FobiaSociale.com

FobiaSociale.com (https://fobiasociale.com/)
-   Off Topic Generale (https://fobiasociale.com/off-topic-generale/)
-   -   Un Racconto... (https://fobiasociale.com/un-racconto-21534/)

ajMcwill 03-08-2011 15:47

Un Racconto...
 
ecco una piccola storia che ho scritto. Buona lettura


[SIZE="5"]Pioveva. Nella piazza poco illuminata pioveva a dirotto. Un uomo corse verso la propria macchina. Piegato in avanti e parandosi la testa con la valigetta, schiacciò il pulsante della chiave elettronica per aprire la porteria, quando sentì una voce chiamarlo alle spalle.
- E’ lei il signor Convito? –
L’uomo perbene si voltò quasi spaventato, osservando l’origine di quella voce: la sagoma immobile di un uomo, con il viso sprofondato nel buio di un cappuccio, chiedeva di lui.
- E’ lei chi è, mi scusi… -
L’uomo col cappuccio fece due passi verso l’uomo perbene, pronunciando attraverso la pioggia:
- Io sono la fatina turchina… -
L’uomo perbene non credette alle proprie orecchie.
- Come scusi? –
- Io sono la fatina turchina… - disse l’uomo col cappuccio. Poi cacciò una pistola dal giubbotto e l’appoggiò sulla fronte dell’uomo perbene, aggiungendo:
- E questa è la mia bacchetta magica…-
L’uomo perbene lasciò cadere la valigetta per terra, alzando le mani.
- No, la prego, ma cosa…-
- Vuole vedere come funziona bene la mia bacchetta magica? Salga in macchina.-
L’uomo perbene raccolse la valigetta, aprì le portiere ed entrò nell’auto. L’uomo col cappuccio si sedette accanto a lui, tenendo la pistola puntata sull’uomo perbene con le braccia conserte. L’uomo perbene era un tizio pelato: sulla fronte gli scivolano rivoli d’acqua, oppure sudore, forse entrambi. Aveva gli occhi spalancati e impauriti, la bocca intrappolata in una smorfia smarrita e, nell’ansia della morte, sputò d’un fiato una supplica:
- Non mi uccida, la prego, io non…-
- Io ti giuro due cose. La prima cosa che ti giuro è quella che se fai come ti dico io, vivrai, e anche a lungo. La seconda cosa che ti giuro è che se non fai come ti dico io, la mia bacchetta magica ti spedirà dritto all’inferno, chiaro? –
L’uomo perbene annuì a scatti veloci.
- Bene…- fece l’uomo col cappuccio – Adesso metti in moto e vai verso il Duomo… Non correre, mi raccomando: io la gente ansiosa la detesto. Stai calmo che non ti succederà niente.-
Con la coda dell’occhio l’uomo perbene guardò la pistola puntata sul proprio fianco.
- Tu fai come se non ci fosse…- disse l’uomo col cappuccio guardando dal finestrino bagnato.
La pioggia picchiava forte su tutta Catania. I tetti delle auto luccicavano come scudi sotto i lampioni.
- Che brutta serata, non trova?- disse l’uomo col cappuccio – Piove come non mai. Bruttissima serata, non trova? – ripeté l’uomo col cappuccio alzando la voce come a pretendere una risposta per rompere il silenzio.
- Bruttissima serata. Orribile…–
Disse l’uomo perbene col suo sguardo smarrito. Adesso l’uomo col cappuccio era soddisfatto, quasi sorrideva.

TO BE CONTINUED


Tutti gli orari sono GMT +1. Attualmente sono le 21:20.

Powered by vBulletin versione 3.8.8
Copyright ©: 2000 - 2022, Jelsoft Enterprises Ltd.