FobiaSociale.com  
     

Home Messaggi odierni Registrazione Cerca FAQ Messaggi odierni Segna i forum come letti
 
Vai indietro   FobiaSociale.com > Psico Forum > Depressione Forum
Rispondi
 
Vecchio 14-06-2018, 14:10   #1
Esperto
L'avatar di zucchina
 

https://www.psicologobari-dottspinel...el-pessimismo/
Vecchio 14-06-2018, 14:43   #2
Banned
 

ネ il concetto della self-efficacy, con pi chiacchere e pi scosse elettriche perch tcc will be tcc.
Vecchio 14-06-2018, 17:21   #3
XL
Esperto
L'avatar di XL
 

“L’ottimismo speranza. Non assenza di sofferenza. Non essere sempre felici e soddisfatti. ネ la convinzione che sebbene si possa sbagliare o si possa avere un’esperienza dolorosa, si pu agire per cambiare le cose.”

Per gi in base a questa asserzione non si pu non essere pessimisti a monte e perdere le speranze che determinate cose si verifichino.
Non si pu vivere senza sofferenze ed in tal senso le cose non le si pu cambiare e non si pu sperare di cambiarle, in relazione a questi aspetti della realt si impotenti. Perch questa cosa qua non va curata?

Siccome non si onnipotenti non si pu che essere in qualche senso impotenti, c' poco da fare.

Tutti apprendono ad essere impotenti in qualche senso e non si capisce mai bene poi la linea di separazione tra il sano e l'insano quale sia.

Bisogna sempre sperare di poter far tutto? Che ci sia sempre un corso di azioni che porta a risolvere certe cose e che certi dolori non sono permanenti?

Che so... Muore qualcuno? Si deve credere che questa situazione oggettiva si pu cambiare?
Si pu agire sempre per modificare in certi modi che si desiderano certe situazioni?
Invece di non agire in alcun modo per far resuscitare i morti, si inizia a far di tutto per ottenere questo risultato?

Si potrebbero fare esperimenti virtuali in cui si convincono le persone a non essere impotenti anche di fronte alla morte mostrando che premendo un pulsante la persona morta resuscita. In linea di principio potrebbe anche darsi, perch perdere le speranze in cose del genere?

Per me a seconda della realt con cui si ha a che fare pu essere appropriata o meno una certa reazione emotiva e comportamentale. Siccome si crede che di fronte ad una persona morta si potr fare ben poco per rimediare alla cosa, in tal senso si star con buone probabilit fermi, chi non lo sa (o meglio spera in un altro esito) magari cercher di svegliare il morto o prover ad agire in certi altri modi per modificare la situazione.

L'impotenza appresa (in relazione a certe situazioni e stimoli) potrebbe essere sia adattiva che disadattiva, dipende poi tutto dalla realt concreta com' fatta (siccome nessuno in fondo lo sa, ci si trova sempre su di un confine incerto, non si sa quali sono i vincoli invincibili). Tutti hanno appreso ad essere impotenti nei confronti della morte e di molte altre cose ( qualcosa di appreso questo come tutto il resto), per poi praticamente nessuno tende a diseducarsi.

Il passaggio dal senso di onnipotenza infantile a quello di impotenza adulta come potrebbe mai avvenire senza apprendere che in certi sensi si impotenti e che certe cose non le si pu cambiare con le azioni?
Si possono solo adattare le azioni alle cose e queste cose qua son rigide ed immodificabili.
La realt cos' se non una serie di vincoli o leggi permanenti contro cui nulla si pu fare? Come agisci agisi sarai sottoposto al vincolo, alla forza di gravit.

Se sbagliato esser stati educati a non sperare che certe cose possano avvenire grazie a certi nostri modi di agire, dovrebbe essere sbagliato non coltivare speranze molto rilevanti anche in questi casi qua.

L'ottimista che crede di poter far tutto e non pensa mai ad un sistema rigido di leggi invalicabili potrebbe essere pi matto del pessimista che magari le sovrastima.

Se fossimo onnipotenti l'ottimismo sarebbe qualcosa che risulta in linea con la cosa, siccome non lo siamo non si pu essere sempre ottimisti.

Ultima modifica di XL; 14-06-2018 a 18:09.
Vecchio 14-06-2018, 18:11   #4
Esperto
L'avatar di Noriko
 

Esiste l'obiettivit realistica? Oppure ognuno di noi ha una visione realisticamente positiva o negativa Rispondendo un po' a XL.

Comunque, la depressione secondo me nasce dalla vulnerabilit del soggetto, intesa come predisposizione genetica, caratteriale e ambientale.
Quello che dice lo psicologo del link secondo me vale fino un certo punto perch non prende in considerazione l'aspetto fisico della depressione.
Quindi chiaro che modificando l'atteggiamento o il comportamento la depressione endogena da sola non se ne va sempre secondo me.
Rispondi
Strumenti della discussione Cerca in questa discussione
Cerca in questa discussione:

Ricerca avanzata


Discussioni simili a Dall段mpotenza appresa alla depressione: il ruolo del pessimismo
Discussione Ha iniziato questa discussione Forum Risposte Ultimo messaggio
Voglia di morire: senso di impotenza e rabbia di fronte alla morte altrui. M.me Adelaide Forum Altri Temi per Adulti 0 05-06-2017 10:03
Dall'ombra alla ribalta lizbon SocioFobia Forum Generale 19 11-03-2012 18:37
Sono guarita dall'ansia e dalla depressione illuminare_il_buio SocioFobia Forum Generale 12 11-08-2011 17:01
depressione ed impotenza devilinside Depressione Forum 4 30-08-2007 13:11



Tutti gli orari sono GMT +1. Attualmente sono le 03:22.
Powered by vBulletin versione 3.8.8
Copyright ©: 2000 - 2018, Jelsoft Enterprises Ltd.
Powered by vBadvanced CMPS v3.2.2