FobiaSociale.com  
     

Home Messaggi odierni Registrazione Cerca FAQ Messaggi odierni Segna i forum come letti
 
Vai indietro   FobiaSociale.com > Off Topic > Off Topic Generale > Forum Cinema e TV
Rispondi
 
Vecchio 16-07-2020, 16:01   #41
Esperto
 

Quote:
Originariamente inviata da Gummo98 Visualizza il messaggio
Fantozzi é un film squisitamente marxista. (: Mi riferisco al primo e solo al primo .
Soprattutto qui
Comunque come spaccato sociale i primi(ssimi) Fantozzi sono illuminanti.

Ringraziamenti da
cringe (17-07-2020), XL (16-07-2020)
Vecchio 16-07-2020, 16:05   #42
Esperto
L'avatar di Gummo
 

Quindi secondo te non é marxista?
Villaggio percula gli estremisti (malattia infantile del comunismo) usando Folagra come macchietta e nonostante il personaggio di Fantozzi prenda coscienza leggendo libri politici (penso sia Il capitale) il suo lato servile riemerge davanti al "padrone", tanto da chiedergli di poter essere pesce nel suo acquario personale. Diciamo che é una visione pessimistica dell'italiano medio durante gli anni 70, infatti alla fine ci ha preso 100%.
Vecchio 16-07-2020, 16:08   #43
Esperto
 

Non penso che fosse marxista Villaggio, di sicuro non aveva fede nell'avvento del proletariato come classe egemone. Però sull'analisi sociale dell'esistente offre molti spunti realistici e degni d'interesse.
Ringraziamenti da
cringe (17-07-2020)
Vecchio 16-07-2020, 16:08   #44
Esperto
L'avatar di Gummo
 

Nel film poi é geniale quando il Megadirettore dice di non essere comunista ma "un medio progressista". PD docet.

Anche nel secondo capitolo, La corazzata Potemkin "cagata pazzesca" non penso sia casuale, in pratica l'italiano medio non acculturato disprezza le opere politiche (esasperandone persino la durata, in realtà il film di Eisenstein é molto breve, non dura ventimila ore come si dice nel film), preferisce qualunquismo e ribellioni fini a se stesse.

Diciamo che a prima vista sembrano film molto leggeri ma sono più sottili di quanto appaia.
Ringraziamenti da
cringe (17-07-2020)
Vecchio 16-07-2020, 16:10   #45
Esperto
L'avatar di Gummo
 

Quote:
Originariamente inviata da Winston_Smith Visualizza il messaggio
Non penso che fosse marxista Villaggio, di sicuro non aveva fede nell'avvento del proletariato come classe egemone. Però sull'analisi sociale dell'esistente offre molti spunti realistici e degni d'interesse.
Mh, vabbè, poco importa. Comunque sí, anche secondo me non era ottimista ma pessimista. Però anche Pasolini lo era, questo tuttavia non toglie che fosse un marxista... Sui generis magari, ma lo era.
Vecchio 16-07-2020, 16:11   #46
Banned
 

Quote:
Originariamente inviata da Gummo98 Visualizza il messaggio
Fantozzi é un film squisitamente marxista. (: Mi riferisco al primo e solo al primo

Il protagonista non é operaio ma impiegato, appartenente alla classe media. Il che segue il solco della filosofia togliattiana che indicava anche la classe media come sfruttata, nell'ottica di rendere il PCI partito di massa. Infatti Villaggio ha sempre votato PCI fino all'87 quando si é candidato con Democrazia proletaria, é sua dichiarazione.
boh se lo dice te, a me pare una satira anche feroce della società ma il fine ultimo è suscitare il riso. Credo un po' di conoscere Villaggio lessi i suoi primi racconti sull'europeo pochi sanno che partì di lì e poi dai libri. Il films sono ricavati dai libri . Ma se usiamo la metrica della satira della 'società borghese' tutto è politica : da Alberto Sordi un qualunquista democristiano a Zeffirelli chiaramente un integralista di destra. e Nanni Moretti che affonda il '68 in "Io sono un autarchico" . Probabilmente anche il Montalbano televisivo è de sinistra

Ultima modifica di tersite; 16-07-2020 a 19:03.
Vecchio 16-07-2020, 16:36   #47
Esperto
L'avatar di Gummo
 

Per tornare In topic, questo dev'essere uno dei film italiani più tristi che abbia mai visto, si vede proprio che Villaggio c'aveva bisogno di soldi.

Vecchio 17-07-2020, 06:23   #48
XL
Esperto
L'avatar di XL
 

Quote:
Originariamente inviata da muttley Visualizza il messaggio
Si, ma io ironizzavo sul fatto che le produzioni culturali del periodo fossero tutte smaccatamente simpatizzanti del movimento studentesco e di tutte le sue propaggini, fino alla mistificazione consapevole.
In Porci con le ali (1977) altra indegnità su celluloide, il protagonista viene definito come un "giovane esponente del proletariato giovanile", quando si vede chiaramente che invece abita in una casa borghese. Anche Jacopo Fo (che ogni tanto vedo andare a spasso in bici sotto casa mia) partecipava ai raduni e alle manifestazioni del proletariato giovanile, eppure era figlio di uno dei più pagati attori di teatro dell'epoca...la cultura fu vittima di un conformismo impressionante in quegli anni.

https://www.youtube.com/watch?v=jUNfqJtol4Y
Ma proletariato e borghesia secondo Marx cos'erano?
Perché il termine borghese di uso comune forse va distinto da quello usato nel marxismo.
Nell'uso comune la borghesia è il ceto medio, ma la cosa poi dipende dal reddito e i beni come sono distribuiti in una certa società non tanto da come uno se li procura. Nel ceto medio possono esserci lavoratori dipendenti, piccoli imprenditori, artigiani, impiegati statali e così via, anche operai se alla fine guadagnano abbastanza.
Io ricordo che un mio amico che aveva il padre che faceva l'operaio alla Ideal Standard stava messo meglio economicamente di un altro il cui padre era indipendente, aveva la sua officina e faceva l'elettrauto (in fin dei conti una piccola attività commerciale può rendere meno di un certo lavoro dipendente).
Non so bene se poi secondo il marxismo vanno distinte queste persone e separate in classi diverse, non ho mai approfondito la cosa, non è stata mai una cosa molto interessante per me, sono abbastanza ignorante in materia.

Ultima modifica di XL; 17-07-2020 a 08:12.
Vecchio 17-07-2020, 08:10   #49
Banned
 

Quote:
Originariamente inviata da XL Visualizza il messaggio
Io ricordo che un mio amico che aveva il padre che faceva l'operaio alla Ideal Standard stava messo meglio economicamente di un altro il cui padre era indipendente, aveva la sua officina e faceva l'elettrauto (in fin dei conti una piccola attività commerciale può rendere meno di un certo lavoro dipendente).
ma il primo è un eroe della classe operaia, il secondo un ladro secondo la vulgata marxista. E' il PUP pensiero unico progressista, per cui chi lavora in proprio è uno spuorco capitalist da!
Vecchio 17-07-2020, 08:27   #50
XL
Esperto
L'avatar di XL
 

Quote:
Originariamente inviata da tersite Visualizza il messaggio
ma il primo è un eroe della classe operaia, il secondo un ladro secondo la vulgata marxista. E' il PUP pensiero unico progressista, per cui chi lavora in proprio è uno spuorco capitalist da!
Che poi possono esserci delle variazioni di reddito ma si vive in case abbastanza simili, finché non si arriva a situazioni di indigenza oppure si ha a che fare con liberi professionisti ben pagati, commenda e via dicendo.
Secondo me è proprio poco chiaro chi si dovrebbe definire "giovane proletario", un giovane che lavora come operaio da qualche parte?
Più che falsa la cosa può diventare ambigua.
Vecchio 17-07-2020, 08:32   #51
Banned
 

Quote:
Originariamente inviata da XL Visualizza il messaggio
Che poi possono esserci delle variazioni di reddito ma si vive in case abbastanza simili, finché non si arriva a situazioni di indigenza oppure si ha a che fare con liberi professionisti ben pagati, commenda e via dicendo.
Secondo me è proprio poco chiaro chi si dovrebbe definire "giovane proletario", un giovane che lavora come operaio da qualche parte?
Più che falsa la cosa può diventare ambigua.
Ho fatto il commerciante per molti anni, nn voglio paragonare la mia fatica a quella dell'operaio alla catena (ammesso che esista ancora) , ma lavoravo pure la domenica sia pure per mezza giornata, la restante parte la passavo a dormire, capirai alzarsi tutti i gg alle 5 1/4 era un pochino dura
Vecchio 17-07-2020, 08:41   #52
Esperto
L'avatar di varykino
 

film piu brutto che abbia mai visto , almeno l attrice è una bella biondazza

ma il film è inguardabile

Ringraziamenti da
XL (17-07-2020)
Vecchio 17-07-2020, 08:57   #53
Avanzato
L'avatar di Architeuthis-
 

Non si può dire niente sulle colonne sonore dei film con Jerry, anche quella di sottozero è bella.
Poi sono spaccati di costume e vita sociale italiana di quegli anni, non possono essere relegati a filmacci per chi è nostalgico di quel tempo.


Ultima modifica di Architeuthis-; 17-07-2020 a 09:03.
Vecchio 17-07-2020, 09:22   #54
Esperto
 

Quote:
Originariamente inviata da tersite Visualizza il messaggio
ma il primo è un eroe della classe operaia, il secondo un ladro secondo la vulgata marxista. E' il PUP pensiero unico progressista, per cui chi lavora in proprio è uno spuorco capitalist da!
Mai sentito Marx dare addosso agli elettrauti (ovvero agli artigiani della sua epoca), sono rimasto a quando ce l'aveva con gli industriali

Ultima modifica di Winston_Smith; 17-07-2020 a 10:14.
Vecchio 17-07-2020, 09:41   #55
Esperto
L'avatar di Gummo
 

Quote:
Originariamente inviata da XL Visualizza il messaggio
Ma proletariato e borghesia secondo Marx cos'erano?
Perché il termine borghese di uso comune forse va distinto da quello usato nel marxismo.
Nell'uso comune la borghesia è il ceto medio, ma la cosa poi dipende dal reddito e i beni come sono distribuiti in una certa società non tanto da come uno se li procura. Nel ceto medio possono esserci lavoratori dipendenti, piccoli imprenditori, artigiani, impiegati statali e così via, anche operai se alla fine guadagnano abbastanza.
Io ricordo che un mio amico che aveva il padre che faceva l'operaio alla Ideal Standard stava messo meglio economicamente di un altro il cui padre era indipendente, aveva la sua officina e faceva l'elettrauto (in fin dei conti una piccola attività commerciale può rendere meno di un certo lavoro dipendente).
Non so bene se poi secondo il marxismo vanno distinte queste persone e separate in classi diverse, non ho mai approfondito la cosa, non è stata mai una cosa molto interessante per me, sono abbastanza ignorante in materia.
Ci provo io, spero di non dire cazzate.
Marx scrive nell'800 e la dicotomia che traccia è fra chi deve vendere la sua forza lavoro (i proletari) a chi ha la proprietà dei mezzi di produzione (i borghesi). Il che è alquanto estremistico se visto con i nostri occhi ma se proviamo a metterci nei panni di chi viveva in quell'epoca è più comprensibile. Marx aveva davanti agli occhi le fabbriche, gli operai ammassati in catena di montaggio, che lavoravano 12 ore al giorno e neanche per sogno avrebbero potuto prendere quanto altri lavoratori; oggi la classe operaia è solo uno degli elementi della realtà, con l'esplosione di settore terziario, digital economy e quant'altro l'analisi si fa più complicata. Ma già nel 900 tutti coloro i quali si sono ritrovati ad applicare il marxismo alla realtà (da Lenin in poi) hanno sempre cercato di tracciare una 'geologia delle classi', valutando di volta in volta quali classi fossero progressive e funzionali allo sviluppo del socialismo e quali invece fossero un detrimento. Il più interessante in questo senso fu Mao governando la Cina usando la chiave delle 'contraddizioni in seno al popolo e in seno alla borghesia', e a seconda delle diverse fasi politiche dal 1949 in poi di volta in volta giudicò diversamente le diverse classi (distingueva in classe media progressiva e in classe media reazionaria che si appoggiava alla borghesia, borghesia che a sua volta si spaccava fra chi collaborava al socialismo e chi invece voleva il ritorno dei colonialisti, etc) il culmine di questa dialettica si ebbe con la Campagna dei cento fiori, dove permettendo la libertà d'espressione si pose come obiettivo l'emersione di tutte le contraddizioni in seno alla società; sosteneva giustamente che il marxismo non è una religione ("Io voglio lo Stato proletario e quindi fanculo tutti gli altri, facciamo il comunismo adesso e subito") ma che se ci sono delle contraddizioni devono svilupparsi e risolversi da sole. "Il proletariato cerca di trasformare il mondo sulla base della propria concezione del mondo, e la borghesia sulla base della sua. A questo proposito, il problema di sapere chi avrà la meglio, il socialismo o il capitalismo, non è ancora veramente risolto."

Non penso esistano marxisti seri che oggigiorno gridino al 'padrone' anche davanti a uno che ha una gelateria o un'edicola, inzomma.
Vecchio 17-07-2020, 10:01   #56
Esperto
L'avatar di Gummo
 

Quote:
Originariamente inviata da Architeuthis- Visualizza il messaggio
Non si può dire niente sulle colonne sonore dei film con Jerry, anche quella di sottozero è bella.
Poi sono spaccati di costume e vita sociale italiana di quegli anni, non possono essere relegati a filmacci per chi è nostalgico di quel tempo.

https://www.youtube.com/watch?v=Hwrwe7we6Oc
'Spaccati di costume'... Mah: uno spaccato di costume è ad esempio I soliti ignoti di Monicelli o I mostri di Risi dove si rideva dell'italiano dell'epoca e non si facevano sconti. I film con Calà, Boldi, De Sica, mostrando l'italiano per l'idiota che è, ma non c'è critica, anzi, sono quasi film che carezzano lo spettatore e gli dicono "sì sei un mediocre ma va bene così". Poi dal punto di vista tecnico (regia, interpretazioni, sceneggiatura) le commedie italiane anni 80 fanno vomitare.

Di quell'epoca salvo i film di Verdone, che non sono niente di che se cerchi una satira della società, ma aveva un ottimo gusto per quanto riguarda la costruzione dei personaggi e la ricerca di situazioni originali. D'altronde aveva dietro le spalle Sergio Leone.

Ultima modifica di Gummo; 17-07-2020 a 10:05.
Vecchio 17-07-2020, 10:33   #57
Esperto
L'avatar di Gummo
 

Questo film è il m a l e


Magari Pearl Harbour è anche peggio ma non ho mai avuto le palle di vederlo.
Vecchio 17-07-2020, 10:38   #58
Esperto
L'avatar di varykino
 

Quote:
Originariamente inviata da Gummo98 Visualizza il messaggio
Questo film è il m a l e

https://www.youtube.com/watch?v=Gx97VGRoNNM

Magari Pearl Harbour è anche peggio ma non ho mai avuto le palle di vederlo.
ma la battuta? hahahahaha " nn è un venditore ambulante , è tuo papà" assurdo
Vecchio 17-07-2020, 11:21   #59
Banned
 

Quote:
Originariamente inviata da Winston_Smith Visualizza il messaggio
Mai sentito Marx dare addosso agli elettrauti (ovvero agli artigiani della sua epoca), sono rimasto a quando ce l'aveva con gli industriali
perchè ancora non esistevano: cmq io parlavo della vulgata marxista non del pensiero fiolosofico-economico. Per il popolino gli autonomi erano tutti evasori e di 'destra' . In alcuni casi avevano anche ragione, ma non per tutti, di solito è gente che lavora molto più che nel pubblico, paga un sacco di tasse (contrariamente alla diceria comune) e se si ammala sono guai, le ferie se le paga di tasca propria
Vecchio 17-07-2020, 11:41   #60
Esperto
L'avatar di claire
 

E i film serali di Cielo?
Rispondi
Strumenti della discussione Cerca in questa discussione
Cerca in questa discussione:

Ricerca avanzata


Discussioni simili a Cinema demmerda
Discussione Ha iniziato questa discussione Forum Risposte Ultimo messaggio
Musica demmerda muttley Forum Musica 609 Oggi 13:53
Il cinema Scarone SocioFobia Forum Generale 5 26-12-2016 20:42
Io e il Cinema Melvin II Forum Cinema e TV 17 11-02-2014 14:58
Cinema e pittura Moonwatcher Forum Cinema e TV 46 16-02-2012 22:49
Io ed il cinema barclay Forum Cinema e TV 30 23-01-2012 22:54



Tutti gli orari sono GMT +1. Attualmente sono le 14:39.
Powered by vBulletin versione 3.8.8
Copyright ©: 2000 - 2020, Jelsoft Enterprises Ltd.
Powered by vBadvanced CMPS v3.2.2