FobiaSociale.com  
     

Home Messaggi odierni Registrazione Cerca FAQ Messaggi odierni Segna i forum come letti
 
Vai indietro   FobiaSociale.com > Off Topic > Off Topic Generale > Forum Cinema e TV
Rispondi
 
Vecchio 04-03-2016, 19:30   #21
Esperto
L'avatar di DownwardSpiral2
 

L'infanzia di Ivan
Umberto D
Ringraziamenti da
Suicitazzo (04-03-2016)
Vecchio 04-03-2016, 19:43   #22
Esperto
L'avatar di Suttree
 

Le luci della sera

Mi chiamo Sam (uno dei film che mi ha strappato più lacrime anche se non è un capolavoro)

adesso mi vengono in mente questi
Ringraziamenti da
dentromeashita (05-03-2016)
Vecchio 04-03-2016, 19:46   #23
Banned
 

Quote:
Originariamente inviata da Suttree Visualizza il messaggio
Le luci della sera

Mi chiamo Sam (uno dei film che mi ha strappato più lacrime anche se non è un capolavoro)

adesso mi vengono in mente questi
Visti entrambi .
Vecchio 04-03-2016, 21:54   #24
Avanzato
L'avatar di slowdive
 

Amour
Seul contre tous
Sussurri e grida
Vecchio 04-03-2016, 22:36   #25
Esperto
 

Quote:
Originariamente inviata da slowdive Visualizza il messaggio
Seul contre tous
Eh, si trovasse a una qualità decente...
Vecchio 04-03-2016, 23:48   #26
Banned
 

ritorno a Cold mountain, Million dollar baby, Espiazione, le Pagine della nostra vita, A proposito di Schmidt, Vi presento Joe Black, se mi lasci ti cancello (eternal sunshine of spotless mind)
Vecchio 05-03-2016, 09:18   #27
Esperto
L'avatar di Suttree
 

Quote:
Originariamente inviata da slowdive Visualizza il messaggio
Seul contre tous
Vecchio 05-03-2016, 10:02   #28
Esperto
L'avatar di Madeleine
 

A single man, Solitary Man, Moon, Old Boy, Il posto delle fragole, Lo spaccone, Magnolia, A beautiful mind, 50 e 50, Ragazza interrotte, Donnie darko, Take Shelter, Shutter island, ecc.
Ringraziamenti da
dentromeashita (05-03-2016)
Vecchio 05-03-2016, 11:08   #29
XL
Esperto
L'avatar di XL
 

Film che hanno per tema soprattutto diverse forme di solitudine ed emarginazione (e cause diverse che la generano)... Sono film anche di diverso genere (alcuni addirittura fantasy o di animazione).
Dei film possono dare spunti per uscirne (in parte) dalla solitudine, altri sono più tragici e finiscono male...

Quattro notti di un sognatore (Robert Bresson) - Un pittore vive in solitudine, con i suoi sogni e i suoi quadri. Non riesce ad approcciare l'altro sesso. Una notte come tante vede una ragazza che vuole suicidarsi su un ponte, la ferma e fa conoscenza con lei. Le racconta il perché del suo gesto: aspetta un uomo che non si è fatto più vedere tornato dopo un anno di assenza. Lui la conforta e cerca di aiutarla...

Tony Takitani (Jun Ichikawa) - Tony Takitani ha avuto un'infanzia solitaria, principalmente per via del suo nome, poco in uso tra i bambini giapponesi. Tuttavia il giovane incontra Eiko, una cliente affascinata dalla moda. Sposatosi con lei, compie un cambiamento radicale e, pieno di vita, trasportato dall'amore, inizia a riconoscere e a temere la solitudine...

Vive L'Amour (Tsai Ming-liang) - Un appartamento sfitto nel centro di Taipei diviene il luogo in cui convergono le vite di tre personaggi. I tre vengono in contatto e forse si amano, senza che le loro solitudini ne vengano minimamente attenuate...

The Hole (Tsai Ming-liang) - Taipei, inizio del nuovo millennio. La città è invasa dai rifiuti, battuta incessantemente dalla pioggia e minacciata da un misterioso virus. Un giovane divide il suo tempo tra il sordido appartamento in cui abita e lo squallido negozio dove lavora. Sotto alla sua casa vive una ragazza per cui il protagonista prova un crescente interesse...

Paris Texas (Wim Wenders) - Un uomo cammina da solo tra le rocce di una zona desertica nei pressi del confine tra Messico e Stati Uniti: entrato in una stazione di servizio sviene ed è soccorso da un medico che cercando nelle sue tasche trova l'indirizzo del fratello Walt che vive a Los Angeles. Walt parte per riportare a casa il fratello, Travis, scomparso da 4 anni e ora chiuso in un quasi assoluto mutismo. Durante il lungo viaggio riesce a dire solamente che anni addietro ha comprato un lotto di terra a Paris nel Texas dove la madre gli confidò d'essere stato concepito...

Mary and Max (Adam Elliot) (animazione) - Mary Dinkle è una bambina che vive nella periferia di Melbourne, in Australia, insieme ai suoi genitori e al suo gallo. Non è una bambina molto socievole e le sue amicizie si limitano al suo animale da compagnia e ad alcuni pupazzi di sua costruzione, raffiguranti i personaggi del suo cartone animato preferito. Mary spedisce una lettera ad un indirizzo casuale in America. Riceve tale lettera Max Horowitz: un curioso newyorkese di quarantaquattro anni con la Sindrome di Asperger, asociale ed emotivamente fragile. Tra i due nasce una grande amicizia...

5 centimetri al secondo (Makoto Shinkai) (animazione) - Dopo aver concluso le scuole elementari, i due amici per la pelle Takaki Tōno e Akari Shinohara sono costretti a separarsi. Akari infatti si sposta nella prefettura di Tochigi e Takaki va in una scuola di Tokyo. I due continuano a scriversi lettere, ma quando Takaki apprende di doversi trasferire di nuovo, stavolta nella lontana Kagoshima, capisce che ha un'ultima possibilità di vedere Akari prima di partire...

L'eau froide (Olivier Assayas) - Sia i genitori di Christine che quelli di Gilles sono divorziati e i due ragazzi non possono accettare le regole di una società che, in pratica, li abbandona alle proprie sofferte, drammatiche insicurezze. Christine finisce in un istituto, poi fugge e raggiunge Gilles. Insieme partono per il Sud e passano una notte insieme...

Fuori dal Mondo (Giuseppe Piccioni) - Ernesto ha ereditato dal padre una lavanderia e conduce una vita da single che affoga nella ripetitività. Caterina è una suora che sta per prendere i voti perpetui. Un giorno lei, che si reca a Milano per lavorare in un centro di accoglienza, si vede affidare un neonato trovato in un parco. Lo porta all'ospedale, ma comincia a sentirlo un po' suo, al punto di andare a fondo sull'unico indizio che ha a disposizione: il maglione in cui era avvolto il piccolo con la targhetta della lavanderia. È così che avviene l'incontro tra due solitudini, una delle quali è però sostenuta da un ideale...

Tony (Gerard Johnson) - Tony, un disoccupato reietto della società, e il suo tentativo di avvicinarsi a chiunque - tossici, prostitute, perfino ai cinesi che vendono dvd pirata - nella speranza che qualcuno gli dedichi un po' del suo tempo...

Gruppo di famiglia in un interno (Luchino Visconti) - Un professore sessantenne (Burt Lancaster) decide di ritirarsi tra libri e quadri nella sua casa in un antico palazzo di Roma, ereditato dalla madre italiana (Dominique Sanda). Un giorno la sua quiete viene turbata dall'insistenza della marchesa Bianca Brumonti (Silvana Mangano), che riesce a farsi affittare dal professore l'appartamento del piano di sopra per darlo al suo giovane amante Konrad (Helmut Berger). Tra la marchesa, sua figlia Lietta e il suo compagno Stefano e Konrad, si viene a formare un singolare gruppo di famiglia, nel quale l'anziano gentiluomo viene forzato ad entrare, salvo poi accorgersi alla fine che questa intrusione ha significato per lui un ritorno alla vita e alle relazioni umane...

Lasciami Entrare (Tomas Alfredson) - Oskar, un dodicenne fragile e ansioso, è regolarmente angariato dai compagni di classe senza che mai si ribelli al loro bullismo. Il desiderio del ragazzo solitario di avere un amico pare avverarsi quando incontra Eli, anche lei dodicenne, trasferitasi insieme al padre nella casa accanto. È una ragazza pallida e seria che esce solo di sera e non sembra toccata dalla gelida temperatura esterna. In coincidenza con l'arrivo di Eli, si verificano una serie di sparizioni e omicidi…

The Birdcage Inn (Kim Ki-Duk) - La "Locanda del voliere" è la dimora di Jina giovane prostituta e ragazza apparentemente debole, e schiava delle regole sociali che in Corea del Sud non accettano e puniscono: la "vendita dei corpi femminili" è proibita. Il motel, gestito da una famiglia nella quale Hyemi è l'estremo opposto di Jina è la scena rappresentativa di un mondo ridotto e reale. Hyemi, rigida con se stessa e gli altri e incapace di qualsiasi gesto umano nei confronti di Jina, è l'essenza della coerenza e della standardizzazione sociale di un paese molto lontano da noi. Le regole tuttavia sono fatte per essere cambiate. E dall'odio può scaturire l'amicizia.

Vivere (Akira Kurosawa) - Un grigio impiegato del catasto si scopre in fin di vita. La notizia lo mette di fronte all’inutilità della sua esistenza, alla povertà degli affetti. Deluso dal figlio distratto e dal collega troppo giovane, l’uomo si getta con le residue forze sul progetto di un parco per bambini che da troppo tempo giace tra gli ingranaggi di un apparato statale parassitario...

Piccoli Fuochi (Peter del Monte) - Tommaso, 6 anni, poco seguito dai pur benestanti genitori, accumula molte problematiche che combatte creandosi un mondo a sua misura: ne fanno parte uno strano re, un robot e un mostro. La conoscenza della baby sitter Mara e del suo compagno lo farà emergere da questo torpore...

Un mondo senza pietà (Eric Rochant) - Un film di debutto assai interessante, intelligente, sensibile, divertente, ritratto d’un trentenne parigino molto contemporaneo. Senza ambizioni sociali, senza nemici, senza passioni politiche, senza studio e senza lavoro, senza ribellione e senza cause, senza altra motivazione che vivere, mantenuto dal fratello liceale che fa il piccolo spacciatore di droga a scuola, dormendo di giorno e vegliando di notte, giocando a poker e capitando in qualche festa, folgorato da amori fatali e distratti subito dimenticati...

Rosetta (fratelli Dardenne) - "Rosetta, la donna che s'indurisce per sopravvivere e finisce per perdere ciò che ha di più caro? È agganciata al lavoro. Da lì e solamente da lì potrà arrivarle il riconoscimento da parte degli altri. Appartenere alla comunità umana. Rifiutare con tutte le sue forze la morte sociale".

Umberto D (Vittorio De Sica) - la storia semplice e cruda di un anziano funzionario ministeriale completamente in miseria ma animato da una grande dignità. Dopo un ricovero in ospedale pensa di buttarsi sotto un treno per togliersi silenziosamente di mezzo e non essere più di peso a nessuno, ma all'arrivo del treno il suo affezionato cagnolino, con il quale si accingeva a morire, scappa. Umberto D allora lo insegue e viene distolto dal pensiero del suicidio: la vita, in fondo, riserva ancora qualche speranza...

Help Me Eros (Lee Kang-Sheng) - Nick, un anziano uomo d'affari caduto in rovina, trova rifugio nella droga. Un giorno, quasi sull'orlo del suicidio, decide di rivolgersi ad una hot line telefonica per farsi dissuadere dal compiere l'insano gesto, conosce Chyi, la cui voce dolce e gentile lo fa innamorare dell’immagine che nella fantasia si è fatto di lei...

Osasis - ong Jong-du è un giovane coreano sensibile e premuroso, ma certamente svitato. Appena uscito di prigione, per essersi incolpato di aver ucciso un uomo guidando ubriaco (in realtà alla guida era il fratello capofamiglia), vive nella solitudine nell'emarginazione. Deciso a scusarsi con la famiglia dell'uomo che avrebbe ucciso, va a casa sua, dove incontra la figlia del morto, Han Gong-ju: una giovane disabile che conduce una vita di solitudine, praticamente abbandonata dalla famiglia in un misero appartamento delle case popolari.

Ho ritagliato in rete le piccole trame. I film non sono in ordine di importanza, li ho riportati così, usando la mia memoria, ormai non più tanto lucida .

Ultima modifica di XL; 05-03-2016 a 11:53.
Ringraziamenti da
The_Sleeper (05-03-2016)
Vecchio 05-03-2016, 11:57   #30
Banned
 

e se diventasse un topic in cui tutti possono chiedere consigli sarebbe un gran bel topic, è un'idea molto bella
Vecchio 05-03-2016, 14:37   #31
Banned
 

Quote:
Originariamente inviata da Tether Visualizza il messaggio
e se diventasse un topic in cui tutti possono chiedere consigli sarebbe un gran bel topic, è un'idea molto bella
Si,il mio intento era questo, si dovrebbe capire se leggete attentamente l'apertura. Se non si capisce bene lo riscrivo.

@XL, grazie,di quelli citati ho visto solo vivere e rosetta.
Vecchio 05-03-2016, 14:38   #32
Banned
 

Quote:
Originariamente inviata da Architeuthis Visualizza il messaggio
Solitudine c'è anche Her.
Visto grazie, ma non mi era piaciuto.
Vecchio 05-03-2016, 16:58   #33
Esperto
L'avatar di dentromeashita
 

Quote:
ti consiglio questo

...

john Fante,l'ho apprezzato pure,il buon Vinicio lo andai a vedere all'azioni inclementi,Capossela legge Fante.....il film non è all'altezza di ask the dust il libro...(come spesso)
Vecchio 16-03-2016, 18:41   #34
Banned
 

Per ora di quelli consigliati sono riuscito a guardarmi questi:

Chiedi alla polvere
Factotum
The Hours
One hour photo
Still life


Proprio i primi due mi hanno messo voglia di vedere dei film su scrittori o artisti che portano avanti la propria intenzione senza guardare in faccia nessuno.
Anche se magari non sono un granchè o proprio dei mezzi falliti portano avanti la loro linea,la loro idea,il loro sogno. Senza se e senza ma.

Sapete consigliarmi film del genere?
A me viene in mente achille e la tartaruga di kitano, per fare un esempio.



Ah, questo thread voleva essere per tutti, in modo che anche gli altri,se ne hanno voglia, chiedano consigli a tema.
Vecchio 16-03-2016, 19:10   #35
Esperto
 

Quote:
Originariamente inviata da zucchina Visualizza il messaggio
Bello. Aggiungo anche Man On Wire, che sarebbe il documentario vero e proprio e assomiglia tantissimo a The Walk, visto che sono entrambi tratti dallo stesso libro.
Vecchio 16-03-2016, 19:13   #36
Esperto
L'avatar di Suttree
 

Inside Llewyn Davis (A proposito di Davis)

Barfly

Ultima modifica di Suttree; 16-03-2016 a 19:18.
Vecchio 16-03-2016, 19:39   #37
Esperto
L'avatar di Gummo98
 

Re per una notte Vabbè, quella è una commedia nera. Comunque ti consiglio Big Eyes di Tim Burton, a me al contrario di altri è piaciuto.
Vecchio 16-03-2016, 19:52   #38
Esperto
 

Still Alice.

E' abbastanza recente; io non l'ho ancora visto del tutto (solo alcune parti) ma ne ho "sentito" parlare molto bene. Non so se sia stato già nominato qui nel thread, ma mi pare di no.

Ultima modifica di Invernomuto; 16-03-2016 a 19:58.
Vecchio 16-03-2016, 20:04   #39
Esperto
L'avatar di Crystal
 

Come genere di film ho capito di cosa parli, te ne consiglio 3 che non riesco a ri-vedere per la sofferenza e la tristezza che incutono:

- Milion Dollar Baby con Clint Eastwood e Hilary Swank
- La stanza di Marvin con Di Caprio e Meryl Streep
- Amour
Ringraziamenti da
cancellato16760 (16-03-2016)
Vecchio 16-03-2016, 21:24   #40
Banned
 

Quote:
Originariamente inviata da Suttree Visualizza il messaggio
Inside Llewyn Davis (A proposito di Davis)

Barfly
Visto il primo, il secondo mi ispira,ho bisogno di roba del genere ultimamente.

Quote:
Originariamente inviata da Roberto97 Visualizza il messaggio
Re per una notte Vabbè, quella è una commedia nera. Comunque ti consiglio Big Eyes di Tim Burton, a me al contrario di altri è piaciuto.
Fantastico Re per una notte! Big Eyes me lo hanno già consigliato ma non lo trovo da scaricare, e in streaming ho sempre problemi.

Quote:
Originariamente inviata da Garrus Visualizza il messaggio
Still Alice.

E' abbastanza recente; io non l'ho ancora visto del tutto (solo alcune parti) ma ne ho "sentito" parlare molto bene. Non so se sia stato già nominato qui nel thread, ma mi pare di no.
Mi ispira.
Rispondi
Strumenti della discussione Cerca in questa discussione
Cerca in questa discussione:

Ricerca avanzata


Discussioni simili a Consigliatemi un film che parli di...
Discussione Ha iniziato questa discussione Forum Risposte Ultimo messaggio
Se parli Miky Forum Scuola e Lavoro 23 02-06-2013 02:15
Mi parli un po' di lei Loudovica SocioFobia Forum Generale 35 12-11-2009 21:33
consigliatemi qualche film horror mr_duke Forum Cinema e TV 26 14-09-2009 23:12
non parli mai jamm80 SocioFobia Forum Generale 15 13-03-2008 19:43
E tu perche' non parli? andrea870 SocioFobia Forum Generale 26 07-12-2007 13:11



Tutti gli orari sono GMT +1. Attualmente sono le 13:46.
Powered by vBulletin versione 3.8.8
Copyright ©: 2000 - 2019, Jelsoft Enterprises Ltd.
Powered by vBadvanced CMPS v3.2.2