FobiaSociale.com  
     

Home Messaggi odierni Registrazione Cerca FAQ Messaggi odierni Segna i forum come letti
 
Vai indietro   FobiaSociale.com > Off Topic > Off Topic Generale > Forum Scuola e Lavoro
Rispondi
 
Vecchio 01-02-2021, 11:56   #1
Esperto
L'avatar di DeadSoul
 

Parallelamente all'altro Topic incentrato sulle relazioni sentimentali io apro questo in materia lavorativa.
Mi riferisco, soprattutto, a chi non ha nessuna esperienza lavorativa, proprio zero, entro quale età è accettabile, nella società comune e nel mondo lavorativo, fare la primissima esperienza lavorativa?
Vecchio 01-02-2021, 12:01   #2
Intermedio
L'avatar di ladyambra
 

Garanzia di sfruttamento giovani è fino ai 30
Vecchio 01-02-2021, 12:02   #3
Esperto
L'avatar di Masterplan92
 

26/27
Vecchio 01-02-2021, 12:27   #4
Esperto
L'avatar di Palmiro
 

Con zero esperienza, si circa 30 anni ma è da fare un discorso un po' più complesso. Intanto il termine "spacciati" , è fuori luogo perché è tardi per diventare quello che si vuole solo quando si è morti , ma se si intende il semplice "cerco lavoro in qualche ditta mandando CV a raffica" forse l'età e la mancanza di esperienza e titolo di studio almeno universitario può essere davvero un problema non da poco . Rimangono aperte ovviamente possibilità anche dopo quell'età e anche senza esperienze particolari alle spalle, ma parliamoci chiaro : è necessario partendo da 0 arrivare a una formazione specialistica paragonabile a quella universitaria ,e iniziare ad accumulare esperienza utile senza guardare tanto allo stipendio i primi tempi , per poi proporsi con un portfolio di progetti già svolti che documentino la reale preparazione del candidato ...in questo l'età può passare in secondo piano , quello che conta è la qualità e il numero dei progetti già svolti .. l'opzione B sono i corsi di formazione per disoccupati , a patto che per tutti i partecipanti sia previsto un tirocinio e si preveda nel programma del corso anche una preparazione linguistica e in campo digitale . Questa forse la strada più percorribile per chi non se la sente di crearsi da solo una professionalità con la strada che ho proposto poco sopra (la formazione autonoma e i progetti ).
Morale di tutto questo : non è del tutto vero che a 30 anni si è spacciati, ma si riducono a una finestra di poche possibilità le potenziali opportunità professionali .
Vecchio 01-02-2021, 13:02   #5
Esperto
 

Dipende , ma credo che se a 30 anni non si ha proprio nessun esperienza si farà fatica a trovare una situazione lavorativa stabile , tramite agenzie si può trovare qualcosa ma dopo bisogna essere fortunati a trovare un lavoro adatto e ben remunerato
Vecchio 01-02-2021, 13:07   #6
Esperto
 

Diciamo che, tra le diverse variabili che si possono considerare, arrivare a 30 senza esperienza e con laurea è meno grave di arrivare a 30 anni senza esperienza e senza laurea, anche se il titolo di studi dovesse c'entrare poco con quello si vuol provare a fare, per il semplice fatto che giustificare un vuoto di tanti anni diventa problematico nel secondo caso. Questo per quanto riguarda lavorare nelle aziende o studi di professionisti avviati. Per mettersi in proprio non c'è un'età limite ma contano molto le capacità sociali e organizzative, oltre che eventualmente quelle tecniche (non sempre così importanti, se per es. ci si apre un'attività commerciale). Non so con certezza come funziona per i lavori con meno requisiti professionali a servizio di un datore di lavoro, ricordo che però verso i 35 anni provai a cercare come cameriere con zero esperienza e qualche risposta possibilista (che poi sfumò per la distanza) la ebbi, come anche una affermativa per lavapiatti.

Ultima modifica di alien boy; 01-02-2021 a 13:11.
Vecchio 01-02-2021, 13:33   #7
Esperto
L'avatar di Edwin
 

Conosco una persona che ha fatto sempre lavoretti fino ai 36 anni, penso si potesse definire spacciata in tal senso in quanto erano dei lavori che aggiungevano ben poco al CV. Ha fatto 6 mesi di corso da informatico e da allora lavora senza alcun problema. Dopo questa cosa son diventato ottimista in merito all'essere spacciati: per me si è sempre in tempo per formarsi in qualcosa
Ringraziamenti da
Delta80 (01-02-2021), Elle_ (04-02-2021), HelterSkelter (01-02-2021)
Vecchio 01-02-2021, 13:49   #8
Esperto
L'avatar di DeadSoul
 

Quote:
Originariamente inviata da Edwin Visualizza il messaggio
Conosco una persona che ha fatto sempre lavoretti fino ai 36 anni, penso si potesse definire spacciata in tal senso in quanto erano dei lavori che aggiungevano ben poco al CV. Ha fatto 6 mesi di corso da informatico e da allora lavora senza alcun problema. Dopo questa cosa son diventato ottimista in merito all'essere spacciati: per me si è sempre in tempo per formarsi in qualcosa
Grazie. Questa esperienza da monito di speranza anche a me.
Vecchio 01-02-2021, 13:53   #9
Esperto
L'avatar di Masterplan92
 

Quote:
Originariamente inviata da Architeuthis- Visualizza il messaggio
Una cosa che per me sarebbe terribile da sopportare è il giudizio altrui, che c'è e non si può far finta non esista.

Mi immagino mia mamma che parla con le sue amiche di sempre che hanno figli e figlie ingegneri, avvocati, economisti ecc.. dire :"ah si, Abelardo alla fine pulisce i vagoni dei treni perchè non è riuscito a trovare una mazza di niente".

Oppure doverlo dire agli amici, dei quali anche i bocciati al liceo o senza laurea hanno lavori decenti e ben remunerati.
Eh..ci penso spesso purtroppo..lo vedo già nel confronto con i miei conoscenti..anche i più asini sono riusciti in qualche modo a realizzarsi
Vecchio 04-02-2021, 11:43   #10
Esperto
L'avatar di DeadSoul
 

Quote:
Originariamente inviata da Architeuthis- Visualizza il messaggio
Ci sono limiti di età per fare l'istruttore di nuoto?
Per diventare istruttore di nuoto ho letto solo che bisogna avere, almeno, 18 anni, non ci sarebbe un'età massima, ovviamente i datori di lavoro preferiranno sempre la persona più giovane, come in qualsiasi altro ambito lavorativo.
Vecchio 04-02-2021, 12:07   #11
Esperto
L'avatar di Teach83
 

Dipende dalla personalità, dalle sperienze fatte e dalla rete sociale di supporto.
Direi che nessuno è proprio spacciato al 100%, però diciamolo: se hai passato i 33 (gli anni di Cristo) ,non sei più un "giovane".
Poi è comunque sempre possible reinventarsi, ma devi avere la testa per farlo...non è che domani ti svegli senza una rete sociale e senza conoscenze e ti dici: " Toh ! Mi invento un lavoro da zero..."

Ultima modifica di Teach83; 04-02-2021 a 12:10.
Vecchio 04-02-2021, 12:43   #12
Esperto
L'avatar di Ezp97
 

Quote:
Originariamente inviata da Edwin Visualizza il messaggio
Conosco una persona che ha fatto sempre lavoretti fino ai 36 anni, penso si potesse definire spacciata in tal senso in quanto erano dei lavori che aggiungevano ben poco al CV. Ha fatto 6 mesi di corso da informatico e da allora lavora senza alcun problema. Dopo questa cosa son diventato ottimista in merito all'essere spacciati: per me si è sempre in tempo per formarsi in qualcosa
Ma era diplomato? Parli di lavoretti in nero o lavoretti che fanno CV con contratto?
Vecchio 04-02-2021, 12:49   #13
Esperto
L'avatar di Ezp97
 

Comunque a me un imprenditore che ha vari ristoranti mi disse - non per criticarmi direttamente- che fino ai 30 anni qualche possibilità si ha, ma passati i 30 anni poi nessuno ti assume più, nessuno assume uno che dai 20 ai 30 anni non ha alcuna esperienza lavorativa che quindi non ha mai lavorato.
Probabilmente uno che è over 35 con zero esperienze è fottuto, probabilmente, per certo e in assoluto in questo ambito mai dire mai.
Vecchio 04-02-2021, 13:14   #14
Esperto
L'avatar di Qwerty
 

Quote:
Originariamente inviata da Architeuthis- Visualizza il messaggio
Poi ci sono sempre quelli in nero tipo badanti, colf, babysitter dove di certo non ti chiedono le referenze ufficiali pregresse ma se si è uomini è dura.
Spesso anche li fanno richieste assurde, oltre che molti vogliono esperienza e referenze, chiedendo anche patente, capacita infermieristiche, capacità culinarie, una per fare badante secondo quelli prima deve aver fatto scuola guida, università da infermiera, corso di cucina ecc.. e oltre questo spesso pretendono anche altre cose che non centrano nulla con lavoro tipo bella presenza, solarità, essere non fumatrici ecc..
Per fortuna non tutti sono così strambi ( quelli o non trovano nessuna o trovano qualche persona disonesta che mente spudoratamente dicendo che ha tutte caratteristiche richieste, se le avesse davvero ambirebbe a lavoro un po migliore, già una che ha patente perché mai dovrebbe lavorare 24 ore su 24? Si fa le sue 8 ore e torna a casa sua con sua machina)
Vecchio 11-02-2021, 00:36   #15
Esperto
L'avatar di Palmiro
 

Quote:
Originariamente inviata da Architeuthis- Visualizza il messaggio
Penso che i lavori più umili in assoluto tipo pulizie dei vagoni dei treni o dei bagni delle stazioni per me anche senza esperienza speranze se ne hanno, tanto nessuno li vuole fare, se prendono uno straniero irregolare possono prendere anche un italiano, o no?

Poi ci sono sempre quelli in nero tipo badanti, colf, babysitter dove di certo non ti chiedono le referenze ufficiali pregresse ma se si è uomini è dura.
Prendono gli stranieri irregolari per una serie di ragioni:

1- vivono con meno e si accontentano di stipendi bassi
2 - non pagano i contributi
3 - non fanno storie sull'orario di lavoro e sui turni
4 - i diritti del lavoratore non sanno cosa siano

Il mercato è una giungla e vale la legge della giungla. Se puoi pagare meno , è preferibile. Questo pensano un po' tutti i datori
Vecchio 11-02-2021, 00:43   #16
Esperto
L'avatar di Palmiro
 

Quote:
Originariamente inviata da Edwin Visualizza il messaggio
Conosco una persona che ha fatto sempre lavoretti fino ai 36 anni, penso si potesse definire spacciata in tal senso in quanto erano dei lavori che aggiungevano ben poco al CV. Ha fatto 6 mesi di corso da informatico e da allora lavora senza alcun problema. Dopo questa cosa son diventato ottimista in merito all'essere spacciati: per me si è sempre in tempo per formarsi in qualcosa
Io ragiono in termini economici

10 anni di disoccupazione costano di più che comprarsi una casa

Non che dipenda sempre dalla persona il rimanere senza lavoro, esiste la crisi certo (ora più che mai )

Però iniziare un lavoro stabile a 36 anni avendone avuto la possibilità prima (non parliamo né di un avvocato, né di un medico o un altro professionista che ha dovuto studiare e specializzarsi per anni ) vuol dire almeno 15 anni di contributi non versati (nemmeno in fondi pensione integrativi visto che probabilmente l'INPS salterà tra non molto tempo) e tolto il tempo necessario per formarsi, più di 10 anni di mancati stipendi

Sono perdite economiche anche queste

Però sempre meglio tardi che non trovarlo mai, sicuramente

I corsi in ambito IT comunque , lo dico e lo ripeterò fino alla morte, sono un investimento sicuro

Ultima modifica di Palmiro; 11-02-2021 a 00:46.
Vecchio 31-03-2021, 19:02   #17
Esperto
 

Dipende dal titolo di studio : se ti sei diplomato con 100 e hai un diploma tecnico, hai una laurea anche solo triennale, potresti essere chiamato come assistente tecnico anche a 40 o più anni per la prima volta.
Vecchio 31-03-2021, 19:05   #18
Esperto
 

Quote:
Originariamente inviata da Palmiro Visualizza il messaggio
Io ragiono in termini economici

10 anni di disoccupazione costano di più che comprarsi una casa

Non che dipenda sempre dalla persona il rimanere senza lavoro, esiste la crisi certo (ora più che mai )

Però iniziare un lavoro stabile a 36 anni avendone avuto la possibilità prima (non parliamo né di un avvocato, né di un medico o un altro professionista che ha dovuto studiare e specializzarsi per anni ) vuol dire almeno 15 anni di contributi non versati (nemmeno in fondi pensione integrativi visto che probabilmente l'INPS salterà tra non molto tempo) e tolto il tempo necessario per formarsi, più di 10 anni di mancati stipendi

Sono perdite economiche anche queste

Però sempre meglio tardi che non trovarlo mai, sicuramente

I corsi in ambito IT comunque , lo dico e lo ripeterò fino alla morte, sono un investimento sicuro
Vero anche quello, ma bisogna arrivarci all'età della pensione, non è scontato.
Vecchio 31-03-2021, 20:36   #19
Esperto
L'avatar di NatoMorto
 

Io che ho praticamente sempre lavorato e che quindi conosco abbastanza bene l ambiente garantisco che se inizi a lavorare a 35 anni pensano subito che o sei stato in galera o sei da manicomio...a 30 invece potrebbero pensare all università
Vecchio 31-03-2021, 22:09   #20
Intermedio
 

Quote:
Originariamente inviata da NatoMorto Visualizza il messaggio
Io che ho praticamente sempre lavorato e che quindi conosco abbastanza bene l ambiente garantisco che se inizi a lavorare a 35 anni pensano subito che o sei stato in galera o sei da manicomio...a 30 invece potrebbero pensare all università
già. Quindi quelli in tali condizioni cosa dovrebbero dire?
Rispondi
Strumenti della discussione Cerca in questa discussione
Cerca in questa discussione:

Ricerca avanzata


Discussioni simili a A che età ci si può definire spacciati in ambito lavorativo?
Discussione Ha iniziato questa discussione Forum Risposte Ultimo messaggio
A che età ci si può definire spacciati? Tia99 Amore e Amicizia 179 21-03-2021 15:23
Una domanda da porvi in ambito lavorativo. DeadSoul Forum Scuola e Lavoro 41 27-07-2020 19:33
Soddisfazione in ambito lavorativo. Mik80 SocioFobia Forum Generale 17 28-08-2018 22:39
spacciati goodenough Depressione Forum 94 23-07-2016 21:36
difficolta in ambito lavorativo e di studio xehanort Timidezza Forum 15 20-11-2006 22:35



Tutti gli orari sono GMT +1. Attualmente sono le 19:34.
Powered by vBulletin versione 3.8.8
Copyright ©: 2000 - 2021, Jelsoft Enterprises Ltd.
Powered by vBadvanced CMPS v3.2.2