FobiaSociale.com  
     

Home Messaggi odierni Registrazione Cerca FAQ Messaggi odierni Segna i forum come letti
 
Vai indietro   FobiaSociale.com > Fobia Sociale > SocioFobia Forum Generale
Rispondi
 
Vecchio 17-05-2018, 20:20   #1
Esperto
L'avatar di Nagato
 

Avete presente la scena del film Into the wild in cui Alexander nel pieno del suo viaggio si ferma davanti alla vetrina di un bar e si mette a fissare un ragazzo che scherza con una ragazza. In quel momento si rende conto che al posto di quel ragazzo vestito in modo elegante, ambizioso e determinato poteva esserci lui. Anche a me capita quando di sera in giro per le strade del centro vedo comitive di studenti che scherzano tra di loro, mentre io li osservo da fuori da solo. Da solo senza ambizioni né progetti per il futuro, con una marea di problemi dinnanzi a me. Ogni volta che vedo questi ragazzi penso che potevo essere uno di loro, tenere un braccio sulla spalla di una ragazza e intanto scherzare con degli amici davanti ad una birra, vorrei avere ancora la speranza nei miei occhi quella che vedo nei loro e avere quella voglia di cambiare il mondo che ho solo sentito dire ma che dentro di me non ho mai trovato. Vorrei avere ancora voglia di parlare di argomenti futili e non solo di morte o depressione.. Vorrei vivere come fa un ragazzo della mia età, ma mi sento cresciuto troppo in fretta per colpa della sofferenza patita in questi anni e non so più ridere non so più scherzare. Vorrei avere la mente libera e pensare solo a prepararmi per il prossimo esame, vorrei essere felice davvero per ogni cosa che ora ritengo superflua mentre i miei coetanei ne fanno motivo di orgoglio. Mi sento rassegnato, ormai lontano anni luce da loro. Non ho nemmeno più voglia di rivalsa nei confronti del mondo, la voglia di vendicarmi per i torti subiti cercando di farmi forza e di farmi valere nei confronti di tutti.. Ormai è sparita anche quella, basta alzo bandiera bianca. Stavolta temo di non aver proprio più speranze.

Inviato dal mio WAS-LX1A utilizzando Tapatalk

Ultima modifica di Nagato; 17-05-2018 a 21:02.
Ringraziamenti da
Masterplan92 (18-05-2018), SamueleMitomane (17-05-2018), XL (17-05-2018)
Vecchio 17-05-2018, 20:31   #2
Esperto
L'avatar di claire
 

E chi lo sa?Le fobie mi hanno perseguitata fin da bambina,non ho mai potuto ideare di essere libera e poter realizzare qualcosa...
Da piccola non sono mai andata oltre il desiderio di essere una brava mamma e casalinga con tanti bambini.Che già sarebbe qualcosa.Poi mi ha fatto paura anche quello,e ciao.
Non so come e perchè, ma io la voglia di ridere e scherzare ce l'ho ancora.

Ultima modifica di claire; 17-05-2018 a 20:44.
Vecchio 17-05-2018, 20:34   #3
Esperto
L'avatar di M.me Adelaide
 

Quando passo davanti alle scuole e vedo mamme coi bimbi.
Vecchio 17-05-2018, 20:35   #4
Avanzato
 

Io ho una sensazione credo simile alla tua ma quando vedo gruppi di adolescenti. Li invidio retroattivamente perché spesso mi sembrano tanto spensierati e spontanei nel comunicare tra loro, per me le relazioni sociali non sono mai state così in adolescenza perciò mi sembra di essermi persa qualcosa. Non mi lamento perché comunque la mia adolescenza mi ha dato altro, però mi viene un po' di malinconia a pensarci.
Vecchio 17-05-2018, 20:39   #5
Esperto
L'avatar di SamueleMitomane
 

Quote:
Originariamente inviata da Nagato Visualizza il messaggio
Non ho nemmeno più voglia di rivalsa nei confronti del mondo, la voglia di vendicarmi per i torti subiti cercando di farmi forza e di farmi valere nei confronti di tutti.. Ormai è sparita anche quella, basta alzo bandiera bianca. Stavolta temo di non aver proprio più speranze.

Inviato dal mio WAS-LX1A utilizzando Tapatalk
succede quasi sempre così immagino, aggiungo che però non è una resa, più una realizzazione che va sfruttata a tuo vantaggio.
A me un po' di rivalsa mi è rimasta, però non si può pretendere di scaricarla tutta in una volta, bisogna dosarla.

Si quando ascolto Hendrix penso che avrei potuto seguire i suoi passi

Ultima modifica di SamueleMitomane; 17-05-2018 a 20:45.
Vecchio 17-05-2018, 21:15   #6
Esperto
 

nel corso degli anni ho immaginato di poter essere qualsiasi cosa, veramente ogni minimo input esterno mi faceva fantasticare sul poter essere questo o quello, ma tutto sempre e solo sfiorato con la fantasia, forse mi bastava questo. non ho mai avuto un grande sogno fisso, un desiderio specifico che posso dire non si sia avverato. quindi forse non sono mai voluta diventare veramente nulla.
e in fondo, se ci penso e sono sincera con me, credo che non sarei comunque potuta diventare chissà chi, anche senza i limiti imposti dalla timidezza e dalle paure, perchè avrei incontrato altri miei limiti: cioè l'essere sconclusionata, continuamente agitata e dalla mente poco coerente. non credo avrei potuto concludere nessun lavoro o nessuna relazione. forse avrei solo ferito e deluso una cerchia più larga di persone
Ringraziamenti da
cancellato13564 (17-05-2018), claire (17-05-2018), elliot_m (18-05-2018), jab_24 (20-05-2018)
Vecchio 17-05-2018, 21:53   #7
Esperto
L'avatar di Gio.solo
 

probabilmente qualche signorotto della classe media con moglie e bambini, amici pochi ma buoni e tante conoscenze
Vecchio 17-05-2018, 22:05   #8
Esperto
L'avatar di Pablo's way
 

Non ho mai pensato a chi sarei potuto diventare, mi è mancata un'idea di futuro, un'aspirazione, quando percepisci sin da piccolo i tuoi limiti con chiarezza, fai fatica ad immaginarti un futuro diverso da quello che realmente ti aspetta.

Piuttosto mi è capitato di pensare a come sarei potuto essere, intendo una persona più serena e tranquilla.
Vecchio 17-05-2018, 23:30   #9
Esperto
L'avatar di Shjatyzu
 

Io sarei potuto essere un "normalone" inconsapevole, fino a scuola media potevo anzi essere considerato un "bulletto"; di certo non ero fobico (prendevo in giro persino i professori a volte, sfacciatamente), né le mie ambizioni andavano oltre quelle classiche, lavoro-famiglia-amici.
Poi, come direbbe Battiato: "Entrai per caso nella mia esistenza".
Infatti ripensando alla persona che ero, non riesco proprio a concepirmi; non riesco a capire come potessi essere quella persona, di fatto attualmente posso considerarmi un'entità del tutto diversa da quella che era un tempo la mia entità.
Comunque, preferisco di gran lunga quella attuale, anche al costo di star male per sempre.
Ringraziamenti da
Angus (17-05-2018)
Vecchio 17-05-2018, 23:33   #10
Esperto
L'avatar di Angus
 

Quote:
Originariamente inviata da Marceline Visualizza il messaggio
La mia ora è: sì, insomma, non ho la laurea per accedere a certi lavori, nè la giovinezza richiesta per iniziare. E non riesco a smuovermi.
Idee ne ho ma la situazione mi appare amaramente surreale.
È un controsenso: prima di attraversare certi stadi di maturazione non sapevo. Ora che so meglio quel che vorrei fare, mi sembra troppo tardi per buttarmi (sono frustrata e a disagio).
Ciao. Scusa la franchezza, ma perché non ti metti l'anima in pace in rapporto al passato e non provi semplicemente a vedere cosa puoi fare adesso (e a farlo)?

Una laurea, se ti metti sullo studio in modo maturo, non ci vuole tantissimo a prenderla. La giovinezza richiesta è, entro certi limiti, una convenzione culturale.

Non puoi più incarnare un certo modello (di normalità?). Ma questo non significa che tu sia finita.
Ringraziamenti da
elliot_m (18-05-2018)
Vecchio 17-05-2018, 23:45   #11
XuX
Intermedio
L'avatar di XuX
 

Solo di recente sono riuscito parzialmente a definire con maggiore nettezza chi vorrei essere, a cosa mi sento chiamato. Ho trascorso la mia adolescenza - che ormai è ai titoli di coda, ma forse sarebbe meglio cominciare a considerarmi un giovane adulto - sospeso fra varie inclinazioni e differenti progetti, tutti accomunati dal vizio della inconsistenza. Infatti ho intrapreso più percorsi, tutti con passo timoroso, con estrema cautela, con la preoccupazione che, continuando ancora in maniera così affannosa e spasmodica a cercare di trovare quello definitivo, non avrei ottenuto altro che una inutile dispersione di energie e di tempo, accresciuta dalle costanti pressioni di un contesto sociale che esige un tasso di competitività che non riesco a sostenere ed accettare. Ciò mi ha indotto a provare invidia per quelle persone che sembrano avere avuto da sempre un unico interesse centrale ed irrinunciabile che li ha spronati a seguire certe tappe sino alla realizzazione personale e che sembrano aver programmato già dall'infanzia la propria esistenza, seguendo un certo ordine dal quale non si sono mai allontanati, senza alcuna deroga, perché anch'io vorrei essere così risoluto e sicuro dei miei mezzi, piuttosto che essere perennemente afflitto dall'indecisione, dalla sensazione di incompiutezza e dall'amarezza, non avendo avuto il coraggio di dedicarmi esclusivamente ed intensamente ad un interesse e a quello soltanto.
Ora mi resta la possibilità di cimentarmi in esso con la consapevolezza di non potere mai raggiungere una vera forma di gratificazione o di soddisfazione in quest'ambito, non potendo più farne, in qualche modo, la mia professione o la mia ragione di vita, ma solo un'occupazione come molte altre, seppur stimolante intellettualmente, e un palliativo alle noie quotidiane, mentre mi accingo a prepararmi al mondo del lavoro seguendo ben altre direzioni.
Ringraziamenti da
StacyFreak (20-05-2018)
Vecchio 18-05-2018, 00:24   #12
Esperto
L'avatar di JericoRose
 

Non potevo essere niente più di ciò che sono, avessi avuto un'altro carattere sarei potuta essere un'infinità di altre cose, ma non sarei stata io e poi sopratutto non dovevo essere niente di più di ciò che sono. Per chi? Per la società? Per i mie famigliari? La società mi faccia una sega (metaforicamente parlando) i miei famigliari e i miei cari mi devono accettare per come sono altrimenti non potrei più definirli cari, mi conosco, tendo ad allontanarmi quando non mi sento accettata e capita. Io sono ciò che sono e se potrò realizzare qualcosa di buono così come sono bene altrimenti amen, avrò contribuito ad incasinare questo mondo senza dare nulla in cambio.

Inviato dal mio DLI-L22 utilizzando Tapatalk

Ultima modifica di JericoRose; 18-05-2018 a 00:27.
Ringraziamenti da
elliot_m (18-05-2018), varykino (18-05-2018), XL (18-05-2018)
Vecchio 18-05-2018, 07:41   #13
Esperto
L'avatar di Kitsune
 

Quote:
Originariamente inviata da Nagato Visualizza il messaggio
di sera in giro per le strade del centro vedo comitive di studenti che scherzano tra di loro, mentre io li osservo da fuori da solo. Da solo senza ambizioni né progetti per il futuro, con una marea di problemi dinnanzi a me.
Speravo nell'esempio di un amico che ha fatto i tuoi studi perché questo come esempio non calza molto secondo me, non vedi che una facciata, non sai niente della loro vita.
Certamente non tiri fuori i tuoi problemi quando esci tra amici. Comincia a non confrontarti con perfetti estranei che è inutile.
Su sto forum è uno sport cercare gli ex compagni di scuola su Facebook che han avuto una vita completa e tu niente.
Non importa che vita hai, puoi andare all'università ma non riuscire più a studiare e rimanere indietro con gli esami, puoi essere indipendente e vivere nel tuo appartamento ma non poterti più pagare l'affitto, puoi essere fidanzato ma affrontare una crisi di coppia, un tradimento o l'incognita del matrimonio, puoi sempre avere una famiglia incasinata e piena di problemi, puoi avere problemi di salute.
Se tu avessi avuto una vita diversa avresti problemi diversi, potresti perfino avere più pensieri di quelli che hai ora, non puoi saperlo.
Chiediti se con una vita diversa saresti stato soddisfatto o avresti desiderato di più. Trova qualcuno che si considera realizzato.
Io penso che bisogna accettarsi per quello che si è e smettere di invidiare gli altri ma prendere spunto dai loro successi, come si confrontano con i loro problemi e li risolvono.
La gente che non ha problemi e una bella vita non la considero proprio, non hanno niente da insegnare non c'è niente da imparare da loro.
Vecchio 18-05-2018, 07:49   #14
Esperto
L'avatar di ElsaonMars
 

A me piacerebbe lavorare nel sociale, ma ho paura di non avere carattere/pazienza/social skills...
Se non fosse per i problemi tuttavia non so neanche se il mio interesse per la psicologia ed il disagio sarebbe mai nato.
Dunque boh, il mio disagio è nato quando ero veramente piccola. Ce ne sta sempre una a seconda dei periodi, che sia paranoia, ansia, rabbia, depressione, fobia sociale, anoressia, dipendenza affettiva, problemi con le sostanze. Non mi son fatta mancare nulla -.-. Ora con i farmaci giusti mi vedo diversa ma la strada è lunga assai.
Vecchio 18-05-2018, 08:30   #15
Esperto
L'avatar di vero82
 

Boh, non lo so nemmeno io
Vecchio 18-05-2018, 08:39   #16
Esperto
L'avatar di muttley
 

Quote:
Originariamente inviata da Marceline Visualizza il messaggio
Ora che so meglio quel che vorrei fare, mi sembra troppo tardi per buttarmi (sono frustrata e a disagio).
Hai mai pensato ad un percorso universitario come educatrice professionale? Da quanto ne so, non sono selettivi sull'età
Vecchio 18-05-2018, 09:06   #17
Esperto
L'avatar di Jacksparrow
 

La Vita con questi problemi sulle spalle e' una doppia fatica, e' come condurre una doppia Vita con doppi problemi!!
E come si fa ? Si esauriscono le energie gia' a mezza giornata e quello che ne soffre e' la socialita'.
Quanto ai sogni infranti, probabilmente una vita normale con una famiglia/figli/casetta/cane/lavoro decente.
Vecchio 18-05-2018, 10:31   #18
Esperto
L'avatar di elliot_m
 

Un adulto funzionale e maturo
Vecchio 18-05-2018, 11:35   #19
XL
Esperto
L'avatar di XL
 

Si ha a che fare comunque sempre con dei condizionali controfattuali.
Se mi fossero capitate queste cose, se fossi nato lì, se fossi vissuto nel tal quartiere, se fossi stato alto (e così via)... Allora sarei potuto diventare...

Ma in fin dei conti queste premesse non si sono verificate e se non si sono verificate vuol dire che in questo mondo qua non saremmo potuti essere né più né meno di quel che siamo adesso.

Poi c'è da chiedersi chi siamo e se queste controparti funzionali sarebbero state ancora qualcosa in cui ci riconosciamo.
Non riesco a riconoscermi in una essenza, voglio un'altra vita è vero, ma voglio viverla io, non mi interessa che la viva una controparte di me stesso in cui magari non riesco a rispecchiarmi davvero perché ha avuto un'altra storia.

Chi è che gode di certe cose? Io o questo mio essere alternativo?
In fin dei conti vorrei altro, vorrei essere apprezzato per quel che sono e non per quello che sarei potuto essere.
Mi sento in sintonia con quel che ha scritto JericoRose.

Ultima modifica di XL; 18-05-2018 a 11:56.
Ringraziamenti da
elliot_m (18-05-2018), no-body (18-05-2018), The_Sleeper (18-05-2018)
Vecchio 18-05-2018, 11:54   #20
Banned
 

Quote:
Originariamente inviata da XL Visualizza il messaggio
... questo mondo qua non saremmo potuti essere né più né meno di quel che siamo adesso.
Al di là del mondo circostante a noi e alle condizioni
nostre fisico-materiali forse la domanda ha senso limitatamente al nostro carattere. Cioe' se non fossi stato timido/fobico cosa sarei potuto essere ?
Penso avrei avuto molto piu' successo lavorativo e sentimentale; potevo essere piu' felice invece che triste
e socialmente frustrato.
Rispondi
Strumenti della discussione Cerca in questa discussione
Cerca in questa discussione:

Ricerca avanzata


Discussioni simili a Chi potevate/dovevate diventare?
Discussione Ha iniziato questa discussione Forum Risposte Ultimo messaggio
noi scegliamo chi diventare? ricotta27 SocioFobia Forum Generale 16 28-06-2017 08:55
Diventare ciò che non volevi diventare Ilsaggio Depressione Forum 23 09-06-2016 19:20
diventare crome SocioFobia Forum Generale 2 10-01-2012 19:22
Diventare gay per disperazione voleressere Amore e Amicizia 238 05-11-2011 14:31
Potevate davvero fare senza di me? Disorientato Presentazioni 21 14-01-2011 23:56



Tutti gli orari sono GMT +1. Attualmente sono le 18:09.
Powered by vBulletin versione 3.8.8
Copyright ©: 2000 - 2018, Jelsoft Enterprises Ltd.
Powered by vBadvanced CMPS v3.2.2