FobiaSociale.com

FobiaSociale.com (https://fobiasociale.com/)
-   Off Topic Generale (https://fobiasociale.com/off-topic-generale/)
-   -   Le conversazioni, oh che belle (https://fobiasociale.com/le-conversazioni-oh-che-belle-68515/)

PensieriRandagi 12-08-2019 14:32

Le conversazioni, oh che belle
 
Nel corso della mia più che trentennale esistenza sopra questo granello di polvere sospeso nello spazio, ho notato una cosa:

quando le persone parlano, che sia dentro un forum o nel bar sotto casa, nel 90% dei casi vogliono solo sentir confermate le certezze che nutrono dentro di sé (che siano sballate o meno non importa)

non esiste proprio che quelle certezze vengano messe in discussione, se provi a introdurre un punto di vista diverso, senza la pretesa di negare il loro, ma solo per appunto arricchire il discorso, quel punto di vista viene ignorato o viene visto come una sorta di sfida nella quale deve esserci per forza un vincitore e un vinto

praticamente è quasi del tutto inutile parlare perché tanto quasi nessuno è disposto a cambiare idea, o anche accettare che ne esista una diversa e non per questo meno valida, ammettere che sì magari esiste altro oltre la propria minuscola certezza elevata a Legge Universale

Voi che ne pensate?

zoe666 12-08-2019 14:34

Re: Le conversazioni, oh che belle
 
Verificare che quel che si crede a volte è totalmente campato per aria è terrorizzante.
Ci pensavo l'altro giorno e penso che a livello psicologico aprirsi ai dubbi e far entrare l'altro con i suoi ( senza sbeffeggiarlo, criticarlo e dileggiarlo ) sia una delle cose più difficili da attuare.

Darby Crash 12-08-2019 14:42

Re: Le conversazioni, oh che belle
 
Quote:

Originariamente inviata da PensieriRandagi (Messaggio 2322344)
Nel corso della mia più che trentennale esistenza sopra questo granello di polvere sospeso nello spazio, ho notato una cosa:

quando le persone parlano, che sia dentro un forum o nel bar sotto casa, nel 90% dei casi vogliono solo sentir confermate le certezze che nutrono dentro di sé (che siano sballate o meno non importa)

non esiste proprio che quelle certezze vengano messe in discussione, se provi a introdurre un punto di vista diverso, senza la pretesa di negare il loro, ma solo per appunto arricchire il discorso, quel punto di vista viene ignorato o viene visto come una sorta di sfida nella quale deve esserci per forza un vincitore e un vinto

praticamente è quasi del tutto inutile parlare perché tanto quasi nessuno è disposto a cambiare idea, o anche accettare che ne esista una diversa e non per questo meno valida, ammettere che sì magari esiste altro oltre la propria minuscola certezza elevata a Legge Universale

Voi che ne pensate?

90% è veramente troppo

PensieriRandagi 12-08-2019 14:43

Re: Le conversazioni, oh che belle
 
Quote:

Originariamente inviata da zoe666 (Messaggio 2322350)
Verificare che quel che si crede a volte è totalmente campato per aria è terrorizzante.
Ci pensavo l'altro giorno e penso che a livello psicologico aprirsi ai dubbi e far entrare l'altro con i suoi ( senza sbeffeggiarlo, criticarlo e dileggiarlo ) sia una delle cose più difficili da attuare.

nurtrire certezze ci fa sentire al sicuro
nutrire dubbi in balia del caos della molteplicità dell'esistenza

spesso i dubbi vengono visti solo in maniere negativa, dimenticando invece il grande potenziale positivo che aiuta a mettere in discussione, approfondire, insomma senza il dubbio secondo me non può esserci evoluzione né crescita

ovviamente il dubbio va nutrito prima di tutto nei confronti delle proprie certezze perché se usi tale metro solo nei confronti degli altri si ricade nel circolo vizioso

PensieriRandagi 12-08-2019 14:45

Re: Le conversazioni, oh che belle
 
Quote:

Originariamente inviata da Darby Crash
90% è veramente troppo

secondo me no, anzi sono stato anche troppo generoso, ma ovviamente è il mio punto di vista, tu a quanti abbasseresti la percentuale?

che poi 90, 75, alla fine il succo del discorso non cambia

Darby Crash 12-08-2019 14:51

Re: Le conversazioni, oh che belle
 
Quote:

Originariamente inviata da PensieriRandagi (Messaggio 2322371)
secondo me no, anzi sono stato anche troppo generoso, ma ovviamente è il mio punto di vista, tu a quanti abbasseresti la percentuale?

che poi 90, 75, alla fine il succo del discorso non cambia

considera che buona parte delle conversazioni non ruota attorno a certezze o a opinioni che si possono mettere in discussione: ordinare la cena a ristorante, comprare un caffè, raccontare a un amico cosa hai fatto durante la mattina, chiedere alla madre cosa c'è da mangiare, parlare con un compagno di università dei prossimi esami… potrei fare tantissimi altri esempi.

Se invece una persona ti chiede: "cosa ne pensi della crisi di governo?" beh, a quel punto la situazione rientra nel caso di cui parli tu


Per quanto riguarda i casi di cui parli tu, se si ha buona dialettica e si riesce a convincere gli altri delle proprie idee, può essere parecchio piacevole

SenzaCielo 12-08-2019 14:55

Re: Le conversazioni, oh che belle
 
Quote:

Originariamente inviata da zoe666 (Messaggio 2322350)
Verificare che quel che si crede a volte è totalmente campato per aria è terrorizzante.
Ci pensavo l'altro giorno e penso che a livello psicologico aprirsi ai dubbi e far entrare l'altro con i suoi ( senza sbeffeggiarlo, criticarlo e dileggiarlo ) sia una delle cose più difficili da attuare.

Verissimo.. io tendo ad andarci piano, so che se si affrontano certi argomenti potrei prenderla malissimo. Tendo a parlare del più e del meno..

PensieriRandagi 12-08-2019 14:59

Re: Le conversazioni, oh che belle
 
Quote:

Originariamente inviata da Darby Crash (Messaggio 2322381)
considera che buona parte delle conversazioni non ruota attorno a certezze o a opinioni che si possono mettere in discussione: ordinare la cena a ristorante, comprare un caffè, raccontare a un amico cosa hai fatto durante la mattina, chiedere alla madre cosa c'è da mangiare, parlare con un compagno di università dei prossimi esami… potrei fare tantissimi altri esempi.

Se invece una persona ti chiede: "cosa ne pensi della crisi di governo?" beh, a quel punto la situazione rientra nel caso di cui parli tu


Per quanto riguarda i casi di cui parli tu, se si ha buona dialettica e si riesce a convincere gli altri delle proprie idee, può essere parecchio piacevole

quelle sono le conversazioni automatiche, formali, che tengono in piedi i rapporti tra gli atomi-ruoli del sistema sociale e giustamente non c'è nulla da mettere in discussione, sono come oggetti prodotti in serie in una catena di montaggio :D

la questione invece del può essere piacevole convincere con la dialettica mi ha ricordato qualcosa che studiavo: ai tempi dell'antica grecia (poi tale pratica si è diffusa anche a roma visto che anche se conquistammo la grecia con le armi essa conquistò noi con la cultura) i filosofi si esercitavao a parlare in pubblico in questo modo: si piazzavano lì e tentavano di convincere la folla di qualcosa, poi andavano via, lasciando passare del tempo e ritornavano per convicere la folla dell'opinione opposta :D

SamueleMitomane 12-08-2019 15:19

Re: Le conversazioni, oh che belle
 
Difficile fare una percentuale del numero di conversazioni vuote, ci sono troppe variabili se consideriamo tutta l'Italia o oltre. Comunque anche io penso che il 90% sia troppo. Penso che già il 50% si sentirebbe eccome.

SamueleMitomane 12-08-2019 15:29

Re: Le conversazioni, oh che belle
 
Ce l'ho anche io la caratteristica di difendere la mia opinione, anche perché spesso non la espongo bene e vengo frainteso, però non la sento una sconfitta mortificante (un po' di senso di sconfitta si prova sempre perché è tipo biologico, forse da questo deriva l'atteggiamento troppo difensivo e aggressivo, si vuole evitare quella sensazione) quando mi accorgo che ho torto e cambio opinione o punto di vista. Anche perché la maggior parte delle volte (non sempre, sia chiaro :sisi:) sono innocuo nelle affermazioni.

PensieriRandagi 12-08-2019 15:36

Re: Le conversazioni, oh che belle
 
Quote:

Originariamente inviata da SamueleMitomane (Messaggio 2322417)
Ce l'ho anche io la caratteristica di difendere la mia opinione, anche perché spesso non la espongo bene e vengo frainteso, però non la sento una sconfitta mortificante (un po' di senso di sconfitta si prova sempre perché è tipo biologico, forse da questo deriva l'atteggiamento troppo difensivo e aggressivo, si vuole evitare quella sensazione) quando mi accorgo che ho torto e cambio opinione o punto di vista. Anche perché la maggior parte delle volte (non sempre, sia chiaro :sisi:) sono innocuo nelle affermazioni.

: D

PensieriRandagi 12-08-2019 15:45

Re: Le conversazioni, oh che belle
 
Quote:

Originariamente inviata da SenzaCielo
Verissimo.. io tendo ad andarci piano, so che se si affrontano certi argomenti potrei prenderla malissimo. Tendo a parlare del più e del meno..

capisco, cosa vuoi dire, ma alla lunga non ti fa passare la voglia di parlare? Non ti annoia? Non ti sembrano conversazioni del tutto superflue, prive di qualsiasi stimolo, che si ripetono sempre uguali?

SenzaCielo 12-08-2019 15:48

Re: Le conversazioni, oh che belle
 
Quote:

Originariamente inviata da PensieriRandagi (Messaggio 2322430)
capisco, cosa vuoi dire, ma alla lunga non ti fa passare la voglia di parlare? Non ti annoia? Non ti sembrano conversazioni del tutto superflue, prive di qualsiasi stimolo, che si ripetono sempre uguali?

Già..infatti evito il contatto con la gente, anche per questo motivo.. non che sia giusto. Non riesco proprio ad accettare la realtà degli altri.

PensieriRandagi 12-08-2019 15:54

Re: Le conversazioni, oh che belle
 
Quote:

Originariamente inviata da SenzaCielo (Messaggio 2322432)
Già..infatti evito il contatto con la gente, anche per questo motivo.. non che sia giusto. Non riesco proprio ad accettare la realtà degli altri.

Io non penso che si tratti di giusto o sbagliato, ma di ciò che ci fa stare bene e di ciò che ci fa stare male. L'importante è non sentirsi in colpa, in difetto, e magari tentare di contrastere le nostre "paure" quando troviamo una persona che ci sembra più adatta a incastrarsi con i nostri pezzetti del tetris.

Ad esempio Sartre scrisse: l'inferno sono gli altri. Ora non so se lui offrisse di fobia sociale o altro ma di certo fu uno dei filosofi-intellettuali più importanti della sua epoca.

: D

SenzaCielo 12-08-2019 15:58

Re: Le conversazioni, oh che belle
 
Quote:

Originariamente inviata da PensieriRandagi (Messaggio 2322438)
Io non penso che si tratti di giusto o sbagliato, ma di ciò che ci fa stare bene e di ciò che ci fa stare male. L'importante è non sentirsi in colpa, in difetto, e magari tentare di contrastere le nostre "paure" quando troviamo una persona che ci sembra più adatta a incastrarsi con i nostri pezzetti del tetris.

Ad esempio Sartre scrisse: l'inferno sono gli altri. Ora non so se lui offrisse di fobia sociale o altro ma di certo fu uno dei filosofi-intellettuali più importanti della sua epoca.

: D

È un argomento spinoso. Io ho allontanato certe persone perche mi stavano letteralmente avvelenando. Sono molto vulnerabile, è un mio problema. Però cerco di mantenere un atteggiamento di apertura. Certo, se mi capitassero le persone giuste.. potrei tentare di avere un dialogo.

PensieriRandagi 12-08-2019 16:01

Re: Le conversazioni, oh che belle
 
Quote:

Originariamente inviata da SenzaCielo (Messaggio 2322439)
È un argomento spinoso. Io ho allontanato certe persone perche mi stavano letteralmente avvelenando. Sono molto vulnerabile, è un mio problema. Però cerco di mantenere un atteggiamento di apertura. Certo, se mi capitassero le persone giuste.. potrei tentare di avere un dialogo.

Ti auguro buona fortuna, meritiamo tutti qualcosa di buono in questa valle di lacrime chiamata esistenza!

:broccolo:

SenzaCielo 12-08-2019 16:54

Re: Le conversazioni, oh che belle
 
Quote:

Originariamente inviata da PensieriRandagi (Messaggio 2322444)
Ti auguro buona fortuna, meritiamo tutti qualcosa di buono in questa valle di lacrime chiamata esistenza!

:broccolo:

Grazie! :) Ricambio! :D

Hor 12-08-2019 16:57

Re: Le conversazioni, oh che belle
 
Quote:

Originariamente inviata da PensieriRandagi (Messaggio 2322344)
quando le persone parlano, che sia dentro un forum o nel bar sotto casa, nel 90% dei casi vogliono solo sentir confermate le certezze che nutrono dentro di sé (che siano sballate o meno non importa)

Se fosse davvero così non ci sarebbero mai cambiamenti di idee a livello collettivo, e invece la Storia mostra che non è vero.
Almeno, a me sembra così.
Abbasserei quindi la percentuale da te riportata.

PensieriRandagi 12-08-2019 19:04

Re: Le conversazioni, oh che belle
 
Quote:

Originariamente inviata da Hor (Messaggio 2322485)
Se fosse davvero così non ci sarebbero mai cambiamenti di idee a livello collettivo, e invece la Storia mostra che non è vero.
Almeno, a me sembra così.
Abbasserei quindi la percentuale da te riportata.

oh gran bella riflessione, mi piace molto, apre anche un'altra considerazione:

il progresso-evoluzione della specia umana, astistico scientifico filosofico etico morale, è avvenuto grazie a poche persone o cerchie di persone che stavano avanti e/o avevano qualità fuori dalla media (le cosiddette elites, parola odiosa) o è qualcosa che è avvenuto grazie alla collettività nel suo insieme, o entrambe le cose?

Joseph 12-08-2019 22:35

Re: Le conversazioni, oh che belle
 
Quasi tutti i discorsi dell'80-90% delle persone sono riflessi, produzione più del sistema nervoso periferico che di quello centrale. È più fisiologia che ragionamento, forze della natura che sottostanno a leggi fisiche.


Tutti gli orari sono GMT +1. Attualmente sono le 01:34.

Powered by vBulletin versione 3.8.8
Copyright ©: 2000 - 2019, Jelsoft Enterprises Ltd.