FobiaSociale.com

FobiaSociale.com (https://fobiasociale.com/)
-   SocioFobia Forum Generale (https://fobiasociale.com/sociofobia-forum-generale/)
-   -   La semplicità dei normali (https://fobiasociale.com/la-semplicita-dei-normali-67109/)

syd_77 28-03-2019 20:25

La semplicità dei normali
 
Sfogo:
E' per me sconvolgente notare come i normali estroversi riescano ad essere semplici, schematici, e a volte purtroppo anche superficiali e banali.
Non hanno bisogno di pensare quando devono parlare. Vanno a ruota libera. Non si preoccupano se sono indiscreti, invadenti, vanno avanti a oltranza che neanche Dio li ferma.

In verità li disprezzo, anche il loro parlare veloce e secco mi indispone, li reputo robotici, però da una parte mi piace la loro velocità d'azione. Non essendo cervellotici come me o altri qui riescono a collegare il pensiero all'azione in modo istantaneo.
Avendo un pensiero convenzionale fanno scelte convenzionali e quindi sbagliano poco.

Non voglio essere come sono, ma non voglio neanche essere come loro.
Non mi piace la gente semplice, mi indispone, non li ritengo idioti, perché alla fine sono più idiota io, però mi danno fastidio lo stesso!

cancellato20535 28-03-2019 20:35

Re: La semplicità dei normali
 
Quote:

Originariamente inviata da syd_77 (Messaggio 2243105)
Non hanno bisogno di pensare quando devono parlare.

Sicuro?

incompresa88 28-03-2019 21:18

Re: La semplicità dei normali
 
Li disprezzo profondamente. Parlano a ruota libera, hanno la faccia come il culo, sono maleducati e si credono simpatici. A me fanno solo pena.

Baby Lemonade 28-03-2019 21:33

Re: La semplicità dei normali
 
Quote:

Originariamente inviata da syd_77 (Messaggio 2243105)
In verità li disprezzo, anche il loro parlare veloce e secco mi indispone, li reputo robotici, però da una parte mi piace la loro velocità d'azione. Non essendo cervellotici come me o altri qui riescono a collegare il pensiero all'azione in modo istantaneo.
Avendo un pensiero convenzionale fanno scelte convenzionali e quindi sbagliano poco.

Sì, e solitamente dicono un sacco di minchiate :D

syd_77 28-03-2019 22:04

Re: La semplicità dei normali
 
Quote:

Originariamente inviata da 834J01(3 (Messaggio 2243110)
Sicuro?

non lo so, non posso entrare nella loro mente, ma da come parlano sembra che vadano in automatico.. o magari hanno una estrema rapidità di pensiero, cosa che dubito.

Green Tea 28-03-2019 22:15

Re: La semplicità dei normali
 
Normali estroversi è una categoria molto specifica.

Ho a che fare con almeno un ragazzo che rivedo in ciò che scrivi, e mi fa incazzare molto facilmente per il suo modo di fare, ma sbaglia di continuo proprio a causa di quel modo di fare. Sopratutto a livello di comunicazione, buon per lui che fatica a notarlo e vive (apparentemente) tranquillo.
Toglierei questa parte:
"Avendo un pensiero convenzionale fanno scelte convenzionali e quindi sbagliano poco.".

Masterplan92 28-03-2019 22:20

Re: La semplicità dei normali
 
Ma si l importante è dare aria alla bocca in continuazione..poi se dici stronzate è secondario

Myway 28-03-2019 22:36

Re: La semplicità dei normali
 
Quote:

Originariamente inviata da syd_77 (Messaggio 2243105)
Sfogo:
E' per me sconvolgente notare come i normali estroversi riescano ad essere semplici, schematici, e a volte purtroppo anche superficiali e banali.
Non hanno bisogno di pensare quando devono parlare. Vanno a ruota libera. Non si preoccupano se sono indiscreti, invadenti, vanno avanti a oltranza che neanche Dio li ferma.

In verità li disprezzo, anche il loro parlare veloce e secco mi indispone, li reputo robotici, però da una parte mi piace la loro velocità d'azione. Non essendo cervellotici come me o altri qui riescono a collegare il pensiero all'azione in modo istantaneo.
Avendo un pensiero convenzionale fanno scelte convenzionali e quindi sbagliano poco.

Non voglio essere come sono, ma non voglio neanche essere come loro.
Non mi piace la gente semplice, mi indispone, non li ritengo idioti, perché alla fine sono più idiota io, però mi danno fastidio lo stesso!

ebbè la maggior parte delle relazioni o tresche non nascono grazie a profondi discorsi filosofici sul senso della vita, ma da elettricità che si formano tra due persone in base ad aspetto fisico , modo di parlare muoversi attegiarsi ecc

Poi molte volte se ci fai caso i normali parlano di sesso relazioni situazioni varie su quest argomenti, sono temi che intrigano se detti nel modo giusto, noi fobici n genere non parliamo per ovvie ragioni di questi argomenti o ci limitiamo ad annuire quando gli altri lo fanno.

syd_77 28-03-2019 22:38

Re: La semplicità dei normali
 
Quote:

Originariamente inviata da Myway (Messaggio 2243189)
ebbè la maggior parte delle relazioni o tresche non nascono grazie a profondi discorsi filosofici sul senso della vita

e questo è un male secondo me

Myway 28-03-2019 22:48

Re: La semplicità dei normali
 
Quote:

Originariamente inviata da syd_77 (Messaggio 2243191)
e questo è un male secondo me

Non so..probabile...
Resta il fatto che stiamo parlando di persoen con situazioni di base diverse dalle nostre, con un percorso diverso dal nostro, quindi chiaro che è un mondo per noi lontano e incomprensibile.

Equilibrium 28-03-2019 22:57

Re: La semplicità dei normali
 
Quote:

Originariamente inviata da syd_77 (Messaggio 2243159)
non lo so, non posso entrare nella loro mente, ma da come parlano sembra che vadano in automatico.. o magari hanno una estrema rapidità di pensiero, cosa che dubito.

Più che altro la loro mente nn è intasata da pensieri che nn servono a nulla, tipo paranoie, pensieri del tipo meglio di si, no, si no si no, scrupoli che nn hanno motivo di esistere ecc ecc

alien boy 28-03-2019 23:26

Re: La semplicità dei normali
 
quando si teme di risultare anormali e giudicati male per questo si dice 'ma che cos'è la normalità'? la normalità non esiste'. Però quando fa comodo ai cosiddetti fobici di giudicare altri ecco che il concetto di normalità ritorna in auge :sisi:

syd_77 29-03-2019 00:12

Re: La semplicità dei normali
 
Quote:

Originariamente inviata da alien boy (Messaggio 2243222)
quando si teme di risultare anormali e giudicati male per questo si dice 'ma che cos'è la normalità'? la normalità non esiste'. Però quando fa comodo ai cosiddetti fobici di giudicare altri ecco che il concetto di normalità ritorna in auge :sisi:

non ho mai detto che la normalità non esiste. eccome se esiste.

Guybrush 29-03-2019 00:14

Re: La semplicità dei normali
 
Tendenzialmente gli estroversi riflettono meno sulle conseguenze delle proprie azioni e ne sentono meno il peso o per lo meno lo sentono nella misura in cui la società in cui si trovano reagisce.

Ogni modo di essere ha i suoi pro e i suoi contro

Peste Nera 29-03-2019 09:21

Re: La semplicità dei normali
 
Quote:

Originariamente inviata da incompresa88 (Messaggio 2243132)
Li disprezzo profondamente. Parlano a ruota libera, hanno la faccia come il culo, sono maleducati e si credono simpatici. A me fanno solo pena.

D'accordissimo con te anche se oltre a fermi pena alcuni mi fanno schifo. Spesso i normali anche se non parlano a ruota libera credono di essere superiori alle persone come noi solo per il fatto di fare tante cose, avere tanti interessi ecc... Inoltre sai quale è una categoria di persone normali che si credono esseri superiori quasi degli dei scesi in terra? Quelli che fanno volontariato. Mi sono sentito dire in faccia in pratica che io non valevo nulla perché non ero come loro, anche se poi proprio loro che si credono tanto buoni discriminano e schifano quelli come noi. Dentro di me gli ho augurato le peggio cose davvero. Io almeno non sono falso come loro, so di non avere il carattere per farlo e non mi avvicino a quel mondo.

zoe666 29-03-2019 09:52

Re: La semplicità dei normali
 
Quote:

Originariamente inviata da syd_77 (Messaggio 2243105)
Sfogo:


In verità li disprezzo, anche il loro parlare veloce e secco mi indispone, li reputo robotici,

non voglio neanche essere come loro.
Non mi piace la gente semplice,!

Quote:

Originariamente inviata da incompresa88 (Messaggio 2243132)
Li disprezzo profondamente. Parlano a ruota libera, hanno la faccia come il culo, sono maleducati e si credono simpatici. A me fanno solo pena.

Quote:

Originariamente inviata da Peste Nera (Messaggio 2243321)
D'accordissimo con te anche se oltre a fermi pena alcuni mi fanno schifo. Spesso i normali anche se non parlano a ruota libera credono di essere superiori alle persone come noi solo per il fatto di fare tante cose, avere tanti interessi ecc..

poi però non lamentatevi quando qualcuno giudica negativamente i timidi e gli introversi, voi fate lo stesso.

Winston_Smith 29-03-2019 09:53

Re: La semplicità dei normali
 
Non ha senso generalizzare in maniera così becera.

Peste Nera 29-03-2019 10:03

Re: La semplicità dei normali
 
Io non giudico male una persona solo perché è estroversa ma nel caso di alcune che ho conosciuto perché erano false e veramente schifose.
Vi riporto a grandi linee un caso che mi è capitato con i dialoghi:
estro: io faccio volontariato mica come te che non fai un caxxo.
io (cercando un po' di comprensione): ma io non sono molto bravo a stare in mezzo agli altri…
estro: a me di quello che fai tu non me ne frega niente (ridendo e guardando il cell).
Questa persona è sposata, con tanti amici, non è molto chiacchierona ma fondamentalmente estroversa però è falsissima. Giusto fare volontariato per farsi vedere e mettersi su un piedistallo ma poi quando si tratta di avere empatia con gli altri… Per lui i timidi/insicuri/fobici possono anche crepare, per me allora lui e quelli come lui possono crepare anche subito.

Palmiro 29-03-2019 10:19

Re: La semplicità dei normali
 
Quote:

Originariamente inviata da Peste Nera (Messaggio 2243346)
Io non giudico male una persona solo perché è estroversa ma nel caso di alcune che ho conosciuto perché erano false e veramente schifose.
Vi riporto a grandi linee un caso che mi è capitato con i dialoghi:
estro: io faccio volontariato mica come te che non fai un caxxo.
io (cercando un po' di comprensione): ma io non sono molto bravo a stare in mezzo agli altri…
estro: a me di quello che fai tu non me ne frega niente (ridendo e guardando il cell).
Questa persona è sposata, con tanti amici, non è molto chiacchierona ma fondamentalmente estroversa però è falsissima. Giusto fare volontariato per farsi vedere e mettersi su un piedistallo ma poi quando si tratta di avere empatia con gli altri… Per lui i timidi/insicuri/fobici possono anche crepare, per me allora lui e quelli come lui possono crepare anche subito.

Questo non è un "normale", è un cretino che se la crede, e pure insicuro perché ha bisogno di rimarcare la sua diversità da praticante di volontariato..
I veri "normali" non ne hanno bisogno di sputtanare gli altri in faccia gratuitamente, perché hanno già raggiunto un loro equilibrio interiore e vivono sereni..

incompresa88 29-03-2019 10:26

Re: La semplicità dei normali
 
Quote:

Originariamente inviata da zoe666 (Messaggio 2243339)
poi però non lamentatevi quando qualcuno giudica negativamente i timidi e gli introversi, voi fate lo stesso.

Giudico chi mi giudica. Non sono una santa che ama chiunque, penso si sia capito. Sono giudicante come lo sono molti altri.


Tutti gli orari sono GMT +1. Attualmente sono le 01:53.

Powered by vBulletin versione 3.8.8
Copyright ©: 2000 - 2019, Jelsoft Enterprises Ltd.