi si sente solo e senza amici.
Vi chiedo, cosa fate per cambiare questa condizione?
Dico proprio all'atto pratico.
Può essere un modo per scambiarsi idee e trovare modi per cambiare la propria situazione in modo attivo, senza aspettare che gli amici piovano dal cielo, che tanto se non facciamo nulla sicuramente la situazione non cambia.
Visto che nel Mondo reale non ho né le capacità né le abitudini per muovermi (andare per locali, ecc.), cerco di sfruttare al massimo internet, cercando persone che condividano le mie stesse idee o passioni... ad es. come ho detto più volte, sono iscritto a due social network ad argomento librario, dove posto e commento con regolarità e impegno tutti i libri che leggo, sperando in questo modo prima o poi di entrare in contatti con persone simili a me.
In realtà i risultati sono sempre stati molto magri, un po' perché (suppongo) ho idee e gusti particolari, ma soprattutto perché al momento di avviare dei contatti effettivi (e parlo solo dello scambiarsi messaggi privati o cose simili, mica chissà che) divento molto evitante, rispondo in ritardo o direttamente fuggo.
Per certi versi sulle amicizie ci ho quasi messo una pietra sopra, e cerco di tenermi strette le poche che ho (attualmente due).
In sostanza il mio consiglio per chi voglia amicizie è: non imitatemi.
Ringraziamenti da
spezzata (31-10-2021)
Vecchio 31-10-2021, 09:58   #5
Hor
Esperto
L'avatar di Hor
 

Aggiungo: prima della pandemia pensavo di cominciare a partecipare a un gruppo di lettura che si tiene in una biblioteca vicina al mio comune, ma da una parte c'è stata l'ansia di trovarmi in mezzo a un gruppo di sconosciuti a frenarmi, poi è arrivato il virus e il gruppo in questione è saltato del tutto, e chissà quando riprenderà. Ergo, anche da questo lato il nulla.
Vecchio 31-10-2021, 10:01   #6
Esperto
 

Hor, visto che ti piace tanto la letteratura, hai mai pensato a qualche corso di teatro? Si va lì da perfetti sconosciuti, per cui si parte tutti dallo stesso piano. Poi vai con uno scopo, fai esercizi (immagino) con il maestro, per cui credo che l'ansia sia un po' meno forte di un contesto spontaneo.
Vecchio 31-10-2021, 10:02   #7
Avanzato
 

nulla. anche perchè se uno si isola apposta perchè si ritiene una merda e si vergogna di stare in mezzo agli altri perchè fa più schifo di loro, per forza che poi non si propone e non si attiva per cercare amici. farlo sarebbe un controsenso. però la solitudine la si soffre ugualmente.
Ringraziamenti da
Dark97 (31-10-2021), spezzata (31-10-2021), untipostrano (02-11-2021)
Vecchio 31-10-2021, 10:03   #8
Esperto
 

Quote:
Originariamente inviata da cringe Visualizza il messaggio
...
Secondo te c'è qualcosa che potrebbe sbloccarti e farti provare una di queste cose?
Vecchio 31-10-2021, 10:04   #9
Hor
Esperto
L'avatar di Hor
 

Quote:
Originariamente inviata da Ortica Visualizza il messaggio
Hor, visto che ti piace tanto la letteratura, hai mai pensato a qualche corso di teatro? Si va lì da perfetti sconosciuti, per cui si parte tutti dallo stesso piano. Poi vai con uno scopo, fai esercizi (immagino) con il maestro, per cui credo che l'ansia sia un po' meno forte di un contesto spontaneo.
Troppo ansiogeno: entrare in un gruppo di sconosciuti, fare qualcosa che non ho mai fatto (teatro), ecc. Ma soprattutto, sono assai negato nell'uso del corpo (a scuola avevo sufficiente di educazione fisica, e ho detto tutto), quindi non credo ne ricaverei nemmeno soddisfazione.
Ringraziamenti da
spezzata (31-10-2021)
Vecchio 31-10-2021, 10:06   #10
Esperto
L'avatar di zoe666
 

ah, nel mio caso partecipare a corsi, iscriversi da qualche parte, etc, mi è attualmente impossibile, dato che mi è negato dal governo, quindi è sicuramente più difficile.
Oltretutto, mi risulta difficile trovare persone compatibili con le mie idee ( anche a distanza ), e quando trovo qualcuno affine, ho comunque sempre paura a disturbare, a cercare una conversazione, quindi per il momento mi tengo il mio isolamento ( che in parte non mi dispiace ).
Vecchio 31-10-2021, 10:06   #11
Esperto
 

Quote:
Originariamente inviata da Hor Visualizza il messaggio
Troppo ansiogeno: entrare in un gruppo di sconosciuti, fare qualcosa che non ho mai fatto (teatro), ecc. Ma soprattutto, sono assai negato nell'uso del corpo (a scuola avevo sufficiente di educazione fisica, e ho detto tutto), quindi non credo ne ricaverei nemmeno soddisfazione.
Beh, ma nei corsi amatoriali per adulti credo che la maggior parte siano negati
È proprio il fare qualcosa che non si sa fare, poi proprio con il corpo, che penso possa essere terapeutico.
Peccato, secondo me potrebbe essere una buona chance
Vecchio 31-10-2021, 10:07   #12
Esperto
L'avatar di confusa86
 

Io ho sempre sfruttato la quotidianità, quindi "gioco facile".
Per lui scuola, università, lavoro. Sono stramamente riuscita,nonostante la timidezza, trovando qualcuno di affine, a instaurare anche bei rapporti.
Ho notato che di solito basta una cosa anche piccola in comune, oltre al mostrarsi aperti alle conoscenze.
Un mio amico che per lavoro si è trasferito varie volte (negli ultimi 7 anni, ha cambiato 3 paesi tra cui 2 continenti) e riesce a fare amicizia ovunque, ad esempio con un tizio che era a vedere una casa all'appuntamento prima di lui (entrambi italiani, quindi l'ha agganciato così), e mi dice sempre che è importante cogliere l'attimo, e soprattutto vincere la timidezza e la paura di disturbare: ha fatto così anche quando ha individuato, ad esempio, vicini di casa coetanei o quasi, invitandoli per un caffè o a cena (cosa che io non avrei mai il "coraggio" ma neanche la voglia di fare appunto): male che vada la gente rifiuta, non succede nulla.
Vecchio 31-10-2021, 10:09   #13
Esperto
 

Quote:
Originariamente inviata da confusa86 Visualizza il messaggio
Io ho sempre sfruttato la quotidianità, quindi "gioco facile".
Per lui scuola, università, lavoro. Sono stramamente riuscita,nonostante la timidezza, trovando qualcuno di affine, a instaurare anche bei rapporti.
Ho notato che di solito basta una cosa anche piccola in comune, oltre al mostrarsi aperti alle conoscenze.
Un mio amico che per lavoro si è trasferito varie volte (negli ultimi 7 anni, ha cambiato 3 paesi tra cui 2 continenti) e riesce a fare amicizia ovunque, ad esempio con un tizio che era a vedere una casa all'appuntamento prima di lui (entrambi italiani, quindi l'ha agganciato così), e mi dice sempre che è importante cogliere l'attimo, e soprattutto vincere la timidezza e la paura di disturbare: ha fatto così anche quando ha individuato, ad esempio, vicini di casa coetanei o quasi, invitandoli per un caffè o a cena (cosa che io non avrei mai il "coraggio" ma neanche la voglia di fare appunto): male che vada la gente rifiuta, non succede nulla.
Sì ma il tuo amico ha più coraggio di tutti i fobici messi assieme
È vero, ha ragione, però credo che per arrivare ai suoi livelli occorra essere molto portati.
Vecchio 31-10-2021, 10:11   #14
Esperto
L'avatar di confusa86
 

Quote:
Originariamente inviata da Hor Visualizza il messaggio
Aggiungo: prima della pandemia pensavo di cominciare a partecipare a un gruppo di lettura che si tiene in una biblioteca vicina al mio comune, ma da una parte c'è stata l'ansia di trovarmi in mezzo a un gruppo di sconosciuti a frenarmi, poi è arrivato il virus e il gruppo in questione è saltato del tutto, e chissà quando riprenderà. Ergo, anche da questo lato il nulla.
E' una cosa che vorrei fare da sempre, partecipare ad un gruppo di lettura (o addirittura fondarne uno), ma per i tuoi stessi motivi ho sempre desistito...e anche io prepandemia ne avevo individuato uno papabile, poi si è fermato e ha ripreso online e ho perso l'occasione.
Ps. Mi interessano i social lettura, ma se si tratta di GR e A, non credo che ci sia molto spazio per l'interazione o sbaglio? quindi non è colpa tua.
Manco a farlo apposta due giorni fa ti chiedevo lumi sui libri che leggevi quindi direi che qualcuno che apprezza i tuoi gusti c'è
Vecchio 31-10-2021, 10:16   #15
Hor
Esperto
L'avatar di Hor
 

Quote:
Originariamente inviata da confusa86 Visualizza il messaggio
Ps. Mi interessano i social lettura, ma se si tratta di GR e A, non credo che ci sia molto spazio per l'interazione o sbaglio? quindi non è colpa tua.
Sì, sono loro. In realtà è anche colpa mia, perché vedo altri utenti che tra di loro socializzano senza alcun problema, continuano a commentare le rispettive letture, partecipano ai gruppi, si scambiano messaggi, organizzano raduni, ecc. Io faccio una fatica enorme anche solo a lasciare un piccolo commento su una recensione altrui...
Ringraziamenti da
Cincinnati90 (01-11-2021)
Vecchio 31-10-2021, 10:17   #16
Esperto
L'avatar di confusa86
 

Quote:
Originariamente inviata da Ortica Visualizza il messaggio
Sì ma il tuo amico ha più coraggio di tutti i fobici messi assieme
È vero, ha ragione, però credo che per arrivare ai suoi livelli occorra essere molto portati.
Certo, vere entrambe le cose. Riportavo giusto il suo esempio perchè ne abbiamo parlato spesso. Lui dice anche che per non rimanere completamente isolato oltretutto in un paese straniero, o così o niente...
Vecchio 31-10-2021, 10:18   #17
Esperto
L'avatar di JR_Reloaded
 

Non credo di volermele creare le amicizie, cioè forzarmi a interagire con estranei non è il massimo per me, perchè dovrei volere che degli estranei a caso siano miei amici?

Le amicizie per me capitano, solitamente accade così... quando frequento qualcuno "per forza di cose" e a quel qualcuno mi affeziono, con il tempo ci divento amica, ma ci divento amica proprio perchè inizio a volere bene a quella persona e non perchè desidero per forza diventarci amica.

C'è da dire che io ho un concetto dell'amicizia molto profondo, per me amico non è qualcuno con cui semplicemente mi trovo a chiacchierare, ma è una persona per cui provo un profondo legame sentimentale e di affetto, quasi come fosse un fratello. Se ad una persona non voglio bene non sono "spinta" a desiderare la sua compagnia, non mi importa molto di uscire e chiacchierare, io desidero la compagnia di coloro per cui provo affetto (solo l'affetto e l'amore sono in grado di motivarmi ad uscire dal mio adorato stato di eremitaggio, infatti ben vengano tutte quelle attività da svolgere con parenti e persone con cui ho legame, ma me ne frega cazzi di andare a fare robe con sconosciuti, chi li conosce e chi li vuole conoscere? ).

Difatti preferisco passare il mio tempo a casa con mia nonna a guardare ballando con le stelle (che mi fa cagare ma pazienza, piace a lei) per dire più tosto che uscire con tizi a caso per far baldoria, perchè le voglio bene e desidero trascorrere il mio tempo con lei prima che sia troppo tardi e non possa più farlo. Stessa cosa è per un'amico, gli/le voglio bene e desidero trascorrere il mio tempo con lui/lei, altrimenti me ne fregherei e me ne starei sola a fare le mie cose che lo preferisco. Non so se mi sono spiegata è un pò difficile da spiegare il mio concetto di amicizia.

Ultima modifica di JR_Reloaded; 31-10-2021 a 10:34.
Ringraziamenti da
Newage (31-10-2021)
Vecchio 31-10-2021, 10:18   #18
Esperto
L'avatar di confusa86
 

Quote:
Originariamente inviata da Hor Visualizza il messaggio
Sì, sono loro. In realtà è anche colpa mia, perché vedo altri utenti che tra di loro socializzano senza alcun problema, continuano a commentare le rispettive letture, partecipano ai gruppi, si scambiano messaggi, organizzano raduni, ecc. Io faccio una fatica enorme anche solo a lasciare un piccolo commento su una recensione altrui...
Mmh insomma, sarà che li frequento pochissimo ma in passato li usavo costantemente, ma tutta questa interazione non l'ho notata.
Molta di più in due-tre gruppi FB sul tema decisamente interessanti, se non ne fai già parte ti posso passare i nomi, al di là dell'interazione un lettore vero trova veramente il paradiso.
Vecchio 31-10-2021, 10:21   #19
Esperto
L'avatar di Eracle
 

Le uniche amicizie che posso dire di avere sono quelle storiche del paesetto, e quelle create in contesti di compresenza forzata come il lavoro.
Non vedo altri modi per creare legami.
Perché delle persone sconosciute dovrebbero diventare amiche?
Vecchio 31-10-2021, 10:23   #20
Esperto
L'avatar di muttley
 

Una volta c'era il mio hobby principale, quella parola che inizia per "m" e finisce per "a", adesso non saprei, vado a qualche evento di natura associativa di cui noi fortunati abitanti della city possiamo beneficiare. Forse il volontariato ci starebbe bene, l'anno scorso mi ero iscritto ad un corso relativo a quella disciplina che inizia per "c" e finisce per "a", quest'anno non so se continuare perché non ho i soldi ma speravo che qualcuno fra voi potesse darmi un piccolo aiuto, andrebbe bene anche una colletta.
Rispondi
Strumenti della discussione Cerca in questa discussione
Cerca in questa discussione:

Ricerca avanzata


Discussioni simili a Cosa fate, attivamente, per crearvi delle amicizie?
Discussione Ha iniziato questa discussione Forum Risposte Ultimo messaggio
Cosa pensate delle discoteche e delle persone che ci vanno? Maximilian74 SocioFobia Forum Generale 50 06-07-2019 18:48
Cosa fate? Vacuum SocioFobia Forum Generale 33 17-10-2015 15:43
Accontentarsi o aspettare (più o meno attivamente) ? Franz86 Amore e Amicizia 19 26-01-2014 18:58
ancora sul tema delle tromb-amicizie mariobross Amore e Amicizia 160 10-06-2009 00:59
scrematura delle amicizie e facebook eze Amore e Amicizia 11 06-01-2009 22:52



Tutti gli orari sono GMT +1. Attualmente sono le 13:17.
Powered by vBulletin versione 3.8.8
Copyright ©: 2000 - 2021, Jelsoft Enterprises Ltd.
Powered by vBadvanced CMPS v3.2.2