FobiaSociale.com  
     

Home Messaggi odierni Registrazione Cerca FAQ Messaggi odierni Segna i forum come letti
 
Vai indietro   FobiaSociale.com > Off Topic > Off Topic Generale > Forum Cinema e TV > Certe volte mi sento come…
Discussione: Certe volte mi sento come… Rispondi alla discussione
Il tuo nome utente: Clicca Qui per loggarti
Verifica immagine
Inserisci le lettere o i numeri (o entrambi) nell'immagine che visualizzi qui a destra.

Titolo:
  
Messaggio:

Opzioni addizionali
Opzioni varie

Visualizza l'argomento(prima i nuovi)
20-03-2012 22:48
valina90
Re: Certe volte mi sento come…

bree hodge(o/e vandekamp)di desperate housewives,nella sua estrema moralità e timidezza sessuale
29-02-2012 20:04
fuoridalmondo
Re: Certe volte mi sento come…

Scrat lo scoiattolo preistorico dell'"era glaciale" che insegue la su ghianda senza mai riuscire a prenderla....
29-02-2012 20:00
someday
Re: Certe volte mi sento come…

margot tenenbaum di 'the royal tenenbaums'
09-02-2012 15:47
eVito Corleone
Re: Certe volte mi sento come…

E' un paragone un po' complicato da spiegare e forse non c'entra molto ma ci provo e dico il protagonista di The Hurt Locker.

La frase iniziale del film dice :"la furia della battaglia provoca dipendenza totale perché la guerra è una droga"

Ecco, io detesto la mia vita inutile e senza senso ma allo stesso tempo ne sono assuefatto e dipendente, non posso farne a meno di vivere in questo modo anche se vorrei cambiare qualcosa, così come Jeremy Renner nel film pur detestando la guerra ne è assuefatto, ed una volta tornato a casa si ritrova in difficoltà a dover affrontare la scelta di fronte ad una parete di cereali al supermercato (scena bellissima, insieme a quella successiva con il figlio).
09-02-2012 15:24
Heropas
Re: Certe volte mi sento come…

Jeanne Dielman, 23 Quai du Commerce, 1080 Bruxelles, oppressa dalla vuota routine.
09-02-2012 14:39
Allocco
Re: Certe volte mi sento come…

Mannaggia ho dovuto rispondere al topic perché mi piace molto, ma mi ha messo anche in difficoltà perché a seconda del momento potrei essere una ventina di personaggi
(quindi sei Zelig! - si, ma boh, l'avevo appena citato nell'altro topic.. nah)


Credo che il personaggio giusto da scegliere sia il fantasma senza faccia Kaonashi (quello nell'avatar)
La sua maschera è talmente ambigua da sembrare triste o contenta a seconda di chi e quando la guarda,
e ha la non trascurabile capacità di capire chi ha di fronte e attrarlo, in modo da poterlo inghiottire (rendendolo una parte di sé)!

[coro]: MrBean! MrBean! MrBean!
No! MrBean no!
22-01-2012 13:17
passenger
Re: Certe volte mi sento come…

Certe volte mi sento come David Locke, che rincorre il sogno impossibile di fuggire dal proprio passato e dunque dalla propria vita.
22-01-2012 12:49
Moonwatcher
Re: Certe volte mi sento come…

Certe volte mi sento come Sam Lowry in Brazil che vive sognando e perisce sognando.
22-01-2012 12:43
barclay
Certe volte mi sento come…

Completate la frase col nome di un personaggio cinematografico/televisivo nel quale vi identificate, spiegando il perché, se vi va.

Certe volte mi sento come Mad Max, che, alla fine, rimane sempre da solo.



Tutti gli orari sono GMT +1. Attualmente sono le 15:30.
Powered by vBulletin versione 3.8.8
Copyright ©: 2000 - 2020, Jelsoft Enterprises Ltd.