FobiaSociale.com  
     

Home Messaggi odierni Registrazione Cerca FAQ Messaggi odierni Segna i forum come letti
 
Vai indietro   FobiaSociale.com > Off Topic > Off Topic Generale
Rispondi
 
Vecchio 17-04-2018, 20:53   #1
Esperto
L'avatar di lifeisnow
 

A me non piace vivere, non capisco se è per via dei miei presunti disturbi o se per un intuizione filosofica.
Le poche volte che mi sono trovato a lavorare lasciavo trasparire il disagio di essere chiuso in quei posti e me l'hanno pure fatto notare, si vede che non ci voglio stare.
Come si fa ad accettare la vita? Io mi sento finito, e non ho ancora iniziato, mi sa che dovrò prendere psicofarmaci a vita per sopportare, ammesso che funzionino
Ringraziamenti da
Garrus (18-04-2018), Masterplan92 (18-04-2018), navigoavista (18-04-2018), Vale90 (18-04-2018), XL (18-04-2018)
Vecchio 17-04-2018, 21:34   #2
Esperto
L'avatar di M.me Adelaide
 

È davvero deprimente quando realizzi che non avrai mai nulla e di fatto quindi vivi per lavorare. Non perché il lavoro ti appassiona, ma perché non fai altro nella vita e quindi si riduce tutto a quello.
Vecchio 17-04-2018, 21:34   #3
Esperto
L'avatar di DownwardSpiral2
 

Ascolta Metal Carter. E' l'unica soluzione.
Ringraziamenti da
E. Scrooge (18-04-2018), Hor (18-04-2018), novacaine (18-04-2018)
Vecchio 17-04-2018, 21:54   #4
Esperto
L'avatar di Qwerty
 

Lavoro di solito non è piacevole, ma bisogna vederlo per ciò che è per riuscire sopportarlo: cioè il sacrificio necessario per avere soldi in cambio ( per niente non danno niente, quindi sacrificio è necessario). Un po quando vuoi la pizza, per averla devi pagarla, i soldi li paghi con lavoro.
Ringraziamenti da
Jacksparrow (18-04-2018)
Vecchio 17-04-2018, 21:56   #5
Esperto
L'avatar di M.me Adelaide
 

Quote:
Originariamente inviata da Qwerty Visualizza il messaggio
Lavoro di solito non è piacevole, ma bisogna vederlo per ciò che è per riuscire sopportarlo: cioè il sacrificio necessario per avere soldi in cambio ( per niente non danno niente, quindi sacrificio è necessario). Un po quando vuoi la pizza, per averla devi pagarla, i soldi li paghi con lavoro.
Il problema non è il lavoro. Il problema è che poi sti soldi magari ti servono solo a vegetare sul letto tutto il resto del giorno. Avrebbe senso se poi con quei soldi vivi qualcosa che ti dà anche un minimo di piacere/soddisfazione. Ma senza di quello c'è poco da fare.
Ringraziamenti da
Doubleman (18-04-2018), E. Scrooge (18-04-2018), Gp6991 (17-04-2018), Masterplan92 (18-04-2018), Tobia Asociale (18-04-2018), Vale90 (18-04-2018), XL (18-04-2018)
Vecchio 18-04-2018, 06:12   #6
Intermedio
L'avatar di E. Scrooge
 

Io prego nel Dio automazione e nella nascita di un movimento politico tipo il vecchio "fronte dell'ozio" di Giovanni Battista Marini:


Discorsone --> https://www.youtube.com/watch?v=inoZ2naOwc4

Ultima modifica di E. Scrooge; 18-04-2018 a 07:26.
Ringraziamenti da
lifeisnow (18-04-2018), navigoavista (18-04-2018)
Vecchio 18-04-2018, 07:28   #7
Esperto
 

Quote:
Originariamente inviata da M.me Adelaide Visualizza il messaggio
È davvero deprimente quando realizzi che non avrai mai nulla e di fatto quindi vivi per lavorare. Non perché il lavoro ti appassiona, ma perché non fai altro nella vita e quindi si riduce tutto a quello.
deve essere quello, alla fine lavorano senza troppo lamentarsi i normaloni estroversi che il tempo libero sanno goderselo molto di piu'... vedo una tendenza qui a dire "oddio il lavoro, tutte quelle ore li' chiuso"... ma per stare chiusi in casa fissando il muro o scrivere sul forum quanto si e' depressi e ci si annoi, non pare venga perso chissa' che... e poi- giusto un dettaglio - si e' pagati... secondo me tutto sta nel trovar piacere in piccole cose egoistiche che ci si puo' permettere, piccoli sfizi... per non sentirsi totalmente egoisti si puo' poi esser gentili o d'aiuto ad altri o elemosina o devolvere qualche soldo a cause o volontariato se ancora energie
e' bello avere soldini (anche se pochi) che si posson decidere come impiegare (per se' o altri) soprattutto se uno e' abituato a non averne e essere totalmente in balia della clemenza e decisioni altrui e magari dovendo rinunciare al non stretto necessario


comunque in risposta al titolo si' se si parte con l'idea edonistica "siam qui, nella vita, per godere, la vita e' fatta per provar piacere vivendola" si resta delusi

Ultima modifica di ila82; 18-04-2018 a 08:08.
Vecchio 18-04-2018, 08:46   #8
Avanzato
L'avatar di honey honey
 

anche io ho "paura" del lavoro.
per carità, nella vita ho lavorato parecchi anni, ma ho sempre cercato lavori dinamici o che permettessero molta autonomia nella gestione dei tempi e degli obiettivi.

purtroppo è difficile trovare lavori così ma ci sto comunque provando. cerco di fare di tutto per non essere costretto ad accettare che il lavoro sia il classico 8-10h nell'ufficio o negozio di turno... e se deve esserlo, cerco il contesto migliore possibile.
Vecchio 18-04-2018, 08:55   #9
Esperto
L'avatar di lifeisnow
 

Quote:
Originariamente inviata da ila82 Visualizza il messaggio
deve essere quello, alla fine lavorano senza troppo lamentarsi i normaloni estroversi che il tempo libero sanno goderselo molto di piu'... vedo una tendenza qui a dire "oddio il lavoro, tutte quelle ore li' chiuso"... ma per stare chiusi in casa fissando il muro o scrivere sul forum quanto si e' depressi e ci si annoi, non pare venga perso chissa' che... e poi- giusto un dettaglio - si e' pagati... secondo me tutto sta nel trovar piacere in piccole cose egoistiche che ci si puo' permettere, piccoli sfizi... per non sentirsi totalmente egoisti si puo' poi esser gentili o d'aiuto ad altri o elemosina o devolvere qualche soldo a cause o volontariato se ancora energie
e' bello avere soldini (anche se pochi) che si posson decidere come impiegare (per se' o altri) soprattutto se uno e' abituato a non averne e essere totalmente in balia della clemenza e decisioni altrui e magari dovendo rinunciare al non stretto necessario


comunque in risposta al titolo si' se si parte con l'idea edonistica "siam qui, nella vita, per godere, la vita e' fatta per provar piacere vivendola" si resta delusi
Magari si è depressi perché si è bloccati e quando si prova a fare qualcosa si sta peggio,non avere il coraggio di affrontare la realtà, è una trappola, se stai a casa ti senti inutile ma hai paura di fare qualsiasi cosa
Vecchio 18-04-2018, 09:39   #10
Esperto
L'avatar di redone
 

Quote:
Originariamente inviata da M.me Adelaide Visualizza il messaggio
È davvero deprimente quando realizzi che non avrai mai nulla e di fatto quindi vivi per lavorare. Non perché il lavoro ti appassiona, ma perché non fai altro nella vita e quindi si riduce tutto a quello.
La penso come te,io il mio lo odio vorrei trovarne un'altro ma a 35 anni chi mi piglia,purtroppo è anche l'unico motivo che ho per uscire di casa,per il resto niente
Vecchio 18-04-2018, 09:39   #11
Esperto
L'avatar di Jacksparrow
 

Quote:
Originariamente inviata da M.me Adelaide Visualizza il messaggio
Il problema non è il lavoro. Il problema è che poi sti soldi magari ti servono solo a vegetare sul letto tutto il resto del giorno. Avrebbe senso se poi con quei soldi vivi qualcosa che ti dà anche un minimo di piacere/soddisfazione. Ma senza di quello c'è poco da fare.
Senza soldi a letto è ancora peggio.
Vecchio 18-04-2018, 12:09   #12
Esperto
L'avatar di Vale90
 

Penso che se fossimo solo noi sociofobici al mondo si lavorerebbe molto meno e saremmo molti meno sul pianeta quindi ci sarebbero molti meno problemi. Se pensate a quanti lavori inutili ci sono perché si hanno esigenze inutili. Gente come me farebbe sparire una marea di settori.
Siamo il futuro!
Ringraziamenti da
DownwardSpiral2 (18-04-2018), lifeisnow (18-04-2018)
Vecchio 18-04-2018, 12:30   #13
Intermedio
L'avatar di Nagato
 

Siamo obbligati a vivere in questo modo per volere di altri, purtroppo anche io mi sento soffocare a lavorare 9 o più ore al giorno.. Non so come arriverò a 30-40 anni in questo modo senza avere un motivo un qualcosa o qualcuno per cui valga la pena soffrire così tanto

Ultima modifica di Nagato; 18-04-2018 a 12:33.
Vecchio 18-04-2018, 12:31   #14
Intermedio
L'avatar di Nagato
 

.
Vecchio 18-04-2018, 12:41   #15
Esperto
L'avatar di varykino
 

Quote:
Originariamente inviata da M.me Adelaide Visualizza il messaggio
Il problema non è il lavoro. Il problema è che poi sti soldi magari ti servono solo a vegetare sul letto tutto il resto del giorno. Avrebbe senso se poi con quei soldi vivi qualcosa che ti dà anche un minimo di piacere/soddisfazione. Ma senza di quello c'è poco da fare.
il fatto è che da mangiare nn è scontato , anche se secondo me dovrebbe esserlo ma vabbè .... nel senso volendo c è la soddisfazione di essersi procurati da magnà e beve , nn sarà tanto ok ,però oh che devi fa?
Vecchio 18-04-2018, 13:22   #16
Esperto
L'avatar di M.me Adelaide
 

Quote:
Originariamente inviata da Jacksparrow Visualizza il messaggio
Senza soldi a letto è ancora peggio.
Sicuramente.
Sotto terra invece c'è un netto miglioramento.
Vecchio 18-04-2018, 18:06   #17
Esperto
L'avatar di Svalvolato
 

La "dignità" del lavoro è una delle più grandi cazzate che ci hanno propinato anche perché, soprattutto negli ultimi anni, non c'è nulla di dignitoso nel mondo del lavoro attuale. Ci hanno poi fatto bere la storiella della "carriera", altra cagata che viene inseguita fino a ritrovarsi, nella maggior parte dei casi, a 40 anni ancora con contratti scrausi, in posti di lavoro demprimenti, senza futuro e col passato bruciato.

Si lavora perché si deve, perché il sistema economico è strutturato così, almeno fino ad oggi.
Ovviamente il lavoro può anche piacere, ma in quel caso diventa più una passione che una mansione da svolgere; quest'ultima, nel 99%, è solo una rottura di palle.

Ultima modifica di Svalvolato; 18-04-2018 a 18:10.
Vecchio 18-04-2018, 18:13   #18
Esperto
L'avatar di Headache94
 

Lavorare fa schifo,ma a meno che tu sia una sorta di schiavo arriva sempre il tempo libero,per sopportare la vita è fondamentale
Vecchio 18-04-2018, 18:17   #19
Esperto
L'avatar di lifeisnow
 

Quote:
Originariamente inviata da Svalvolato Visualizza il messaggio
La "dignità" del lavoro è una delle più grandi cazzate che ci hanno propinato anche perché, soprattutto negli ultimi anni, non c'è nulla di dignitoso nel mondo del lavoro attuale. Ci hanno poi fatto bere la storiella della "carriera", altra cagata che viene inseguita fino a ritrovarsi, nella maggior parte dei casi, a 40 anni ancora con contratti scrausi, in posti di lavoro demprimenti, senza futuro e col passato bruciato.

Si lavora perché si deve, perché il sistema economico è strutturato così, almeno fino ad oggi.
Ovviamente il lavoro può anche piacere, ma in quel caso diventa più una passione che una mansione da svolgere; quest'ultima, nel 99%, è solo una rottura di palle.
La dignità del lavoro mentre loro ci guardano dall'alto contando i soldi
Vecchio 18-04-2018, 18:27   #20
Esperto
L'avatar di Svalvolato
 

Quote:
Originariamente inviata da E. Scrooge Visualizza il messaggio
Io prego nel Dio automazione e nella nascita di un movimento politico tipo il vecchio "fronte dell'ozio" di Giovanni Battista Marini:


Discorsone --> https://www.youtube.com/watch?v=inoZ2naOwc4
Già oggi, con software appositi e meno burocrazia, una marea di lavori potrebbero essere cancellati o comunque fortemente ridotti. Pensiamo a tutti quelli da "intermediari" (commercialisti, avvocati, notai, consulenti finanziari), che potrebbero essere sostituiti in buona parte da programmi appositi. Ovviamente c'è tutta la questione di che lavoro farà questa gente se sarà senza occupazione, ma non è creandone artificialmente di inutile che risolvi il problema; invece che progredire si torna indietro. Pensiamo solo alle nuove carte di identità elettroniche che richiedono il doppio del tempo di prima, con gente (vedi Torino) in coda dalle 4 di mattina all'anagrafe, e a dover prendere appuntamento 2 mesi prima. Roba da 1918, non 2018.
Ringraziamenti da
E. Scrooge (18-04-2018)
Rispondi
Strumenti della discussione Cerca in questa discussione
Cerca in questa discussione:

Ricerca avanzata


Discussioni simili a Rifiuto per la vita=non accettare che la vita è lavoro
Discussione Ha iniziato questa discussione Forum Risposte Ultimo messaggio
Oppurtunità di lavoro e vita Ogard SocioFobia Forum Generale 18 21-06-2017 22:30
Lavoro o vita privata? claire Off Topic Generale 61 23-11-2016 10:44
Quali benefici per la vita di coppia dal lavoro? unofficialnick Forum Scuola e Lavoro 12 22-05-2016 09:12
lavoro e vita sociale Giacomo79 SocioFobia Forum Generale 43 05-11-2013 00:03
Cambio di vita e..(AKA come rifiuto inviti continui però di una vita vuota e persa?) Martello Depressione Forum 2 04-11-2012 04:15



Tutti gli orari sono GMT +1. Attualmente sono le 07:55.
Powered by vBulletin versione 3.8.8
Copyright ©: 2000 - 2018, Jelsoft Enterprises Ltd.
Powered by vBadvanced CMPS v3.2.2